110534103_10203179382537935_4130986362605128075_o
Studio di Psicodramma Moreniano


                                                                                                     di Modena



LA DIAGNOSI CLINICA SOTTO UNA PROSPETTIVA PSICODRAMMATICA


Dalla teoria dei ruoli alla diagnosi operativa



DANIELE REGGIANINI


■SOMMARIO

Argomento dell’articolo è il rapporto tra psicodramma ed azione diagnostica. A partire da considerazioni epistemologiche generali riguardanti il rapporto tra soggetto indagante ed oggetto osservato, esistenzialismo e conoscenza scientifica, soggettività e ricerca dell’universalmente vero, le riflessioni sviluppate sono volte a definire tipologie, finalità, caratteristiche e limiti di possibili attività diagnostiche compatibili con la filosofia e con il metodo moreniano. Viene, in questo contesto, a definirsi la specifica categoria della diagnosi operativa, di cui vengono infine precisati e descritti principi e criteri di riferimento.



Clinical Diagnosis from a Psychodramatic Perspective:


From role theory to an operative diagnosis


Daniele Reggianini


Abstract

This article focuses on the relationship between psychodrama and diagnostic action. It begins with general epistemological considerations regarding the relationship between the assessor and the observed subject. Aspects of existentialism, scientific knowledge, subjectivity and the search for universal truth are reflected upon. These are developed in order to define typologies, purposes, characteristics and the limits of possible diagnostic activities compatible with the Morenian philosophy and method. In this context the specific category of a working diagnosis is defined, from which principles and reference criteria are explained and described.


Esercizi di stile.


Un contributo alla definizione di atteggiamenti e procedure per un’operatività diagnostica conforme al modello moreniano.


Daniele Reggianini


SOMMARIO

L’autore parte dall’analisi dei resoconti scritti relativi alla partecipazione, durata alcuni anni, da parte di un persona reale ad un gruppo continuativo di Psicodramma; dapprima raccoglie, descrive e commenta i “dati obiettivi” secondo lui rilevanti ed utili, da un punto di vista psicodrammatico, all’illustrazione del “caso”. Successivamente sviluppa una elaborazione dei dati raccolti finalizzata, da un lato, alla conoscenza e comprensione esistenziale di questa persona, e che dall’altro fornisca stimolo e supporto a riflessioni circa il modello teorico moreniano dello sviluppo della personalità.

Introduction

Making a diagnosis means observing, examining, interpreting and attempting to reach, in the end, the definition of a person other than the self. It is an action which moves in a dimension that, on one hand, has the interpersonal relationship as coordinates and, on the other hand, the knowledge of and the search for truth. The specific information that is sought to be gathered, interpreted and defined relates to the personal and psychological situation of an individual: the patient, or user or client (with preferred attention on his state of health). This process is developed through the intervention of one individual who works with the another person for a specific purposes: i.e. for treatment, to help or for research.

The relationship poles: role and counter-role

In the psychological sphere an individual’s heath is connected to the idea of how we structure and define ourselves in relevant and significant ways. This idea directs us to find a well-founded paradigm, a diagnostic action in harmony with the psychodramatic perspective; that is the idea of structure associated with the Morenian concept that defines the role as an “operative form”.

In fact, in Moreno’s words


“role can be indentified with the real and perceivable forms that the self takes on. Role is the functioning form the individual assumes in the specific moment he reacts to a specific situation in which other persons or objects are involved. The symbolic representation of this operating form, perceived by the individual and by others, is called role. The form is created by past experiences and by the cultural models of the society in which the persons lives, and it supported by the specific characteristics of the productive abilities of the person himself. Every role is a fusion of private and collective elements.”

Moreno (1961)


In the Morenian ontological concept the same individual personality is not only supported and manifested through forms or “operative structures”, the roles, but in these and through these it is also founded, developed and defined respectively: “Roles do not emerge from the self, but the self emerges from the roles” (Moreno, 1985, pg. 36). So according to Moreno’s idea the role is not defined as a simple manifestation or attributed to the personality, but rather it constitutes a well-founded element in that through the contextualized interaction between roles the developmental and definition processes of the self are realized.


The role is therefore characterized as the first qualifying aspect in order for the person to be intrinsically interpersonal


“the role implies a relationship with others ... if it did not exist outside us, it could not be given the role. A role always requires polarity, that is, two entities that create a relationship through interacting. Within this bipolarity Moreno differentiates the two entities by assigning the term of role to one and counter role to the other…… The first term is attributed to the polarity in which he is found and that he, from his point of view, perceives the relationship and whether he portrays it; the second term is attributed to the element that portrays the ‘other’.”

Boria (1997)


Therefore in the interaction between two people, giving one name or another to one or both people indicates the purpose and context in which the observation takes place. In this sense, the terms are absolutely interchangeable. One of the characteristics associated with this interchangeability is that, together with symmetry and complementarity, this more significantly defines the role and its position in relation to the counter-role: reciprocity.


Role and counter-role are symmetrical because the relationship that connects them is based on a plan of absolute equality; they are reciprocal in that the identity of each of the two is defined and supported by the other. Each role is structured and conforms through the interaction with the encountered counter-roles and they are complementary, in that the significance incorporated in each of the two find reference and integration in the perceived significance of the other.


As we will demonstrate by continuing, not even the therapist-patient relationship escapes these characteristics, in that the relationship itself can be considered by the same standard a particular case of role-counter role relationship. This notion is the bearer of important consequences supported precisely by the diagnostic action, which is the object of our interest.


Role / Counter-Role: the therapist-patient relationship or between diagnosis and “case”



“….. Freud discovered that the therapist is not free from some personal involvement in return and this he called “counter”-transference: Counter-transference arises in the physician as the result of the patient’s influence on his unconscious feelings”. Actually, there is no “counter”. Counter-transference is a misrepresentation; it is just transference “both ways”, a two-way situation. Transference is an interpersonal phenomenon.


The definition of transference as given to us by Freud is obviously made from the point of view of the professional therapist. It is the therapist’s bias. If the definition would have been made from the point of view of the patient, then the description given by Freud could be “reversed” without change ... After having eliminated the bias of the therapist as the one which defines the therapeutic situation, assigning to himself a “special status”, an unjustified status of uninvolvement and after some insight had come to display, still giving himself the benefit of being only “counter”, we arrive at the simple, primary situation of the two individuals with various backgrounds, expectations and roles, facing each other, one potential therapist facing another potential therapist… At the same time, another process takes place in him: that part of his ego which is not carried away by auto-suggestion feels itself into the physician. It sizes up the man across the desk and estimates intuitively what kind of man he is. These feelings into the actualities of this man, physical, mental or otherwise are “tele” relations.

Moreno (1995, pp. 13-14).


From Moreno’s perspective the therapist-patient relationship is interpreted like any other interpersonal relationship and, as a consequence, subject to the same laws. It presents the same model of riches and problems in relation to which the phenomena of “tele” and transference are formed as important and fundamental examples. It follows that making a diagnosis, in the sense of grasping and defining an individual’s intimate situation, cannot be an operation carried out “unidirectionally” as it involves an “investigating” subject and an observed object. It must be considered as an encounter of two subjects, distinct yet symmetrical and complementary, who together reach the result of broadening the field of awareness and truth regarding one of the two in a preferential yet not exclusive way.


These beliefs have an additional foundation when we consider the more sophisticated instruments used in the diagnostic venue; those that are beyond anamnesis and gathering the information, the so-called objectives. These focus the attention on the actual figure of the therapist and his relative experiences brought out by the interaction with the patient in order to define the latter through counter-transference interpretation.


So it is precisely when the actual therapist himself and the relationship engaged with the patient are performed respectively, and explicitly, the instrument and the preferential object of the investigative method that the process developed cannot be asymmetrical and “one-way” is better highlighted. Thus a sort of psychological “vagueness principle” is defined for which the smaller the distance between the observer and the observed, the more intimate and delicate the explored dimensions, the more difficult it is to draw upon, in situations of asymmetry and unambiguousness of the relationship, the truth.


This happens because both the same insufficiency, on a relational distance level between the persons, as well as the participation and the personal involvement of the therapist, at the moment in which they become unavoidable (given the nature of the dimension of the actual enquiry object) and is open to contamination and conditioning of the objectivity and the truthfulness of the results of the observation and interpretation process.


Diagnosis: between subjectivism and relationship and the construction of truth



“.... We sociometrists have emphasized since our early days that the human being in his total subjectivism has to be made part and parcel of scientific analysis in order to provide the investigator with a complete phenomenological account of what takes place in the human situation. .... The patient becomes the chief guide in the research about himself as well as in his cure. Two contradictory principles are operating in the therapeutic investigation. One is the utterly subjectivistic and existentialistic situations of the subject; the other is the objective requirements of the scientific method. The question is how to reconcile the two extreme positions. .... Existential validation pays homage to the fact that any experience may be reciprocally satisfactory at the time of the consummation, here and now. …Psychotherapeutic methods, individual and group, depend on genuine interaction between therapists and patients ... as long as no pretense is made that generalizations can be drawn from whatever events recorded, or that the future behavior of the participants can be predicted from the events… Indeed, a scientific validation would be meaningless for the participants, for the value of their experience is self-evident. But scientific and existential validation do not exclude one another, they can be constructed as a continuum.”


Moreno (1995, pp. 248-49).


On one hand these words by Moreno supply us with additional indications about the direction to take in formulating a diagnostic action according to a psychodramatic perspective. On the other hand they highlight nature of the problems and conflicts that seem to have no apparent solution.


The first aspect involves the confirmation of the value of the subjectivity, of every subjectivity, even the weakest, the most indefinite or the most problematic. A value that extends to considering every being in his/her oneness and uniqueness in order to optimize the potential for the actual initiative and responsibilities (in other words creativity) of every human being.


The value subjectivity becomes the foundation of truth at the moment in which recognizing the preciousness of every single human existence is broadened to every significance embodied by the latter, and to every point of view expressed by the same. Every personal content (thought, emotion, background, desire ….) is a legitimate and true expression of an individual’s personal situation. It produces and assumes significance in relation to the existential experience of these, whilst it is also part of the articulate and complex construction of human reality, together with all the manifestations of the other subjectivity.


In proceeding with the intent of coming to the knowledge and definition of a personal entity, the optimized focus on every individual subjectivity therefore gives shelter from arbitrary and mystifying role asymmetries. It is qualified as an indispensible reference for this important and delicate activity. Thus we cannot consider this sufficient criteria when considering reaching our goals. In fact, the knowledge of the situation can neither be reduced to a simple contemplation of every personal existence, nor to the approach or simultaneous consideration of a multiplicity of points of view and personal expression, nor if it were possible, to the totality of these. The subjectivity to draw upon the “true” knowledge of the situation requires at least one reference.


The adoption of role theory, as a model for observation and interpretation of social and psychological phenomena, is always to guide us in the research and to lead us to the identification of this reference with a “collective” dimension. This role is also characterized by its ‘bridging’ quality between the individual and the context, between subjectivity and sociality. In fact, “the function of the role is to enter the unconscious from the social world and bring shape and order into it” (Moreno, 1985, pg. 39).


Yet its function, as an operative method that the individual assumes in relating with others and with the world, is also that which allows the person to express himself towards the social world making himself known to it, trying to provoke counter-reactions that respond to the actual needs.


“Every individual man functions in a system which is confined by two boundaries: the emotional expansiveness of his own personality and the socio-emotional pressure exerted upon him by the population.”

Moreno (1964, pg. 292)


The subject needs to find reference points in order to come to the determination of a truth that establishes a dimension of objectivity and protects him from the risk of falling into subjectivism or into relativistic exasperations. In doing so he finds a suitable and specific “counter-role”, which takes into account the “other than the self”.


If this fails to be resolved, in a simple acceptance and optimization of differences, a dialectic interaction between multiple persons is created and the research (and the definition of truth) is unrealized as a mere juxtaposition or sum of additional subjectivity. It is defined as a common and coordinated action (even if eventually permeated by conflicting aspects) that produce determinations that belong temporarily to the collective dimension. In other words, we can say that from both a social and psychological point of view the personal truth has a specific and unavoidable interlocutor: the interpersonal relationship.


It is precisely through these “relational dialectics” that the different people come into contact and interact reciprocally; they stimulate each other, both taking part in the definition and contextually reaching the formation of collective elements, very similar to those entities defined by Moreno as “cultural preserves” (Moreno, 1985, pp. 171-172 and 188). These products of the collective interaction and action are qualified as functional and useful reference points that temporarily come to being during the parallel flow, and concurrent dialectic, of the creative action of the individuals and of the development of cultures. They are indispensable, but temporary, moments of “standstills” and “rigidness” of the structures throughout the incessant flow of the psychological and social existence.


The products of this type are formed as results of the activity of the individuals and of the cultures; similar to them are the results of those diagnostic activities that, when realizing them, take on the dimension of the universal as a preferential reference and, consequently, the categories and classifications, neglecting, sometimes entirely sometimes partially, the subjectivity of the other, which is the definition object.


In this way there is no intention of disowning the usefulness of these practices, but rather to define them, and therefore implicitly optimize their specific purposes and usefulness. In a synthetic and simplifying way we lead the latter ones back to the possibility of being able to generalize, exchange, collate and diffuse elements of knowledge. However this is a knowledge that refers to partial aspects and attributes of the latter, for example its symptoms, much more than to the individual person. We define this type of activity as a personality diagnosis predominantly cognitive (of generalized and common aspects to different subjectivity) and informative. However, we can add at least two other typologies to this, which we will call operative diagnosis and existential diagnosis, respectively. The first is identified as a diagnostic activity that has the main goal of guiding and directing of the therapy agent (in our case, the director of the psychodrama group). The second is an action that draws upon the profound, the possible, the richness, the specificity and the significant complexity embodied in a single individual existence.


We will limit ourselves hereafter to closely examining the elements characterizing the first of the two typologies and save a little attention for the second in the brief conclusive considerations.


Operative diagnosis

Using role as a reference model, once again, to help us with our difficult task of defining this type of diagnostic activity in a precise and distinctive way. Every role is characterized by two aspects or base characteristics; it is real, concrete and therefore immediately perceivable, describable, recognizable and definable. Yet, at the same time, it is a ‘symbolic representation’, that is it deferred to something else. The first aspect regards the ‘structural’ dimension, which is the assumed and represented forms we perceive, in the immediacy of the observation. The second aspect defers to the significance implied by the structure and embodied by the subjectivity reality with which we relate. An operative diagnosis is defined as a partial and selective activity that is led and limited in perceiving and defining specific (and we repeat, partial) aspects expressed by a person in the immediacy of acting and relating. Only for these reasons and in this sense is an operative diagnosis offered to produce definitions characterized by a relevant degree of universality and objectivity, and to make those conceptual instruments available, of basic value, as to which we will try to define.


Basic role structure: development and typology level

In identifying the parameters on which to base an operative diagnosis of psychodramatic inspiration, we could concentrate on the structure of the personality in general and defining the characteristics. For example, if it is developed or vice versa immature, rigid or flexible (spontaneous or crystallized). In addition, in harmony with the thoughts developed previously, we will focus our attention on the role repertoire presented by the person observed and aim to define what the level of development, adequacy and reciprocal integration of these is.


Moreno describes three methods through which the relationship between the actor and the roles they are called to play can be realized (they correspond both to three different levels of spontaneity of action, as well as three evolutionary stages in personality development):


‘role-taking’, which is the taking of a finished, fully established role which does not permit the individual any variation, any degree of freedom, ‘role playing’, which permits the individual a high degree of freedom, and ‘role creating’, which permits the individual a high degree of freedom, as for instance, the “spontaneity player”.

Moreno (1964, pg.76)


Making reference once again to the Moreno’s role theory, we can evaluate the roles acted out by the subject, and observed by us, identifying them and qualifying them as


rudimentarily developed, normally developed, or overly developed,

partially or totally lacking (disinterest in the role),

degenerate in a hostile function (roles present but not adequately acted out with regard to the person’s need and to the contextual situation);


Or, when referring to their presence and to their development over time, we conclude that


the role is never present,

it is manifested in several circumstances (the presence of specific persons or situations) but not in others,

present at one time in a circumstance but not longer exists.


Or we could refer to the "role scheme", elaborated by one of Moreno’s students1 and according to whom: the ego is essentially led back to self-consciousness. The self is considered a sort of dynamic membrane that envelops the ego, in direct and syntonic connection with the emotions experienced by this and with its defense mechanisms. The roles are considered fundamentally for their "bridging" function, or extension, as an instrument for establishing relationships of the ego in the social structure (through the dynamic field, subject to expansions and contractions, represented by the self).


Within this interpretive framework they can be coded as follows


Little developed roles, that are not able to reach their goal (meeting and relating with the corresponding counter-role). In that they do not leave the area bounded by the self and they are subject to the slight mood changes and defensive activities of the individual who, with respect to them, lives an overall involvement and an insufficient discrimination.


Moderately developed roles find their contact point with the counter-role and are close to the boundary of the self; however these have limited variations and, at the expense of the latter condition, reduce the possibility of interaction and encounter.


Well developed roles draw upon the energetic supply of the emotional self and are well developed and defined. They firmly go beyond the limits, making them clearly observable by the subject for the purposes of necessary adjustments, while they interact in a continuous and adequate manner (corresponding to their needs for which are formed and activated) within the relationship with the external world.


Pseudo roles, also called "orthopedic roles", are grafted on little developed roles in connection to a closed social situation and/or to a weak ego. They are the temporary replacement (with regard to a more suitable action in the sense of self-determination and freedom and newness) and an attempt for a response to the pressing requests of the context.


Double, mirror and role reversal

It has already been emphasized how, in general, the role embodies a base function with regard to forming and creating an individual’s personality. This applies in particular to a special role group that the person, over the course of the progressive development of his background and his existence, lives out: double, mirror and role reversal. In short, we remember how the function of double, mirror and role reversal refer to the interpersonal situations when in one of the people involved these are activated. In the first case to “feel with“ and “inside” the other, in a background of intense sharing that does not imply, however, the loss of the individuality of the different persons. In the second, to perceive, from the outside, aspects and characteristics of the other, to defer to them, benefiting from the possibility of these in order to perceive from an observational point found outside of him, thanks to this contribution. Lastly, in the third case, placing himself in the other’s point of view, taking this on in addition to the perspective of observed emotions, thoughts, and behavior.


These functions correspond to the specific order of the relationships that the human being finds themselves progressively involved, in the course of their evolution as a person and as a social subject. They arise according to a chronology that sees the double followed by the mirror, then arriving at the role reversal; therefore the specific interpersonal configuration (according to the preferential methods of the double, mirror and reverse roles) corresponds to quite distinct and defined evolutionary stages.


Double, mirror and role reversal are formed at some point, as happens with every type of role, as operative configurations that the subject assumes, and as a model for the relational dynamics that involve two or more persons. As relational models the double, mirror and reverse roles can be defined both as roles as well as counter-roles, as long as within the interaction that is to be structured, according to said methods, the subject little by little assumes and yields to the point of view found in a respective active or passive position. In other words the individual on which the attention is focused, over the course of the assessment (for diagnostic or other purposes), will embody a double, mirror or reverse role, or vice versa will relate with a corresponding double, mirror counter-role etc., depending on whether he is the promoter subject of the corresponding function, or whether characterized as a passive beneficiary, or reference, of the same.


For operative diagnosis purposes particular care in perceiving and defining how the subject manifests himself in relation to the aforementioned roles and functions will be placed on the part of the observer. This both when, in an active position, he is called to act them out and to present them, as well as when passively formed as a receiver or beneficiary with regard to the same entities. In particular, attention must be put given to perceived deficiencies or anomalies in the structuring of the roles corresponding to the mentioned functions, or particular and significant interaction methods with the corresponding counter-role. In fact, the observation of these aspects can supply precious indicators, with respect to the hypothetical critical knots located at specific points of the evolutionary continuum, as well as in consideration of the preferred strategic operative decisions in the course of the therapy.


Fusion, individuation and alterity (otherness)

We can refer to the psychodramatic concept of the development of the individual personality (in dynamic interaction with persons and situations within the relational matrixes), at the same time taking into account the needs theory, a Morenian inspiration2, that is rooted in a harmonious alteration of fusional satisfaction and individual satisfaction, with consequent access to the alterity, the formation and evolution personality processes. If we consider everything that we observe and search for the attitude again, on the part of the person of our interest, to act out roles on the register of fusion and on that of the individuation, to act them out respectively in an active position or vice versa passive, and coming to the encounter with the newness and that which is different from himself (De Leonardis, 1994, pg. 153 and on).


Ego actor and ego observer dynamics

In order to enrich our diagnostic framework, we can consider the observation and reflection activities of the subject towards himself and his own roles (self-observation role), and therefore define and interpret the specific ego actor / ego observer relationship (of that person) (De Leonardis, 1994, pg. 204 and on). The diagnostic criteria level of structuring and definition, presented by the two entities, will be examined alongside the degree of differentiation of respect for each other. So too, the specific interaction methods with emphasis on significant evidence like the over-structuring and neglect of a necessity to the detriment of the other.


In conclusion

Once these observations and reflections are complete, we will have defined an important and useful interpretive framework of generalizing and classifying the value of the structure and processes that govern the psychic activities of an individual. We should have reached a level of formulation based on the knowledge that we have about the partial aspects of that person. The knowledge of the subject under assessment requires additional information, so that the riches of his subjectivity do not escape us, nor any aspect of the enormous variety of roles embodied by him and of the significance to which these defer.


Moreno’s “outlook of man and the world” identifies that with “tele” and in interpersonal relationships there is the possibility of drawing upon such riches. The observer who makes the diagnosis can gather the nuances that characterize the “form” of the roles acted out by the observed person, interprets the significance and understands his intimate existential situation. This only in the immediacy of the tele relationship from which it arose. This is achieved in portraying the double or mirror of it, putting himself in shoes of the other person; presenting – in carrying out the scenic representation – every fragment of his personality and making the significance explicit; thus following it, along the flow of his existential events.


A diagnosis that has the intention of drawing upon the intimate and profound knowledge of the person can only be realized through the co-exploration of the person’s vital world. Therefore it is also defined as co-diagnosis and is qualified as real only in the immediacy of each single fragment of existence throughout the incessant flow of becoming.


References

Boria G., Lo psicodramma classico, Franco Angeli, Milan, 1997.

De Leonardis P., Lo scarto del cavallo – Lo psicodramma come intervento sui piccoli gruppi, Franco

Angeli, Milan, 1994.

Moreno J. L. (1961), The Role Concept: A Bridge Between Psychiatry and Psychology in: American Journal of Psychiatry.

Moreno J. L. (1964), The Third Psychiatric Revolution and the Scope of Psychodrama in: Group Psychotherapy, Vol. XVII, Nos. 2-3, Beacon House, New York.

Moreno J. L., Manuale di Psicodramma – Il teatro come terapia, Astrolabio, Rome, 1985.

Moreno J. L. e Moreno Z.T. , Gli spazi dello psicodramma, Di Renzo Editore, Rome, 1995.



1 Cf. The conceptual framework elaborated by Rojaz-Bermudez, in an article by Boria (1997) from pg. 46 on.

2 Regarding this and the following, it involves original theoretic contributions elaborated by Paola De Leonardis; autonomous in production, yet “Morenian” in spirit, in that they are harmoniously integrated into the general conceptual framework that has shaped the outlook developed by Moreno regarding the development and the action of the individual in the world.


Il fare diagnosi significa osservare, interrogarsi, interpretare e tentare, infine, di pervenire alla definizione di un soggetto altro da sé; è pertanto un agire che si muove in una dimensione che ha come coordinate da un lato la relazione interpersonale e dall’altro la conoscenza e la ricerca di una verità. Lo specifico dato che si cerca di cogliere, interpretare e definire concerne la realtà personale, psicologica di un individuo: il paziente, o utente o cliente (con un’attenzione privilegiata al suo stato di salute); questa operazione si realizza attraverso l’opera di un altro individuo che con finalità diverse, di studio, d’aiuto o cura, si occupa di lui.



I poli di una relazione: ruolo e controruolo


In ambito psicologico la condizione di salute dell’individuo è, in modo rilevante e significativo, correlata all’idea di definizione di sé, di struttura; questo ci dà una prima indicazione rispetto al fine, qui perseguito, di trovare un paradigma fondante, un’azione diagnostica che sia in armonia con la prospettiva psicodrammatica: l’idea di struttura è immediatamente associabile al concetto moreniano che definisce il ruolo come “forma operativa”.

Infatti, nel pensiero di Moreno “ il ruolo può essere identificato con le forme reali e percepibili che il sé prende. Pertanto definiamo il ruolo come la forma operativa che l’individuo assume nel momento specifico in cui egli reagisce ad una situazione specifica nella quale sono implicati altre persone od oggetti. La rappresentazione simbolica di questa forma operativa, percepita dall’individuo e dagli altri, è chiamata ruolo. La forma è creata dalle esperienze passate e dai modelli culturali della società in cui la persona vive, ed è sostanziata dalle caratteristiche specifiche delle capacità produttive della persona stessa. Ogni ruolo contiene una fusione di elementi sia privati che collettivi. Ogni ruolo presenta due aspetti, uno privato ed uno collettivo.” (Moreno, 1961).

Nella concezione ontologica moreniana la stessa personalità individuale non solo si sostiene e si manifesta attraverso forme o “strutture operative”, i ruoli, ma in questi e attraverso questi, rispettivamente si sostanzia, si sviluppa e si definisce: “I ruoli non emergono dal sé; è il sé che emerge dai ruoli.” (Moreno, 1985, pag,36). Pertanto nell’idea di Moreno il ruolo si viene a definire non come semplice manifestazione o attributo della personalità, bensì rispetto a questa si costituisce come elemento fondante, in quanto proprio attraverso l’interazione contestualizzata tra ruoli si realizzano i processi di sviluppo e definizione del sé.

Il ruolo si caratterizza perciò, come primo aspetto qualificante, per essere intrinsecamente relazionale: “il ruolo implica una relazione con altri …..se non esistesse altro da noi, non potrebbe darsi il ruolo. Un ruolo richiede sempre una polarità, cioè due entità, che interagendo creano una relazione.All’interno di questa bipolarità Moreno differenzia le due entità assegnando a una di esse il termine di ruolo e all’altra quello di controruolo ……La prima denominazione è attribuibile alla polarità in cui si trova colui che coglie, dal suo punto di vista, la relazione e se la rappresenta; la seconda, all’elemento che fa da ‘altro’.” (Boria, 1997).

Nell’interazione tra due persone, perciò, l’attribuzione di una denominazione o dell’altra ad uno dei due soggetti è esclusivamente in funzione di qual è il punto di osservazione in cui si sceglie di collocars; in questo senso i termini sono assolutamente intercambiabili; a questa intercambiabilità si associa una delle caratteristiche che, assieme alla simmetricità e alla complementarità, più significativamente definisce il ruolo e la sua posizione rispetto al controruolo: la reciprocità.

Ruolo e controruolo sono simmetrici perché la relazione che li collega si sviluppa su un piano di assoluta parità; sono reciproci in quanto l’identità di ognuno dei due è definita e sostenuta dall’altro: ogni ruolo si struttura e conforma proprio attraverso l’interazione coi controruoli incontrati; e allo stesso tempo sono pure complementari, in quanto i significati incorporati in ciascuno dei due trovano riferimento ed integrazione nei significati afferenti all’altro.

A queste caratteristiche, come cercheremo di dimostrare andando avanti, non sfugge nemmeno la relazione terapeuta-paziente, in quanto essa stessa può essere considerata alla stregua di un caso particolare di interazione ruolo/controruolo; questa considerazione è portatrice di significative conseguenze proprio a carico dell’azione diagnostica oggetto del nostro interesse.



Ruolo/controruolo: la relazione terapeuta-paziente,

o tra diagnosi e “caso”


“….. Freud scoprì che a sua volta il terapeuta non era libero da coinvolgimento personale, e chiamò questo coinvolgimento controtransfert: il controtransfert nasce nel medico come effetto dell’influenza del paziente sui suoi sentimenti inconsci. In realtà non esiste alcun contro. Controtransfert è una definizione erronea; si tratta in realtà di un transfert in entrambi i sensi, una situazione transfert in entrambe le direzioni, una situazione a due-vie. Il transfert è quindi un fenomeno interpersonale.

La definizione di transfert che ci è pervenuta da Freud, è chiaramente costruita dal punto di vista di un terapeuta professionista, e ne riflette i preconcetti. Se la definizione fosse stata costruita dal punto di vista del paziente, il concetto di Freud avrebbe potuto essere ribaltato senza cambiare niente …..se eliminiamo il preconcetto del terapeuta come colui che definisce la situazione terapeutica, assegnando a se stesso una posizione speciale, una posizione ingiustificata di non coinvolgimento, e come colui che dopo la messa in luce di alcuni insight lascia ancora a se stesso il beneficio di essere solo contro, arriviamo alla semplice situazione primaria di due individui con esperienze, ambizioni e ruoli diversi, che si trovano uno di fronte all’altro: un potenziale terapeuta di fronte ad un altro potenziale terapeuta. ….. Nello stesso tempo avviene nel paziente un altro processo: quella parte del suo io che non è avvinta dall’autosuggestione, si sente come all’interno del medico. Valuta l’uomo dietro la scrivania e giudica intuitivamente di che tipo di uomo si tratti. Questi sentimenti per la realtà effettiva fisica o mentale di quest’uomo, sono chiamati relazioni di tele.” (Moreno, 1995, pagg. 13-14).

Nell’ottica moreniana la relazione terapeuta-paziente è dunque interpretata come qualsiasi altra relazione interpersonale; soggiace quindi alle medesime leggi e presenta lo stesso campionario di ricchezze e problematicità, rispetto a cui i fenomeni di tele e di transfert si costituiscono come esempi significativi e fondamentali. Ne consegue perciò che il fare diagnosi, nel senso anticipato più sopra di cogliere e definire l’intima realtà di un individuo, non può essere un’operazione che svolgendosi “unidirezionalmente” vede partecipi un soggetto “indagante” ed un oggetto osservato; piuttosto deve essere considerato come l’incontro di due soggettività, distinte ma simmetriche e complementari, che insieme pervengono al risultato di allargare il campo di consapevolezze e verità riguardante, in via privilegiata ma non esclusiva, uno dei due.

Queste affermazioni trovano ulteriore fondamento quando consideriamo gli strumenti più sofisticati utilizzati in sede diagnostica, quelli che, andando oltre l’anamnesi e la raccolta dei dati cosiddetti obiettivi, concentrano l’attenzione sulla persona stessa del terapeuta e sui vissuti in questo suscitati dall’interazione col paziente, per pervenire, attraverso l’interpretazione controtransferale, alla definizione della condizione di quest’ultimo. Ecco, è proprio quando la persona stessa del terapeuta e la relazione intrattenuta col paziente si fanno rispettivamente, e in maniera esplicita, lo strumento e l’oggetto privilegiati del metodo d’indagine, che si evidenzia meglio come il processo che si sviluppa non possa essere asimmetrico e “a senso unico”. Si viene a definire così una sorta di “principio di indeterminazione” psicologico per cui, quanto più è ristretta la distanza tra osservatore ed osservato, quanto più intime e delicate sono le dimensioni esplorate, tanto più è difficile attingere, in condizioni di asimmetria ed univocità della relazione, la verità.

Questo avviene proprio perché, sia la stessa insufficienza a livello di distanza relazionale tra i soggetti, sia la partecipazione e il coinvolgimento personale del terapeuta, nel momento in cui diventano imprescindibili (data la natura della dimensione del reale oggetto d’indagine), si fanno occasione di contaminazione e condizionamento rispetto all’obiettività e veridicità dei risultati del processo di osservazione ed interpretazione.



Diagnosi: tra soggettivismo e relazione;

la costruzione del vero


“.... noi sociometristi abbiamo evidenziato sin dall'inizio che l'essere umano nel suo totale soggettivismo deve essere reso parte integrante dell'analisi scientifica, affinché l'osservatore possa avere un resoconto fisiologico completo di ciò che accade nella sua situazione. .... Il paziente diventa così la guida principale nella ricerca su di sé e nella sua terapia. Nell'indagine terapeutica operano due principi contraddittori. Uno riguarda la situazione del soggetto, completamente soggettiva ed esistenzialistica; l'altro concerne i requisiti obiettivi del metodo scientifico. Il problema è come conciliare queste due posizioni estreme. .... Il concetto di convalida esistenziale si riferisce al fatto che ogni esperienza possa essere reciprocamente soddisfacente nel momento in cui la si vive, nel qui ed ora. ....I metodi psicoterapeutici individuali e di gruppo dipendono da un'interazione genuina tra i terapeuti ed i pazienti .... a patto che non si avanzi la pretesa di poter generalizzare qualunque evento si verifichi o di poter predire il comportamento futuro dei partecipanti.... una convalida scientifica sarebbe in effetti senza significato per i partecipanti, perché la validità della loro esperienza si dimostra da sé.

Tuttavia la convalida scientifica e quella esistenziale non si escludono a vicenda, possono essere costruite insieme come in un continuum.”(Moreno, 1995, pag. 248-249).

Queste parole di Moreno, da un lato ci forniscono ulteriori indicazioni circa la direzione da prendere nell’impostare un’azione diagnostica secondo un’ottica psicodrammatica, dall’altro evidenziano problematicità e conflitti apparentemente senza possibilità di soluzione.

Il primo aspetto riguarda la conferma del valore della soggettività, di ogni soggettività anche la più indefinita, debole o problematica; un valore che si estende dal considerare ogni essere nella sua unicità ed irripetibilità al valorizzare le potenzialità di iniziativa e responsabilità (in altre parole creatività) proprie di ogni creatura umana.

La soggettività da valore diviene fondamento di verità nel momento in cui il riconoscere la preziosità di ogni singola esistenza umana si amplia nel credito accordato rispettivamente ad ogni significato da quest’ultima incarnato, e ad ogni punto di vista dalla stessa espresso. Ogni contenuto personale (pensiero, emozione, vissuto, desiderio ….) è legittimo e vero in quanto espressione della realtà personale di un individuo; esso produce ed assume significato in relazione all’esperienza esistenziale di questi, mentre partecipa, assieme a tutte le manifestazioni delle altre soggettività, alla costruzione, articolata e complessa, della realtà umana.

Nel procedere dell’intento di arrivare alla conoscenza e definizione di una entità personale, la valorizzante attenzione ad ogni soggettività individuale mette perciò al riparo da arbitrarie e mistificanti asimmetrie di ruolo; essa si qualifica perciò come riferimento indispensabile per questa importante e delicata attività. Non possiamo, tuttavia, ritenere questo un criterio sufficiente rispetto al raggiungimento dei nostri scopi; infatti, la conoscenza della realtà non può ridursi alla semplice considerazione di ogni esistenza soggettiva e nemmeno all’accostamento o considerazione simultanea di una molteplicità di punti di vista ed espressioni soggettive e neppure, se fosse possibile, della totalità di queste; la soggettività per attingere alla conoscenza “vera” della realtà abbisogna almeno di un altro riferimento.

E’ sempre l’adozione della teoria del ruolo, come modello per l’osservazione e l’interpretazione dei fenomeni sociali e psicologici, a guidarci in questa ricerca e a condurci all’identificazione di questo riferimento con la dimensione “collettiva”. Il ruolo si caratterizza anche per la sua qualità di ‘ponte’ tra individuo e contesto , tra soggettività e socialità; infatti, “la funzione del ruolo è quella di penetrare nell’inconscio dal mondo sociale e di mettervi ordine e forma” (Moreno, 1985, pag.39); ma sua funzione, in quanto modalità operativa che l’individuo assume nel relazionarsi con gli altri e col mondo, è anche quella di consentire alla soggettività di esprimersi verso il mondo sociale informandolo di sé, cercando di provocare controreazioni rispondenti ai propri bisogni: “Ogni individuo funziona in un sistema delimitato da due tipi di frontiere: l’espansività affettiva della sua personalità e la pressione socio-affettiva che viene esercitata su di lui dall’ambiente in cui vive.” (Moreno, 1964, pag.292).

La soggettività ha bisogno di trovare riferimenti al fine di pervenire alla determinazione di una verità che, fondando una dimensione di obiettività, la metta al riparo dal rischio di cadere nel soggettivismo o in esasperazioni relativistiche. Nel far questo trova adeguato e specifico “controruolo” nel tenere in considerazione l’”altro da sé”; una considerazione che, non risolvendosi in una semplice accettazione e valorizzazione delle differenze, si costituisce invece come interazione dialettica tra molteplici soggetti; la ricerca (e definizione della verità) non si realizza pertanto come mera giustapposizione o somma di più soggettività, ma si viene a definire come un’azione comune e coordinata (ancorché eventualmente permeata da aspetti conflittuali) che produce determinazioni che anche in via provvisoria appartengono alla dimensione collettiva. In altre parole possiamo perciò dire che da un punto di vista sia sociale che psicologico la verità soggettiva ha un proprio specifico ed imprescindibile interlocutore: la relazione interpersonale. E’ proprio attraverso questa “dialettica relazionale” che le diverse soggettività vengono a contatto, interagiscono reciprocamente, si stimolano, partecipano alla definizione l’una dell’altra e giungono contestualmente alla costruzione di elementi collettivi, molto affini a quelle entità da Moreno definite come “conserve culturali” (Moreno, 1985, pagg. 171-172 e 188). Questi prodotti dell’interazione e dell’azione collettiva si qualificano come funzionali ed utili schemi di riferimento che in via temporanea si vengono a costituire lungo lo scorrere parallelo, e al tempo stesso dialettico, dell’azione creativa degli individui e dello sviluppo delle culture; si realizzano perciò come indispensabili, ma provvisori, momenti di “stasi” ed “irrigidimento” delle strutture lungo l’incessante fluire dell’esistere psicologico e sociale. I prodotti di questo genere si costituiscono come risultanti dell’attività degli individui e delle culture; sono assimilabili ad essi gli esiti di quelle attività diagnostiche che nel loro realizzarsi prendono come privilegiato riferimento la dimensione dell’universale e, di conseguenza, delle categorie e delle classificazioni, trascurando, ora integralmente ora parzialmente, la soggettività dell’altro che è oggetto di definizione.

In questo modo non si intendere disconoscere l’utilità di queste pratiche ma piuttosto di definirne, e quindi implicitamente valorizzarne, le specifiche finalità ed utilità; in modo estremamente sintetico e semplificante riconduciamo queste ultime alla possibilità di potere generalizzare, scambiare, confrontare e diffondere elementi di conoscenza; una conoscenza che però, molto più che alla persona individuale, è riferita ad aspetti parziali e ad attributi di quest’ultima, ad esempio i suoi sintomi. Definiamo qui questo genere di attività come una diagnosi di carattere prevalentemente conoscitivo (di aspetti generalizzabili e comuni a diverse soggettività) ed informativo; possiamo affiancare a questa almeno altre due tipologie, che chiameremo diagnosi operativa e diagnosi esistenziale, identificando rispettivamente la prima come un’attività diagnostica che ha come scopo precipuo quello di guidare ed indirizzare l’operatività di un agente terapeutico (nel caso nostro, il direttore del gruppo di psicodramma); la seconda come un’azione che si propone di attingere il più profondamente possibile alla ricchezza, specificità e complessità dei significati incarnati da una singola esistenza individuale. Ci limiteremo ad approfondire di seguito gli elementi caratterizzanti la prima delle due tipologie appena menzionate, riservando alla seconda qualche attenzione nelle ultime brevi considerazioni conclusive.



Diagnosi operativa


L’aver assunto il ruolo come modello di riferimento ci aiuta ancora una volta nel nostro difficile compito di definire in modo preciso e distinto questo genere di attività diagnostica. Ogni ruolo si caratterizza per due aspetti o caratteri fondanti: è reale, concreto e perciò immediatamente percepibile, descrivibile, riconoscibile e definibile; e, allo stesso tempo, è ‘rappresentazione simbolica’, cioè rimanda a qualcosa d’altro. Il primo aspetto riguarda la dimensione ‘strutturale’, cioè le forme assunte e presentate da quello che percettivamente cogliamo nell’immediatezza dell’osservazione; il secondo aspetto rimanda ai significati che quella struttura sottende ed incarnati dalla realtà soggettività con cui ci relazioniamo. Una diagnosi operativa si definisce così come una attività parziale e selettiva che si dirige e si limita a cogliere e definire specifici (e ripetiamo parziali) aspetti espressi da una persona nell’immediatezza dell’agire e del relazionarsi. Solo per questi motivi ed in questo senso una diagnosi operativa si presta a produrre definizioni caratterizzate da un rilevante grado di universalità ed obiettività, e a rendere disponibili quegli strumenti concettuali, di valore generale, che qui di seguito proviamo a definire.



Struttura generale dei ruoli:

livello di sviluppo e tipologie


Nell’individuare i parametri su cui fondare una diagnosi operativa di ispirazione psicodrammatica, ci potremo concentrare, in generale, sulla struttura della personalità, preoccupandoci di definirne le caratteristiche: se è sviluppata o viceversa immatura, rigida o flessibile (spontanea o cristallizzata). Inoltre, in sintonia con le considerazioni sopra sviluppate, focalizzeremo l’attenzione, in via privilegiata, sul repertorio di ruoli presentato dalla persona osservata, mirando a definire quale sia il livello di sviluppo, di adeguatezza e di reciproca integrazione di questi.

Moreno individua a questo proposito tre modalità attraverso cui può realizzarsi la relazione tra l’attore ed i ruoli che questi è chiamato a giocare (esse corrispondono sia a tre diversi livelli di spontaneità dell’agire, sia a tre stadi evolutivi nello sviluppo della personalità): “la ‘assunzione di ruolo’ (role taking), vale a dire il fatto di accettare un ruolo definito, completamente strutturato, che non consente al soggetto di prendersi la minima libertà nei confronti del copione; il ‘gioco di ruolo’ (role playing), che ammette un certo grado di libertà; e la ‘creazione del ruolo’ (role creating), che lascia ampio margine all’iniziativa del soggetto, come si verifica nel caso dell’’attore spontaneo.’” (Moreno, 1964, pag.76).

Riferendoci poi ancora una volta alla teoria del ruolo di Moreno, possiamo valutare i ruoli agiti dal soggetto, e da noi osservati, identificandoli e qualificandoli come a) sviluppati in modo rudimentale, normalmente sviluppati, o ipersviluppati, b) assenti in modo parziale o totale (disinteresse per il ruolo), c) snaturati in una funzione ostile (ruoli presenti ma agiti in modo non adeguato rispetto al bisogno della persona e alla situazione contestuale); oppure, riferendoci alla loro presenza e al loro sviluppo nel tempo, concludiamo che a) il ruolo non è mai presente, b) si manifesta in alcune circostanze (presenza di determinate persone o situazioni) ma non in altre, c) presente un tempo in una circostanza è ora estinto.

Oppure possiamo riferirci allo "schema dei ruoli", elaborato da un allievo di Moreno1, secondo cui: l'io è ricondotto essenzialmente all'autocoscienza; il sé è considerato una sorta di membrana dinamica che avvolge l'io, in diretto e sintonico collegamento con le emozioni da questo sperimentate e con i suoi meccanismi difensivi; i ruoli sono considerati fondamentalmente nella loro funzione "ponte", quale estensione, e strumento per stabilire relazioni, dell'io nella struttura sociale (attraverso il campo dinamico, passibile di espansioni e contrazioni, rappresentato dal sé).

All'interno di questo quadro interpretativo sono codificabili: ruoli poco sviluppati, che non riescono a raggiungere il loro scopo (incontrarsi e relazionarsi con il controruolo corrispondente), in quanto non escono dall'area delimitata dal sé, e sono soggetti a piccole variazioni d'umore e ad attivazioni difensive, dell'individuo che rispetto ad essi vive un coinvolgimento globale ed una insufficiente discriminazione; ruoli moderatamente sviluppati, che trovano il loro punto di contatto con il controruolo molto vicino al confine del sé, per cui anche variazioni limitate a carico di quest'ultimo ne condizionano la possibilità di interazione ed incontro; ruoli ben sviluppati, che traggono il rifornimento energetico dall'emotività del sé, ma essendo ben sviluppati e definiti, ne oltrepassano stabilmente i limiti rendendosi chiaramente osservabili dal soggetto ai fini di necessari aggiustamenti, mentre interagiscono in modo continuativo ed adeguato (corrispondentemente ai bisogni per cui si costituiscono e si attivano) all’interno della relazione con il mondo esterno; pseudoruoli, definiti anche "ruoli ortopedici", che si innestano su ruoli poco sviluppati in corrispondenza ad una situazione sociale chiusa e/o ad un io debole, e sono il risultato, temporaneo e surrogatorio (rispetto ad un'azione più adeguata nel senso dell'autodeterminazione e della libertà e novità) dei suoi tentativi di risposta alle pressanti richieste del contesto.



Doppio, specchio e inversione di ruoli


Già si è sottolineato come in generale il ruolo incarni una funzione fondante rispetto al costituirsi e definirsi della personalità dell’individuo; in particolare questo vale per un gruppo speciale di ruoli che la persona, nel corso del progressivo svilupparsi della sua storia e della sua esistenza, si trova a vivere: il doppio, lo specchio e l’inversione di ruolo. Sinteticamente ricordiamo come le funzioni di doppio, specchio ed inversione di ruolo si riferiscono a situazioni relazionali per cui uno dei soggetti in queste coinvolti rispettivamente si attiva per: nel primo caso “sentire con “ e “dentro” l’altro, in un vissuto di intensa comunione che tuttavia non implica la perdita dell’individualità dei diversi soggetti; nel secondo cogliere, dall’esterno, aspetti e caratteristiche dell’altro, per rimandargliele, a beneficio della possibilità di questi, di potersi percepire, proprio grazie a questo contributo, da un punto di osservazione situato fuori di sé; infine, nel terzo caso, collocarsi dal punto di vista dell’altro, arrivando ad assumere di questo, oltre alla prospettiva di osservazione, emozioni, pensieri, modelli comportamentali.

Le suddette funzioni corrispondono, inoltre, a specifici assetti delle relazioni che vedono progressivamente coinvolto l’essere umano nel corso della sua evoluzione come persona e come soggetto sociale, secondo una cronologia che al doppio vede seguire lo specchio, per arrivare all’inversione di ruolo; le specifiche configurazioni del campo relazionale (secondo la modalità privilegiata del doppio, dello specchio o dell’inversione di ruolo) corrispondono pertanto a tappe evolutive ben distinte e definite.

Doppio, specchio ed inversione di ruolo si costituiscono perciò, come del resto accade per ogni tipologia di ruolo, ad un tempo come configurazioni operative che il soggetto assume, e come modello per le dinamiche relazionali che vedono coinvolte due o più persone. In quanto modelli relazionali il doppio, lo specchio e l’inversione di ruolo possono definirsi sia come ruoli che come controruoli, a seconda che all’interno dell’interazione che si viene, secondo dette modalità, a strutturare, il soggetto del quale di volta in volta si assume e si privilegia il punto di vista si trovi in posizione rispettivamente attiva o passiva. In altre parole l’individuo sul quale, nel corso dell’osservazione (con finalità diagnostica o d’altro genere), si concentra l’attenzione, incarnerà un ruolo di doppio, specchio o inversione di ruolo, o viceversa si relazionerà con un corrispettivo controruolo di doppio, specchio ecc., a seconda che si trovi ad essere soggetto promotore della corrispondente funzione, o invece si caratterizzi come passivo beneficiario, o riferimento, della stessa.

Pertanto, ai fini della diagnosi operativa, da parte dell’osservatore andrà posta particolare cura nel percepire e definire come il soggetto si manifesta in relazione ai suddetti ruoli e funzioni; questo sia quando, in posizione attiva, è chiamato ad agirli e a porle in essere, sia quando, passivamente, si costituisce come recettore o beneficiario rispetto alle stesse entità. In particolare si dovrà porre attenzione a cogliere carenze o anomalie nella strutturazione dei ruoli corrispondenti alle menzionate funzioni, o particolari e significative modalità di interazione con i corrispondenti controruoli; infatti, l’osservazione di questi aspetti può fornire preziose indicazioni tanto rispetto ad ipotetici nodi critici collocati in specifici punti del continuum evolutivo, quanto in considerazione delle scelte operative strategiche da privilegiare nel corso della terapia.



Fusionalità, individuazione ed alterità


Possiamo poi prendere come riferimento la concezione psicodrammatica dello sviluppo della personalità individuale (in dinamica interazione con persone e situazioni all'interno di matrici relazionali), considerando al contempo la teoria dei bisogni, di ispirazione moreniana2, che radica in un'armonica alternanza di soddisfazione fusionale e soddisfazione individuativa, con il conseguente accesso all'alterità, i processi di formazione ed evoluzione della personalità; se consideriamo tutto ciò osserviamo e ricerchiamo l'attitudine, da parte della persona oggetto del nostro interesse, ad agire ruoli sul registro della fusionalità e su quello dell'individuazione, ad agirli rispettivamente in posizione attiva o viceversa passiva, ed il pervenire all'incontro con la novità e con il diverso da sé (De Leonardis, 1994, pag. 153 e segg.).



Dinamica io-attore ed io-osservatore


Al fine di arricchire il nostro quadro diagnostico possiamo altresì prendere in considerazione le attività di osservazione e riflessione del soggetto nei confronti di se stesso e dei propri ruoli (l'autosservazione del ruolo), e così definire ed interpretare la specifica (di quella persona) relazione io-attore/io-osservatore (De Leonardis, 1994, pag. 204 e segg.).

In particolare, attraverso questo criterio diagnostico sarà preso in esame il livello di strutturazione e definizione presentato dalle due entità, il grado di differenziazione dell’una rispetto all’altra e, infine, le specifiche modalità di interazione, con l’attenzione rivolta, soprattutto, ad evidenze significative come la sovrastrutturazione e prevaricazione di un’istanza a scapito dell’altra.

Alla conclusione di queste osservazioni e riflessioni avremo definito un importante ed utile quadro interpretativo, con valore generalizzante e classificatorio, della struttura e dei processi che regolano l'attività psichica di un individuo, giungendo ad un livello di forte astrazione circa la conoscenza che abbiamo di aspetti parziali di quella persona. La conoscenza dell’individuo oggetto della nostra attenzione richiede tuttavia un ulteriore approfondimento, affinché non ci sfugga la ricchezza della sua soggettività, e nemmeno qualche aspetto della enorme varietà dei ruoli da lui incarnati e dei significati a cui questi rimandano. La “visione dell’uomo e del mondo” di Moreno individua nel “tele” e nella relazione interpersonale la possibilità di attingere a tali ricchezze: l’osservatore che fa diagnosi può cogliere le sfumature che caratterizzano la “forma” dei ruoli agiti dalla persona osservata, interpretarne il significato e conoscere l’intima sua realtà esistenziale, solo nell’immediatezza di una relazione telica avviata con lei; nel farsi doppio e specchio di lei, mettendosi nei panni di lei; presentificando – nel concretizzare la rappresentazione scenica - ogni frammento della sua personalità e rendendone esplicito il significato; seguendola, infine, lungo lo scorrere delle sue vicende esistenziali.

Una diagnosi che abbia l’intenzione di attingere alla conoscenza intima e profonda della persona può realizzarsi solo attraverso la co-esplorazione del mondo vitale del soggetto; pertanto si definisce anche come co-diagnosi e si qualifica come vera solo nell’immediatezza di ogni singolo frammento dell’esistenza lungo l’incessante scorrere del divenire. ■




■ BIBLIOGRAFIA


Boria G., Lo psicodramma classico, Franco Angeli, Milano, 1997.

De Leonardis P., Lo scarto del cavallo – Lo psicodramma come intervento sui piccoli gruppi, Franco

Angeli, Milano, 1994.

Moreno J.L. (1961), The role concept: a Bridge Between Psychiatry and Psychology, in: American Journal of Psychiatry.

Moreno J. L. (1964), The Third Psychiatric Revolution and the Scope of Psychodrama in: Group Psychotherapy, Vol. XVII, n° 2-3, Beacon House, New York.

Moreno J.L., Manuale di Psicodramma – Il teatro come terapia, Astrolabio, Roma, 1985.

Moreno J.L. e Moreno Z.T. , Gli spazi dello psicodramma, Di Renzo Editore, Roma, 1995.




1 Cfr. lo schema concettuale elaborato da Rojaz-Bermudez, in Boria (1997) a pag.46 e seguenti.

2 Si tratta, a proposito di questo e dei seguenti, di originali contributi teorici elaborati da Paola De Leonardis; autonomii come produzione, ma “moreniani” nello spirito, in quanto armonicamente si integrano nel quadro concettuale generale che ha informato la visione sviluppata da Moreno, a proposito dello sviluppo e dell’azione dell’individuo nel mondo.

Presentazione di Daniela.

Daniela è una donna di 42 anni, è separata dal marito (dopo 4 anni di matrimonio), da questo ha avuto una figlia, Gea, di venti anni, con la quale vive tuttora.

Si presenta come una persona dal gradevole aspetto, si prende cura di questo sottolineando e mettendo in risalto i caratteri esteriori della propria femminilità

Ha un lavoro di tipo impiegatizio in una società commerciale, il lavoro non le piace e la fa sentire come imprigionata.

Arriva al gruppo dopo una recente ulteriore separazione: è stata lasciata dall’ultimo uomo dopo un anno e mezzo; in precedenza era stata lasciata anche da Paolo, col quale ha convissuto prima di quest’ultima relazione, per sette anni, e per il quale afferma di essersi separata dal marito. Sono stati diversi gli uomini nella sua vita e continueranno a succedersi anche lungo il procedere del suo percorso terapeutico. Seguendo Daniela nel suo cammino si assiste ad un alternarsi di iniziative di ricerca di attivazione emozionale e senso di appartenenza, ed esperienze di abbandono e separazione connesse a depressione e profondi sentimenti di angoscia; questi opposti movimenti, accadimenti esistenziali ed esperienze emotive, costellano la sua vita ed alimentano il suo disagio esistenziale nel “sofferto” circolo vizioso che sostiene la struttura del suo “copione” comportamentale.

Daniela viene da precedenti esperienze di terapia psicologica, ed anche all’inizio del percorso psicodrammatico è seguita anche da uno psichiatra che le prescrive trattamenti farmacologici. Fin dal suo ingresso in gruppo si definisce come una persona pervasa da “estrema ansia” e come “portata un po’ alla depressione”, e “sempre stanchissima”; i temi della sofferenza del corpo, fisica, e di quella psicologica, emergono, e tra di loro si intrecciano costantemente sia nei momenti in cui esprime il suo vissuto rispetto all’attualità, sia quando racconta della sua storia passata, di quella della sua famiglia o di persone che le sono state affettivamente vicine.

Il percorso di Daniela.

Daniela entra a far parte del gruppo di Psicodramma a partire dal mese di Maggio nel suo primo anno di frequenza; concluderà l’esperienza sempre nel mese di Maggio, perciò esattamente dopo che sono trascorsi quattro anni dal suo inizio, e dopo aver condiviso col gruppo 119 sessioni.

La sua è una partecipazione piuttosto regolare, a testimonianza di un significativo livello di integrazione, e di un importante vissuto di appartenenza al gruppo. Mancherà infatti 28 volte lungo l’intero periodo, e le assenze sono distribuite regolarmente nel corso dei quattro anni, salvo che negli ultimi 8-9 mesi, periodo in cui si assiste ad un loro intensificarsi. Le assenze di Daniela coincidono con i momenti di acume del suo malessere, psichico e fisico; spesso, però, seguono anche un incontro di psicodrammatico per lei particolarmente coinvolgente ed emotivamente intenso, quasi a far rilevare un bisogno, da parte sua di “ricaricare le batterie”, prendere distanza dall’esperienza, per poter, almeno in via iniziale, riordinare i pensieri.

Nei quattro anni del suo percorso psicodrammatico, la vediamo partecipare molto intensamente alle vicende della vita del gruppo; in particolare, tra tutte le vicende che possono accadere, per lei si rivelano estremamente importanti i momenti che riguardano l’accoglienza di un nuovo membro e ancor di più, la separazione conseguente alla “partenza” di un vecchio componente. A questo proposito da sottolineare come il suo gruppo di appartenenza viva una esperienza non così frequente nella vita dei gruppi: alla sessione 701, coincidente con la ripresa del lavoro terapeutico dopo l’estate, a seguito della conclusione del cammino da parte di due compagne, la parte residua del suo precedente gruppo di appartenenza si fonde con la corrispondente e, numericamente eguale, metà di un altro gruppo preesistente. Daniela vive positivamente tale esperienza e cioè come un’occasione per trovare nuovi stimoli rispetto al lavoro da fare su di sé: nuove aree tematiche del suo percorso esistenziale da far emergere ed esplorare, nuovi controruoli con cui interagire e relazionarsi; ciò è reso possibile dal fatto che un evento “critico”, per la vita di un gruppo e per gli equilibri dei suoi componenti, come quello descritto avviene in un momento piuttosto avanzato del cammino di Daniela, questo le consente di affrontare e vivere la delicatezza di questo passaggio con modalità per lei impossibili in momenti precedenti.

Assistiamo infatti, a grossi cambiamenti lungo lo svilupparsi dell’esperienza, da parte di Daniela nella sua relazione col gruppo: parte una modalità interdipendente di relazione con gli altri e da una posizione periferica e marginale da lei occupata nella struttura sociometrica del gruppo; via via evolve verso la capacità di vivere l’altro come occasione e mezzo imprescindibile per la definizione di sé, mentre, al contempo, lei stessa viene progressivamente riconosciuta dai compagni come un importante riferimento; dalla ambivalenza iniziale, tra la voglia di affidarsi e il vivere gli altri espressamente come inadeguati ad aiutarla a risolvere la propria sofferenza e, sottinteso, come una minaccia per il proprio sé, alla costituzione del gruppo, nel vissuto di Daniela, come “mondo ausiliario” che la contiene, la nutre, la accompagna e la sostiene nel processo di ricerca e definizione della propria identità.

dati emergenti dalle osservazioni su daniela.

1 La sofferenza di Daniela.

(Da6) “Io ho pochissime amicizie…..e questo mi da una grossissima sensazione di vuoto…questa settimana sono stata in casa due giorni per una crisi depressiva”

(Da27) “La settimana è andata in modo normale, più o meno agitata, ma come al solito la cosa che predomina era…..ha predominato sempre la depressione”

(Da67) “La mia però non era malattia ma fatica all’ultimo sangue per appropriarmi della mia identità. …è l’unico modo per difendersi dalla vera malattia, quella mentale…Una volta ho avuto un’esperienza di ricovero psichiatrico…”

(Da75) “…l’ansia trabocca…dove mi giro vedo un problema da risolvere.”

(Da79) “Ho pensato molto, nonostante il panico che ho addosso. Ho un senso di maggiore chiarezza, una presa di coscienza di quel che è la vita.”

(Da80) “sono più serena con me stessa perché sono più sicura delle mie idee , so che fanno parte di me ….ho imparato a stare da sola…. Ho molta confusione …però forse ho meno paura della vita e della morte e quindi anche della solitudine. Non è buttandosi a destra e a sinistra che si vince la solitudine.”

(Da105) “Frequento …un uomo,…mi sono uscite mille paure….un gran senso di colpa, d’insicurezza….non sono innamorata di questa persona, ma ho paura di rimanere da sola….Sono entrata in un turbinio che non mi fa fare niente, non riesco a fare niente, a progettare, organizzare. …Sono arrivata ad un nocciolo molto importante”

(Da106) “Ho bisogno di sentirmi padrona di me stessa.”

(Da108) “Questo è il problema della mia vita, non è un problema da poco. Come vorrei il mio futuro?..”

(Da114) “L’unica cosa è che io sento di cambiare giorno dopo giorno. La mia malattia (allude alla depressione) mi ha tenuta lontano dalla confusione che mi stava intorno e ho ritrovato me stessa dopo tanto tempo”

(Da118) “…dovrei sentirmi molto allegra , perché penso di essere amata….è assurdo che io abbia dalla mattina alla sera attacchi di panico, come un grandissimo senso di terrore, senza un motivo apparente…il terrore di essere abbandonata l’ho provato con tutti gli uomini che ho avuto….sto malissimo…sono confusa….”

(Da119) “Ho preso una decisione, anche se sono molto confusa. Penso di non proseguire lo psicodramma, perché sento di essere arrivata al punto in cui dovrei raccontare la mia storia personale. Nel frattempo mi è subentrata una forte esigenza. Tempo fa ho avuto un colloquio con una psicoanalista…mi è rimasta dentro….Io, che con le donne ho sempre avuto un pessimo rapporto, ho sentito che lei poteva essere la persona finale di una lunga catena…Ho voglia di confondermi in una donna. Questa è una scelta. E per me è molto importante cominciare a scegliere.”

La sofferenza di Daniela si manifesta attraverso molteplici aspetti e dimensioni: vissuti e stati d’animo sgradevoli come solitudine, senso di vuoto, ansia, depressione, panico, senso di dispersione e confusione; malesseri che dal piano psicologico si diffondono su quello fisico e viceversa, in un movimento di andata e ritorno e reciproca continua contaminazione; il non sentirsi padrona di se stessa e capace di iniziativa organizzata, intenzionale, finalizzata e produttiva nel mondo (in definitiva il sentirsi impotente ed incapace); il non riuscire ad immaginarsi nel futuro e a definire un progetto di vita; la sensazione di una identità incompleta, confusa e, per certi aspetti malata.

Daniela è come dentro ad un circuito esistenziale, dal movimento ora lento, ora vorticoso, per cui gli stati emozionali sgradevoli e sofferti si alternano a sprazzi di eccitazione che arriva all’euforia, mentre nella realtà, gli avvenimenti, le azioni ed i movimenti esistenziali si succedono ripetitivamente, secondo un copione ormai noto, definito ed immodificato. Daniela appare essere sempre presa da una incontrollabile attività di ricerca di situazioni relazionali che, mentre leniscono la sofferenza della solitudine, siano in grado di vitalizzarla con forti emozioni; la ricerca si rivolge esclusivamente verso interlocutori di sesso maschile coi quali da vita a rapporti, spesso della durata di diversi anni, che per lei assumono valenze e significati complessi e spesso contrastanti. Una volta che la relazione si è instaurata, viene da lei vissuta con sentimenti segnati da una forte ambivalenza: da un lato la spinta insopprimibile alla ricerca della propria individualità, che si esprime in una ribellione segreta che spesso si realizza attraverso il tradimento; dall’altro il terrore di essere abbandonata e lo spettro della perdita. Inevitabilmente la relazione si interrompe, Daniela viene lasciata o è lei stessa a provocare la rottura; segue un intensificarsi del senso di vuoto e solitudine che la spinge alla ricerca di una nuova relazione, perpetuando senza fine, il suo copione esistenziale.

2 L’espressione verbale di Daniela.

(Da1) “Estrema ansia, fa parte di me. L’ho sempre avuta…..E’ tremendo, perché io sono sempre stanchissima,….io non ho assolutamente mai amato le favole…” “Mi è venuto in mente che il problema sono i genitori…quasi che tutti stiano male perché hanno avuto dei genitori. Io ho avuto la vita rovinata da genitori che non mi hanno capita. ….Quello che io trasmetto a mia figlia è che siamo due persone completamente separate, perché il guaio principale è che non riusciamo a separarci. Io sono al livello di una bambina nei confronti di mia madre.Il problema non sta in loro ma in noi”.

(Da3) “Alcuni anni fa una mia amica si è sparata davanti a me (lo dice ridendo) …il fatto è stato talmente enorme che secondo me vale la pena di dirlo, ecco…è schizzata la materia cerebrale dov’ero io e devo dire che…credo di averci messo due anni per uscire da questa cosa qui”

(Da3) (Durante le partecipazioni) “Questa situazione mi ha sconvolta….il fatto che possa mancare un genitore…non riuscire a scambiare tutto quello che c’era da scambiare quando era in vita….far sì che questa persona possa andarsene in pace, è la mia ossessione…..tutti questi rimpianti di cose non fatte o non dette quando dovevano essere dette o fatte…” Daniela s’interrompe e piange silenziosamente.

(Da16) “parlando con Sergio ho sentito questo gran desiderio di entrare dentro di lui, di capire quello che è….Amedeo…come fosse l’unico ad aver mantenuto un che di giovanile. Se non ci fosse lui, sembreremmo tutti dei novantenni”.

Da subito si manifestano importanti aspetti attinenti le peculiari modalità attraverso le quali Daniela si esprime verbalmente: parla con un linguaggio ricco, definito, articolato e fluente; si manifestano di frequente distanza, e finanche contraddizioni e dissonanze, tra i contenuti espressi ed i vissuti emozionali sottesi; molto spesso si assiste al ricorso da parte sua ad un uso estremo di aggettivi ed avverbi, usa superlativi ed espressioni enfatizzanti; tende a definire sé e gli altri secondo modalità che corrispondono più all’utilizzo di etichette e giudizi (tra questi formulazioni stereotipiche, ed espressioni interpretative, di sapore psicologistico) piuttosto che allo svilupparsi di processi di osservazione e definizione della realtà e, soprattutto, di sé; in definitiva le sue espressioni verbali sembrano più il mezzo ed il prodotto di generalizzazioni razionalizzanti ed iniziative di seduzione verso chi ascolta, piuttosto che la risultante di genuine attività di espressione di sé e scambio comunicativo con l’altro.

Importante rilevare come lungo il procedere del lavoro psicodrammatico, nell’osservazione e comprensione dell’altro, progressivamente, e abbastanza rapidamente, evolve da definizioni fondate sui processi di identificazione, verso la capacità di definire l’altro centrando l’attenzione su quest’ultimo, cogliendone gli aspetti di individualità e specificità ( Da16).

Rispetto alla propria identità Daniela progressivamente acquisisce capacità nell’autodefinirsi, non altrettanto nell’autodeterminarsi.

3 Daniela “in azione”: pensiero e corporeità.

(Da9) (consegna: “per qualche minuto potete esprimervi come vi va..”) Daniela cammina svogliatamente …..B. la prende sottobraccio e la fa ballare, lei ride. La provoca invitandola a combattere. Daniela si ritrae ridendo. Tutto il gruppo gioca lottando. Daniela è ancora in disparte.

“Ancora una volta c’è stata la dimostrazione che al buio sono molto più me stessa… sono una persona che deve ancora emergere perché al buio ho delle sensazioni che non ho con la luce…degli istinti che non ho normalmente. …qualcosa di molto profondo che emerge solo al buio perché io ho cercato di….sopire nella realtà per cui…”

(Da13) (durante una attività di gruppo finalizzata a rielaborare esperienze di separazione vissute nel passato, a Daniela viene proposto l’incontro con una di queste persone da cui si è separata): Daniela piange e dice di sentirsi male…. Continuando a piangere parla, alternando momenti in cui la voce è molto bassa a momenti in cui urla. Mentre parla, Daniela scalcia con le gambe pur rimanendo seduta sul posto. Il direttore conduce Daniela al centro del palcoscenico mentre Mauro le si mette dietro, Amedeo e Sergio ai lati e il direttore davanti. Daniela è contenuta dai loro corpi, ma continua a piangere e a dire di volere andare a casa. Daniela smette di piangere; quindi con voce soffocata dice: “ Non c’è speranza. Questa storia si ripete sempre, da quando sono piccola. Tutte le persone che ho avuto le ho perse non perché io sia una persona sgradevole ma perché butto loro addosso angoscia e loro non la possono sopportare più di tanto”. Terminato di parlare il direttore apre un materasso al centro del palcoscenico su cui fare adagiare Daniela. I compagni le sono attorno….. Il direttore culla Daniela con la voce finché lei non parla, a voce molto bassa. Daniela parla con voce melodrammatica, sembra stia recitando.

(Da14) (consegna: “Lasciate andare la fantasia e mettete in parole quello che vi piacerebbe succedesse qui stasera): Daniela: “ Io avrei il desiderio di spogliarmi…i vestiti mi danno un gran fastidio ….mi impediscono di lasciarmi andare, di rilassarmi. Mi piacerebbe rotolare su questo cerchio di moquette.” Daniela rimane seduta al centro…poi si sistema vicino alla balconata. Gli altri ballano. ….Bruno la prende e la fa ballare. Lei sembra divertirsi. Si rimette vicino alla balconata. Bruno e Mauro la prendono sottobraccio e la accompagnano, ballando sul palcoscenico…..Adesso balla anche Daniela, senza essere accompagnata. …Si sente ogni tanto Daniela ridere.

(Consegna: “Quando la musica scemerà voi vi sistemerete comodi, mantenendo un punto di contatto fisico con almeno una persona. Daniela con chi sei in contatto?” Daniela:”Con Bruno, sono molto comoda”….” Prima quando sono arrivata qua non avevo nessuna voglia di ridere e invece prima mi veniva da ridere…è una sensazione strana…mi fa male il cervelletto…è come se il mio fisico mi dicesse: ?Ti senti male?’ “.

(Da16) (consegna: “incontratevi con ogni compagno e salutatevi come si deve…) Daniela abbraccia Sergio e gli parla a bassa voce. …Si avvicina a Bruno: si coccolano e si parlano; poi fa la stessa cosa con Amedeo.

(Da19) (consegna: “Muoviamoci…prima solo per il piacere di muoverci, poi cercando di fare movimenti che esprimano il sentimento che menzionerò”) Allegria: D. ruota su se stessa poi …muove le braccia saltellando. Curiosità: saltella e muove le braccia davanti al viso in un movimento simile al precedente. Stizza: i movimenti di D. diventano frammentati e rigidi, lei ride nell’eseguirli. Rabbia: Daniela rimane ferma ai bordi del palcoscenico.

(Da20) “Ho dei disturbi psicosomatici…mi sento la testa vuota, come fra me e il mondo ci fosse un vetro

(Da29) “Devo stare attenta a tenere in equilibrio la mente con il corpo, perché è come se andassero uno da una parte uno dall’altra….. sicuramente ho dei disturbi psicosomatici ……fisicamente si manifesta con una grandissima stanchezza senza motivo, mi sembra che mi facciano male gli arti, le gambe, la testa”

(Da32) Daniela abbraccia le gambe incrociate e dondola il busto avanti e indietro. Poi assume una posizione più aperta e cerca un contatto fisico con Sergio.

(Da40) Daniela si lascia accarezzare e abbracciare, ma non è mai lei ad iniziare il contatto.

(Da85) (consegna: “Ciascuno segua il suo filo e cerchi di essere come vuol essere, di mettere in atto le sue fantasie cambiando aspetto fisico” Il direttore mette una luce blue e una cassetta di musica che riproduce il canto degli uccelli, il rumore del mare, il temporale, ecc.; “dite ora sempre al buio ….il vostro stato d’animo”; Da: “ Sento che devo partire dal mio corpo, mentre altri devono forse percorrere altre strade. Man mano che perdo le inibizioni riesco a dare senso alla mia esistenza”.

(Da92) “Continuo ad avere i miei disturbi psicosomatici. Ho una gran confusione in testa…..”

(Da99) (consegna: “Daniela, alzati e muoviti fra i tuoi compagni in modo da farci capire come ti senti.) Daniela si avvicina ad Ugo che è sdraiato e gli si siede sulla pancia a cavalcioni. Poi si sdraia su di lui e gli cinge il collo con le braccia… .

(Da107) (Durante i saluti finali) mentre gli altri si discostano, Daniela, Gianni e Virna prolungano il loro contatto stretti in un abbraccio.

(Da112) (Durante un lavoro come protagonista Daniela incontra la madre): (Da) mamma e (Virna) Daniela si abbracciano teneramente. Poi, di seguito, reinvertendo i ruoli, Daniela e (G) mamma si abbracciano teneramente: Da: “Ho paura di attaccarmi troppo”….”Non voglio più staccarmi”, “Mamma, ascolta, voglio stare bene. E tu sarai qui a guardarmi.”; infine, rivolta al direttore Da:”Mi ha colpito che sia questa la chiave del mio problema.”

L’agire di Daniela è quello di una persona che vive molte difficoltà ad “esserci” pienamente cioè a vivere come espressione integrata di corpo, emozione e pensiero. Da un lato i pensieri, per quanto definiti articolati e ben, tra loro, connessi, tendono alla stereotipia, quanto a contenuti, e ad arrotolarsi su se stessi diventando pesanti condizionamenti, quando non addirittura ostacoli impedenti, nei confronti dell’agire. Dall’altro l’agire sovente si manifesta improvvisamente, fuori da ogni controllo, sfociando in manifestazioni impulsive, o condizionando le stesse costruzioni di pensiero a strutturarsi secondo forme che tendono alla soddisfazione di bisogni inconsci arcaici ed inadeguati rispetto all’attualità delle esigenze di realizzazione personale e delle richieste dei contesti e delle relazioni che in questi si sviluppano.

4 Daniela e il mondo delle emozioni: il dolore, il piacere sessuale e l‘aggressività.

(Da6) “Devo ammettere che c’è una cosa che a me piace moltissimo, veramente, battere la testa violentemente contro il muro, come se si dovesse aprire. Forse per fare uscire l’angoscia che c’è nel mio cervello…

(Da18) “Sono incazzata nera! Con me stessa perché devo capire con chi sto bene….ho passato questi tre giorni…con della gente ricca da fare schifo…e infatti mi facevano schifo….Mi sono sentita molto angosciata …io non c’entravo niente. …Voglio ripulirmi da tutto ciò”

(rivolta a Giorgio, un occasionale compagno del momento) “sai cosa mi fa piacere? Che anche tu morirai …con tutti quei soldi….non mi vedi neanche, perché sei preso solo da te stesso…Mi fai schifo! …” “Io odio sentirmi sfruttata, non posso vendermi per un viaggio….Ho toccato il fondo, questo è prostituirsi!”

(Da25) “E’ morto mio padre e mi è sembrato di non sentire niente, Ho avuto uno scontro con lui (Tonio N.d.A.) ed è come sentissi la morte. Ho delle sensazioni molto forti di panico.Tutto quello che dovevo provare per mio padre quindici giorni fa l’ho provato fra sabato, domenica e oggi…ho una grande sensazione di morte addosso”.

(Da29) “…. Non sentirmi più donna, la perdita quasi completa della sessualità”

(Da25) “….Sono alcuni giorni (piange) molto particolari …Forse è scattato qualcosa con la morte di mio padre (piange) Tutto quello che dovevo provare …..l’ho provato fra sabato, domenica e oggi. Adesso ho una grande sensazione di morte addosso”

(Da30) “Sono una persona ribelle ….questa ribellione significa aggressività…che finalmente sento”

(Da36) “Sono quattro domeniche che ho delle crisi depressive. Non sono venuta due volte fa dopo una crisi…..meglio mettermi alla prova andando a trovare mia madre (ride), perché la crisi era legata a lei.”

(Da37) “…sono cambiata in modo enorme…sono arrivata impaurita e con il desiderio di essere accettata, vado via con un desiderio di chiarezza di lottare di sentirmi dire le cose come stanno…voglio che le cose vadano avanti così, con la forza della rabbia che ci deve spingere a cambiare”.

(Da33) “Io sono diventata cattivissima, sta passando la depressione e sta subentrando l’ansia…che è sempre spiacevole….ho delle grosse emozioni sia positive che negative….ho talmente tanto dentro che forse mi fanno meno paura la depressione e la malinconia perché tengono tappate queste emozioni!”

(Da43) “…come se dopo tanti anni passati in letargo il mio corpo si fosse risvegliato …mi crea dei problemi ma è una bella sensazione sentire rinascere il corpo. …mi sono lasciata andare...fra le braccia di una persona…non mi importava che mi potessero vedere… provavo piacere…”

(Da46) “Si sono accentuate… delle manifestazioni d’ansia….”

(Da48) “Anche anni fa quando ero più giovane, se sentivo per una frazione di secondo un senso di felicità, immediatamente sentivo un terrore forte della morte.”

(Da74) “sono arrabbiata! Non capisco niente e sono qui per capire!”

Estremo è l’aggettivo che meglio si adatta al rapporto che Daniela ha col proprio mondo emotivo; estrema è l’alternanza degli stati d’animo dall’euforia alla depressione, dall’ansia all’attività, dal benessere al malessere. Estrema è pure la coloritura emotiva che lei utilizza per descrivere e sottolineare gli accadimenti della sua vita. Il modo enfatico utilizzato da Daniela nel caratterizzare, verbalmente, le sue vicende è in forte contrasto con due altri importanti aspetti del suo modo d’essere: le modalità non verbali di espressione da lei utilizzate risultano fortemente dissonanti rispetto ai contenuti; inoltre, appare di frequente una grande distanza rispetto al mondo delle emozioni, una distanza osservabile nel “qui ed ora” della vita del gruppo, e rintracciabile pure nei resoconti che Daniela propone rispetto alle vicende della sua vita, attuali e passate; Daniela non riesce a “sentire” ed esprimere i propri stati emozionali, connessi allo svilupparsi delle interazioni e delle dinamiche relazionali interne al gruppo, verso i compagni, tanto quanto ha vissuto una sorta di “anestesia emozionale” in occasione della morte del padre, così come manifesta chiusura, perdita di contatto e di consapevolezza, nei confronti di forti movimenti emotivi associati alle significative vicende esistenziali che hanno caratterizzato la sua storia, e che via via emergono nel corso della partecipazione al gruppo. La coloritura emozionale con cui Daniela accompagna il suo parlare, si qualifica perciò più come tentativo catturare l’attenzione degli interlocutori (al fine di “sedurli” ed ottenere il loro interessamento), piuttosto che come espressione di Sé, dei propri contenuti interni, profondi, e manifestazione del suo esserci nel mondo. Così per lungo tempo: il dolore resta una dimensione da cui Daniela rifugge barrierandosi e confinandola lontano dalla propria consapevolezza; il piacere, per i vissuti ambivalenti e di colpa cui si associa, è oggetto di repressione ed oblio, mentre l’aggressività si manifesta come atteggiamenti di svalutazione di se stessa e degli altri. Le emozioni, così rifuggite e dimenticate, tuttavia spesso reclamano possibilità di manifestazione e prendono così o la strada psicosomatica, dove è il corpo coi suoi malanni a denunciare i sottintesi vissuti di Daniela, o quella dell’acting-out, per cui si assiste all’irrompere, disordinato e senza finalizzazione adeguata, delle energie emozionali nel suo agire.

5 Le relazioni famigliari ed affettive.

(Da5) “…odio che c’era in casa mia…”

(Da6) “Mi sono messa in testa che sarei felice se avessi una famiglia… che non ho…..E’ la famiglia che mi manca”

(Da21) “…la mancanza di un calore famigliare per colpa della nonna…” (rivolta al padre parla di lui e della madre) “…mi avete bloccata con la vostra disapprovazione e la mancanza di aiuto.”

(Da23) “…Sabato mattina…mio padre era già morto. Io che ero la sua figlia adorata non riesco a piangere. ….Mi sento una grossa confusione. Non c’ero quando è entrato in coma e neanche quando è morto…e lui contava tanto su di me. ….Mi sembra di aver tradito il papà. Era come se lui mi avesse avviluppato , come se io fossi diventata una cosa sola con lui. …Io sto tentando disperatamente di scappare da queste braccia ….da questo maleficio e facendo questo sto negando tutto, non sto soffrendo questa morte. …..Mi chiedo perché dobbiamo avere dei ricordi di un rapporto nato solo nel momento in cui si è sviluppata tutta la malattia. ….da quando è morto il papà, mi viene lo stimolo e dico che con la sua morte io devo cercare di apprezzare la vita, cosa che non riuscivo a fare prima perché mi sentivo schiacciata.”

(Da38) “Quest’estate ho scoperto di avere dei problemi che sicuramente sono vecchissimi….non mi va mai bene niente…adesso è inutile che incolpi chi mi sta attorno e la situazione.Mi sono accorta che da sola non ce la faccio. Non ho bisogno di un uomo, ma di una figura che mi possa mettere dentro e che diventi per me una fonte di appoggio senza la quale mi disgregherei e non potrei vivere”

(Da77) “Quando mi sento in forma, vivo benissimo la mia famiglia, cioè mia madre e Gea. Mi danno una tale pienezza, una tale allegria, che mi sembra di fare cose meravigliose con persone importanti! Un uomo non riuscirebbe ma i a farmi sentire così bene.”

(Da106) “..ho avuto tante storie, però non nate da passione, ma sempre perché ho bisogno di avere qualcuno dentro di me. Io da sola non mi basto assolutamente…. Le storie grosse…io le ho tutte costruite…perché io ne ho bisogno….Non è mai stata una cosa spontanea. Una persona valeva come un’altra…”

(Da116) “Io e Mario abbiamo 17 anni di differenza e sono tanti!….Sono stata adottata dai suoi amici…è stupendo però non posso vivere frequentando solo loro. …So che Mario mi dovrà abbandonare ed è talmente forte il panico che dovrò abbandonarlo io perché non resisto nell’attesa che sia lui a farlo.”

5.1 Madre.

(Da6) “….anche mia madre voleva andare via di casa ed è stata ripresa per un pelo.”

(Da26) (In semirealtà durante un lavoro come protagonista) Daniela abbraccia e si fa abbracciare dalla mamma. “Mi dispiace tanto di non averti, per pudore, mai preso la mano, come adesso. Non ti ho mai fatto capire quanto bene ti volessi. Mi dispiace tanto di non averti mai dato questa soddisfazione….in questo momento di grossa depressione, l’unica cosa che mi può distogliere da questo malessere….è stare con te.”

(Da32) “Mi hanno rovinato! La mancanza di una figura materna affettuosa….poi mi mancava il babbo! Insomma ho tutto questo casino in testa!

(Da34) “…Non mi sembra di parlare molto di mia mamma….il mio problema principale da cui dipende tutto il resto. …..Io non riesco ad avere un dialogo con mia madre. Si ripropone sempre lo stesso meccanismo: ho questo senso di colpa che mi fa sentire che sto facendo qualcosa di sbagliato”.

(Da38) “A sei/sette anni, volevo scappare dalla stanza dove mia madre e mia nonna si picchiavano, urlando: ‘Voglio morire!’”

(Da52) Daniela ( in inversione di ruolo a sette anni di età)”Da un lato mi sembra di avere due mamme, dall’altro di non averne neanche una. Tutte le sere, come in un rituale, piango al pensiero di cosa potrebbe accadermi se la mamma morisse.”

(Da97) (Durante un lavoro come protagonista parla, in semirealtà, alla madre) Da:“Mamma io voglio piacerti, così mi sono costruita dentro di me una parte molto grande che potesse piacerti. E’ quella persona che ha mille problemi e mille ansie. …il mio matrimonio è finito perché non riuscivo a fare l’amore….avevo bisogno di parlare con te di queste cose, ma non potevo.” …”Quello di mia madre è un bene che non ammette il sesso, il piacere, la sensualità”

(Da96) “…da mia madre…le ho detto che la prossima settimana non saremmo andate , lei ha messo subito la sua maschera che dice: ‘E io come faccio?’….ero in piedi davanti a mia madre e ho iniziato a picchiarmi furiosamente e a urlare…..Mia madre che non mi aveva mai vista, si è spaventata moltissimo….tremava tutta. Poi mia madre mi ha abbracciata e mi diceva: ‘Scusa, scusa:’ E’ stata una cosa pazzesca.”

(Da102) “Io prima stavo molto peggio. Ho fatto dei cambiamenti incredibili. Adesso ci sono ancora delle cose da cambiare, soprattutto nel rapporto con mia madre.”

(Da111) “…le cose che mi fanno stare male sono sempre le stesse: i rapporti con la famiglia e i rapporti d’amore. ….Mi sono sentita colpita nel più intimo perché mia mamma non sa dirmi le cose, mi fa sentire che lei non mi accetta come persona”

(Da112) “…a volte ho sentito l’esigenza di momenti di intimità con lei, ma non adesso…. Secondo lei, io avrei bisogno, alla mia tenera età, di una persona che mi raddrizzasse. …So che mi disapprova, che non è contenta di me…..lei è stata la persona più determinante della famiglia. Mio padre era semplicemente un nevrotico. ….apprezzo, anzi ho un’attrazione per il modo di vivere di mia madre. Non credo che molte altre donne sarebbero riuscite a condurre una vita come la sua”…Non ha illusioni, non ha mai sognato: è molto realista. ….Io cerco di imitarla, senza riuscirci. …Lei è sempre stata circondata da donne forti: sua madre, e le sue sorelle…Ha uno spirito incredibile, tanto che i miei cugini me la invidiano. Ci perdiamo però per una serie di motivi, il primo dei quali è il suo pessimo rapporto con il sesso.. ….Avrò avuto circa 15 anni, mi hanno dato il permesso di andare al cinema, fuori città con un amico…ho perso il treno…mia madre quasi trasfigurata, mi ha picchiata furiosamente e credo che mi avrebbe ammazzata di botte se non l’avesse bloccata mio padre”

(Da116) “Sono andata a trovare mia madre…è uscito solo il discorso…che, dopo il matrimonio di Gea, avremmo potuto andare a vivere assieme…sono stata tutto il giorno con Mario (l’attuale compagno) e oggi che dovevo chiamarla non l’ho fatto…dovrò farlo domani e sono già agitata”

5.2 Padre.

(Da6) “…un padre molto debole…”

(Da21) (Daniela) Papà2: “…Sono tre anni che sono stato colpito da una malattia…non ho molto da dire, vorrei solo morire…io amo molto mia figlia, anche se non ci siamo mai parlati…vedo prosperare mio figlio e invece Daniela mi sembra sfortunata….; una moglie esemplare…ha sopportato tutto. L’ho fatta vivere coi miei genitori ….i ragazzi si sono rovinati crescendo in quell’atmosfera….Poi è morto mio padre…lui mi ha fatto fare un po’ di strada, era più forte di me…… Ero figlio unico con una madre che mi adorava…..; ero un bell’uomo e mi piaceva avere delle avventure e mia moglie ha ingoiato anche questo….Avrei dovuto prendere la mia famiglia, lei e i miei figli e andarmene ma mi faceva comodo rimanere coi miei, ero coccolato…; ora che è difficile sopportarmi. Certo qualche volta abbiamo litigato… ma poche…. mia moglie è ancora con me …Mia moglie lavorava nello stato. Usciva presto di casa la mattina e nel pomeriggio mia aiutava nel negozio…..io aprivo il negozio la mattina…al pomeriggio dormivo e lei andava in negozio.”

Daniela (rivolta al padre3): “ ….non ho mai avuto confidenza in te e perciò non riesco ad essere tenera e dolce…Ho una grossissima pena per te…non trovo ricordi di te e di me. Come se tu non ci fossi stato…ricordo solo la tua angoscia di stare male…..Non posso perdonarti di avermi fatta nascere e avermi fatto passare i miei primi anni in una situazione tremenda perché quello ha poi determinato il tutto………Quando sono stata più grande poi c’è stato il vuoto, non eri né buono né cattivo….. Eri preso dalle tue angosce e non c’eri….tutti dicono che assomiglio a te e questa cosa mi provoca un terrore folle perché è come se mi sentissi predestinata, ma questa cosa mi fa sentire anche molto legata a te. Forse in modo un po’ malato, ma mi sento molto più vicina a te che alla mamma che è una persona forte, non come noi,….”

(Da32) “Ho una ribellione pazzesca che non capisco. Forse la presenza di mio padre, anche se mi voleva bene, metteva in rilievo i miei lati deboli: Mi diceva continuamente:’Poveraccia, farai la mia fine, chissà cosa ti faranno!’ …in realtà lui era in paranoia e faceva andare in paranoia anche me”

(Da40) (Da) padre:“Sono gelosissimo, anche i miei genitori erano possessivi. ….quando qualcuno parlava con Daniela,bambina e poi ragazza,..sentivo una furia…li avrei uccisi…”

(Da80) “..ero uguale a lui, gli assomigliavo …e avevo paura di questo…adesso sono orgogliosa di essere come era lui…..C’era questo rapporto non chiaro…adesso è venuto fuori che era una persona eccezionale…”

5.3 Nonni.

(Da6) “…la nonna che odiava furiosamente mia madre…..”

(Da21) “Io le volevo bene perché stavo sempre con lei ma parlava sempre male della mamma…Odiava tutti (sta parlando della nonna paterna N.d.A.) , anche il nonno tutti tranne te (si riferisce al padre)”

(Da52) Daniela ( in inversione di ruolo a sette anni di età)“…Io voglio bene anche alla nonna. ….ho bisogno della nonna, perché la mamma non c’è mai.”

5.4 La figlia Gea.

(Da3) (Da) Gea:“…Io faccio la mamma alla mia mamma”

(Da4) “…Gea….diciamo che è per me assolutamente il punto fisso della mia vita per cui non avendo più lei non so se riuscirei a mantenere tutti gli impegni…”

(Da25) “…mia figlia non aveva proprio quello che dovrebbe essere dato ai bambini….ho avuto sempre un complesso di colpa….Penso che Gea se ha dei problemi …sia causa mia…E’ per causa mia che lei è quello che è… …”

(Da29) “…in vacanza con Gea che aveva cinque anni. Avevo una storia con uno, le avevo detto di stare con altri bambini a giocare e io sono stata con lui in un bungalow. Sentivo Gea…che piangeva chiamandomi…è ancora il mio incubo ricorrente.”

(Da61) “…vedo proprio vicino l’imminente matrimonio di Gea e questo mi fa entrare nel panico più tremendo.”

(Da73) “…da tempi immemorabili non tengo più Gea tra le mie braccia. Il …non riuscire più a toccarla è un problema che mi sono già posta. Credo di avere dei conflitti profondi con lei che non so come risolverli. Così ho deciso di prendere le distanze.”

(Da75) “…forse è arrivato il momento di non vedere più mia figlia come se fosse me…..quanto sono invischiata nella vita di Gea”.

(Da86) “…una lettera di Gea sul letto. Diceva che voleva continuare a vivere nella stessa casa, ma come due persone autonome…Capivo e trovavo giusto….Ero smarrita. Carlotta (il cane N.d.A.) per me lei è Gea….Do a Carlotta quello che non sono riuscita a dare a Gea quando era piccola…..Mi sento un po’ orfana…..avrei voglia che mia mamma tornasse dal mare. Ho perso la figlia voglio la mamma.”

(Da110) “Il fatto che Gea non si sposi, da un lato mi sta bene, perché ho compagnia, ma mi impedisce di pensare seriamente ad una vita con qualcuno.”

5.5 L’ex marito.

(Da4) “…è stato che ho cominciato a vedere questa persona come se fosse mio padre.. è stata un’ottima persona ma che io avevo trasfigurato…sono arrivata a renderlo talmente detestabile. …Un uomo …io lo cambio, lo manipolo….Dovrebbe essere sicuramente più forte di me per tenermi ferma la testa”

5.6 Tonio.

(Da17) “Ho conosciuto una persona che ha fatto tutto quello che vorrei fare io…aveva successo e ha mollato tutto, ha tentato il suicidio, ha vissuto coi barboni e coi drogati. …mi ha messa di fronte alla fatica di vivere per essere a pari degli altri ….dovrei fare come lui, vivere per l’essenziale, per se stessi, perché si ha voglia di vivere”

(Da78) “…mi ha detto quanto sia cambiato soprattutto grazie a me…probabilmente ci siamo aiutati a vicenda!…E’ come se dalla testa mi fosse uscita una malattia e non riesco a vedere la sua come…stanchezza o depressione. Mi sembra una cosa molto più grave! Io non sto più dentro di me proprio come lui, io lo vedo morto. …ho superato la morte di mio padre perché c’era lui, ha fatto di tutto per aiutarmi, si è annullato completamente! ”

(Da80) “L’ho conosciuto due mesi prima che mio padre morisse e non siamo mai stati separati per molto tempo….La sensazione più grande che lui è diventato automaticamente mio padre. …la preoccupazione per Tonio mi ha fatto rivivere la morte di mio padre perché ho sofferto per lui quello che avrei dovuto soffrire per mio padre…Prima pensavo che la sua vicinanza mi fosse necessaria…ora ho capito che lui mi ha aiutata molto, ma adesso io sono io…”

(Da92) “Da quando …mi sono tolta l’ultima possibilità di vederlo…ho cominciato ad avere dei disturbi psicosomatici…ne ho sofferto moltissimo in passato…..Quando c’era Tonio….avevo raggiunto un grado di stabilità emotiva…forse lui mi dava sicurezza….”

5.7 La dipendenza affettiva.

(Da14) “Devo imparare assolutamente a vivere da sola, soprattutto a non dipendere da un uomo. Questo perché il mio star bene o star male non dipende da me , ma dipende dagli altri. Se non esiste un’altra persona, niente ha più senso : Io voglio vivere per quello che sono. Ho deciso di vivere in funzione della mia persona.”

(Da31) “…Cinque anni fa….ero insieme ad una persona che pensavo di amare…. stavo malissimo e davo la colpa a lui. Non avevo la forza di ritrovarmi da sola, senza nascondermi dietro a una persona, pensavo che i miei mali potessero sparire perché stavo con lui”

5.8 Appartenenza, separazione e abbandono.

(Da7) “….anch’io sento molto la separazione…..(la compagna Valentina lascia il gruppo) ..Quindi la separazione proprio non ci voleva.”

(Da13) Si sta salutando Francesca che interrompe la propria partecipazione al gruppo“La sensazione più grossa….come si riesca ad abituarsi alle persone ed accorgersi di quanto ti possa dare fastidio un cambiamento…il fatto che questa persona decida di sparire. …è una cosa che mi angoscia sempre …la separazione è il mio punto debole….anche nei rapporti con persone con cui capivo che era meglio non stare più insieme…quando arrivava il momento di lasciarsi, ed io sapevo che poteva essere giusto…ma quando l’altra persona, giustamente, parlava di separazione in ogni occasione io perdevo la testa”

(Da23) “…per la paura di una perdita da quando Paolo se n’è andato non mi sono più concessa a nessuno ….Non c’è più niente di disponibilità dentro di me ….ho smesso di vivere e smettendo di vivere di avere fiducia nelle persone….ho perso assolutamente qualsiasi entusiasmo.”

(Da86) “Ho subito l’ennesimo abbandono e per questo sono caduta nuovamente in depressione”

I mondi delle relazioni affettive, quello famigliare e quello extrafamigliare, nell’esperienza di vita di Daniela non si trovano in un rapporto di successione secondo una linea ideale che partendo dalla famiglia d’origine, passa attraverso la scoperta degli affetti tra pari, per approdare al fare propria una affettività genitoriale e al costituirsi di un nuovo nucleo famigliare. Per Daniela i diversi contesti affettivi si sovrappongono e si intrecciano, a volte con valenza sostitutiva, altre con un, meno marcato, significato contrappositivo. Il risultato è comunque sempre quello di una grossa inadeguatezza delle figure significative nel vissuto di Daniela, ed altrettanto grande confusione nei significati e nelle funzioni attribuite ai diversi soggetti con cui lei si relaziona: la madre che (a partire da quando?) nel vissuto di Daniela, appare più un padre, un padre assente, ma anche disconfermante ed autoritario; il padre oggetto di profonde ed intime identificazioni (come dovrebbe essere una mamma), ma anche amante (realmente vissuto o inconsciamente fantasticato?); la nonna paterna, partner implicita del padre, e genitore rivale della madre; la figlia spesso investita di improprie richieste di svolgere funzioni ora genitoriali, ora di amica complice; i partner vissuti come padri, e più spesso e più inconsapevolmente, come sostituti materni.

Il mondo delle relazioni primarie e quello delle relazioni affettive coi partners, più in generale il mondo interno di Daniela, si caratterizza per l’estrema frammentarietà e conflittualità dell’insieme, e per il fatto che gli oggetti o, se si preferisce i soggetti, non sono mai “al loro posto” e mai sono attribuiti delle corrispondenti e adeguate funzioni e significati. Inoltre, Daniela vive un’estrema fatica a tenere contemporaneamente presenti alla sua attenzione, e a mettere in relazione una con l’altra, le diverse figure; una alla volta si presentano alla ribalta della sua consapevolezza e delle sue espressioni, concentrando in modo quasi esclusivo su di sé la sua attenzione (la mamma poi, in particolare rimane per lunghissimo tempo sullo sfondo, ed è l’ultima ad essere portata sulla scena del teatro psicodrammatico). Tutto ciò insieme concorre a far sì che Daniela si porti dietro quel sentimento di mancanza di famiglia, di confusione a proposito di sé e della sua storia, che incessantemente la spingono, coattivamente, a cercare il “paradiso perduto”, (o mai pienamente posseduto?); da qui l’instaurarsi di relazioni di dipendenza, l’incapacità a separarsi dal passato e dai legami affettivi non più adeguati, per andare verso la ricerca, la progettazione e la realizzazione del nuovo.

6 Sesso e trasgressione.

(Da9) (consegna: “comincio da… poi lo chiederò a tutti..qual è l’aspetto di questo gioco che ti ha dato più eccitazione4?”) Daniela: “ Fare qualcosa che non si dovrebbe fare..la trasgressione”

(Da11) “Io sento il sesso dappertutto…ogni atteggiamento ha per me qualcosa di sessuale ma questo non vuol dire che io sono libera, al contrario!…..Coi miei vivo il sesso come fossi ancora piccola…Anche da piccola avevo paura di essere scoperta in atteggiamenti collegabili al sesso… e vi ero molto portata…questa cosa mi è rimasta. Non ho una vita sessuale normale: la vivo con un senso di colpa che l’altro avverte. .Ma le cose che potrebbero farmi bene come fare liberamente l’amore con chi mi piace… non se ne parla. I miei non l’accetterebbero mai ….la cosa più grave che dico una bugia dopo l’altra, come fossi una ragazzina.”

(Da53) “…il senso di colpa per come vivi questa tua sessualità e sensualità si presenta contemporaneamente al piacere, perché provi il dispiacere che possa capitare qualcosa di brutto….devi sempre pagare il piacere che provi…”

(Da59) “Ero al cinema con mio padre. Avrò avuto sei, sette anni lui abitualmente si appisolava…da dietro la mia testa spuntava sempre qualche mano di uomo… non potevo vedere il volto…mi toccava dentro la maglietta…come una profanazione…Io ho una grossa sensibilità ai capezzoli, che forse si è originata proprio da quel momento. Io ero tesa a provare queste cose….Non so se avevo paura, ma provavo dei piaceri immensi con mio padre di fianco. Ogni mio ricordo di infanzia ha sempre un che di malsano. Mio nonno che mi spiava da dietro agli alberi per vedere se giocavo con dei maschi. E poi tutti i sogni a occhi aperti…..io, eccitatissima, mi vedevo legata a un tavolaccio di ferro…mi violentavano in tanti e io provavo un piacere pazzesco, perché potevano fare quello che volevano, tanto io non avevo colpa, perché ero legata .”

(Da74) “ieri ho fatto l’amore con un uomo in un furgone, una cosa bellissima perché legata a cose che non si devono fare. Ma poi ieri sono stata molto male a casa perché ho dovuto fare i conti con i sensi di colpa e ho dovuto prendere un tranquillante.”

(Da76) “Vivo il contrasto tra il mio sentirmi sovraeccitata e quindi senza limiti e sensi di colpa, e la realtà, perché quando cerco di fare quello che credo, subito mi sento male. Ha sempre a che fare col sesso, ho un forte conflitto col sesso! Non riesco a mettere ordine nella mia vita affettiva!”

La sessualità per Daniela sembra indissolubilmente legata ad un vissuto di trasgressione; i sentimenti vissuti nell’esperienza sessuale sono fortemente ambivalenti: da un lato il piacere e l’attrazione per gli intensi stati di attivazione sensoriale ed emozionale che contrastano con il senso di proibito e di colpa che accompagnano e seguono l’esperienza; il vivere la sessualità come un’esperienza vitalizzante, di appropriazione ed espressione di sé che confligge col doverlo fare di nascosto, e fuori, quando non contro, dal controllo della propria volontà; una sessualità perciò sofferta, infantile, non integrata in un compiuto senso di identità personale e perciò, non fruibile come adeguato complemento della relazione affettiva, e nemmeno come libera scoperta di parti di sé e del mondo.

7 Le relazioni ed il vissuto dentro al gruppo.

(Da1) “Queste cose (si riferisce al partecipare al gruppo di psicodramma N.d.A.) mi lasciano un po’ perplessa…non è secondo me il posto giusto per me”

(Da7) “Adesso io mi sono affezionata al mio medico e a voi…mi sono messa nei guai perché mi sono affezionata a tutti” “…appena avverto negli altri uno spiraglio io mi affeziono subito alle persone ed ultimamente ho sentito questo in voi ed in me…”

(Da8) (Alla ripresa dopo le vacanze estive)“Ad agosto mi sono accorta che ero molto sola….ho ricominciato ad avere queste cadute di depressione…Io sono molto malata di solitudine, niente mi può guarire….Penso di smettere di andare dall’altro medico…Anche venendo qui non spero di sentirmi bene,

(Da9) Nel lavoro come protagonista di Bruno Daniela è scelta per fare il ruolo della sua partner sessuale.

(Da19) (Prima sessione dopo natale) “…questo tempo di vacanza mi è sembrato troppo lungo. Mi sembrava di sbagliare tutto perché non venivo qui. Aspettavo con ansia di incontrarvi…”

(Da20) “All’inizio, quando venivo qui, avevo una tachicardia fortissima e l’istinto di andarmene; ….poi è scattato qualcosa e ho avuto una sensazione di gruppo, la prima volta in vita mia…ciò mi rende felice, è molto bello. Adesso aspetto che venga la giornata dello psicodramma per essere qui;”

(Da30) “Non sono venuta qui perché ritenevo che non mi aiutaste. Anch’io ho perso un po’ la spinta per venire qui” (D. ha appena appreso che due compagni del gruppo non verranno più).

(Da68) (Rivolta alla compagna Gaia, in funzione di specchio) “…Grazie a te ho scoperto il piacere di avere un buon rapporto con le donne.”

(Da81) (Prima sessione dopo natale) “Oggi mi sembrava impossibile poter venire, poi mi ha telefonato Bruno. Sto malissimo, non volevo venire perché mi sembra di disturbare. In ogni caso penso che sarà l’ultimo anno.”

(Da86) “Mi sono sentita abbandonata, ma contemporaneamente ho sentito di avere degli amici e per questo mi sento protetta. Ora sento molto il gruppo, siete degli amici e parlo molto di voi anche fuori di qui. Prima non lo facevo mai”

(Da97) “..Adesso sto bene, ma qui sto sempre bene..Bruno ha conosciuto mia madre….” “Credo che bisogna far uscire la rabbia. Se non ci pungoliamo sul vivo, escono delle cose, ma, dopo tre anni che sono qui, ho voglia di arrivare al problema.”

(Da113) “Mi sento bene in Psicodramma…ieri ho avuto problemi intestinali, ma aldilà di quello, ero fortemente depressa…ci vorrebbe qualcosa che mi spianasse molto, perché io tendo a tornare indietro…continuo ad avere crisi d’ansia e di panico, …qui mi sento nel mio ambiente e non mi sforzo più di tanto. Sento la necessità di qualcuno che mi bastoni, e di inserire qualcos’altro…Dopo quattro anni, nonostante alcuni miglioramenti, lo sento un po’ morbido.”

Daniela da subito manifesta un atteggiamento fortemente ambivalente verso il gruppo: implicitamente mostra di desiderare di essere accolta e di avere l’interesse dei suoi componenti, attraverso un modo di esprimersi molto enfatico e “drammaticamente” seduttivo; allo stesso tempo non esita ad attaccarlo e a svalutarlo, mettendo in dubbio la possibilità da parte sua di trovarvi aiuto, ed esprimendo perplessità rispetto alla autenticità, profondità e intensità degli accadimenti nello psicodramma. Il gruppo tuttavia, pur tra alti e bassi, coincidenti con diversi momenti critici da lei vissuti, sia all’interno del gruppo stesso che nella vita reale, diverrà sempre più, e per quattro lunghi anni, un luogo molto importante per Daniela. Il gruppo si costituisce progressivamente per lei come contenitore e punto di riferimento, e la posizione di Daniela all’interno dello stesso si sposta dalla marginalità e passività, verso il divenire lei stessa un elemento attivo e rilevante, uno stimolo e un significativo polo di confronto per i compagni. Nella partecipazione al gruppo Daniela sviluppa sempre più una attitudine all’affidamento ed un senso di appartenenza; dal gruppo si sente stimolata, accompagnata e sostenuta, tanto rispetto alla sua vita attuale e reale (dove trovano compensazione i suoi sentimenti di vuoto e di solitudine), quanto nell’esplorare e mettere progressivamente fuori di sé il proprio mondo interno. Il gruppo diviene per lei occasione di beneficiare dell’azione di adeguate funzioni genitoriali, materna e paterna: accoglimento e nutrimento affettivo, ancoraggio alla realtà e stimolo ed accompagnamento alla scoperta e definizione di sé e del mondo. Ancora, il gruppo la stimola a scoprire, contenere, ed incanalare verso un’adeguata espressione le sue emozioni; al tempo stesso assolve ad una funzione unificatrice ed integratrice delle varie parti in cui Daniela si sente frammentata. Quando il gruppo vive dei prolungati momenti di pausa in occasione, per esempio, delle festività natalizie o delle vacanze estive, per diversi anni i progressi manifestati ed il benessere raggiunto sembrano perdersi a causa dell’interruzione; alla ripresa degli incontri, infatti, Daniela manifesta evidenti aspetti di regressione, confermando il suo profondo bisogno di essere contenuta ed integrata dal gruppo. I compagni la apprezzano e valorizzano le sue caratteristiche e peculiarità, anche quelle “scomode” e ad un primo impatto più sgradevoli come la sua rabbia e gli attacchi aggressivi, o come i rimandi incisivi e stimolanti, prodotto dell’acutezza e lucidità di Daniela. Parallelamente i membri del gruppo costituiscono per lei l’opportunità di interagire con altre soggettività, fisiche e psicologiche, sperimentandosi nella costruzione di relazioni definite e differenziate, dove reciprocamente le rispettive identità si precisano, si riconoscono e si rinforzano. Ciò avviene prima e più compiutamente coi compagni maschi che diventano per lei interlocutori definiti e rassicuranti per la strutturazione della propria identità femminile; questo processo si estende poi anche alla relazione con le compagne femmine, che si costituiscono per lei come modelli con cui identificarsi e confrontarsi; l’interazione è in questo caso però più distaccata, come se Daniela si relazionasse attraverso un reciproco osservarsi da posizioni distinte e distanti; non è pienamente vissuta e sviluppata, forse anche perché Daniela decide di completare il suo cammino di sperimentazione e crescita andando a “confondermi con una donna” (Da119) fuori dal gruppo di Psicodramma. Questo gruppo ha comunque svolto per Daniela importanti funzioni rispetto al suo percorso di cambiamento e crescita costituendosi pienamente come co-terapeuta lungo il corso del suo cammino psicodrammatico.

Lettura Psicodrammatica.

Abbiamo conosciuto Daniela, mentre, attraverso la lettura dei protocolli, idealmente l’abbiamo accompagnata e seguita nel suo procedere lungo il percorso psicodrammatico da lei compiuto; conoscendo lei abbiamo conosciuto la sua sofferenza psicologica ed esistenziale, cerchiamo ora di ripercorrere gli aspetti più importanti di conoscenza, organizzandoli e comprendendoli alla luce delle concezione moreniana della personalità umana e del suo sviluppo; questo nell’aspettativa che lo psicodramma ci dica qualcosa di più di Daniela, e, al tempo stesso Daniela ci faccia capire qualcosa in più dello psicodramma.

L’atomo sociale famigliare5 di Daniela.

Abbiamo già sottolineato come il mondo interno di Daniela si presenti come diviso, contrastato e confuso. La famiglia d’origine si caratterizza, dapprima e con una notevole ridondanza evidenziata nei vissuti espressi da Daniela, per la sensazione di mancanza o assenza; poi, quando qualche tratto più definito inizia pian piano a prendere corpo, si mette in luce un livello di coesione affettiva molto basso, cui si accompagna l’alta conflittualità tra la nonna paterna e la madre; su tutto però domina l’indefinitezza e la confusione, per cui anche queste semplici e scarne caratteristiche faticano ad emergere e stabilirsi nel corso del cammino psicodrammatico; anche le particolarità delle singole figure famigliari si delineano molto lentamente attraverso le ricostruzioni, operate con le verbalizzazioni e le rappresentazioni psicodrammatiche rispettivamente prodotte e realizzate da Daniela, e, probabilmente, rimangono ad un rilevante livello di incompiutezza. E’ già stato sottolineato come, lungo il cammino psicodrammatico, l’attenzione di Daniela si concentri ora su questa, ora su quella figura significativa; sembra estremamente difficile per lei, nelle rappresentazioni che produce del proprio mondo interno, mettere in relazione tra di loro le diverse personalità che ne fanno parte. Inoltre, le stesse caratteristiche personali attribuite ad ognuno dei diversi soggetti man mano che si presentano alla sua coscienza, e diventano perciò oggetto di espressione all’interno del gruppo, presentano un bassissimo livello di integrazione tra di loro, non di rado si rivelano contrastanti e reciprocamente disconfermanti; le immagini relative ad ogni personaggio del suo mondo interno, che man mano prendono corpo, si caratterizzano perciò come discordanti e frammentarie; a queste rappresentazioni interne si associano sentimenti fortemente ambivalenti. Le caratteristiche di indefinitezza e confusione emergono anche all’analisi dei ruoli incarnati dai diversi “altri significativi”: nessuna di queste figure sembra essere tributaria in modo definito, univoco, e coerente dei ruoli corrispondenti al significato esistenziale che ognuna di loro riveste nella vita di Daniela.

Il gruppo come “mondo ausiliario” e come “co-terapeuta”.

Alla frammentarietà, contraddittorietà e confusione del mondo interno di Daniela corrispondono caratteristiche di instabilità, conflittualità ed indefinitezza da lei vissute rispetto alla idea e alla percezione che ha di se stessa; come abbiamo più sopra osservato e considerato (trattando del rapporto da lei instaurato col gruppo di psicodramma), quella di Daniela è una identità che “per stare insieme”, sostenersi e svilupparsi, necessità di un contenitore e di stimoli che con queste funzioni e finalità agiscano su, e per, lei; un “mondo ausiliario” che supporti e completi le carenti identità e capacità di essere. A questo proposito troviamo importanti conferme e precisazioni nel pensiero di Moreno: ”Noi abbiamo chiamato ‘Io ausiliario’ un’estensione dell’Io personale che si renda necessaria alle sue adeguate prestazioni vitali e che debba essere fornita da una persona esterna” (Moreno, 1946, pag. 124 dell’ed. it.) …”Quanto più l’Io è abbozzato e incompleto, tanto più deve essere articolato ed accurato l’aiuto esterno fornito dall’Io ausiliario, più alto è il numero di aiuti con cui l’Io ausiliario deve contribuire e maggiore è il bisogno della sua iniziativa. Possono rendersi necessari molti Io ausiliari. ….Nel caso del paziente più grave, la realtà, come viene abitualmente esperita, è rimpiazzata da elementi illusori e allucinatori. Il paziente richiede più che un Io ausiliario, ha bisogno anche di un mondo ausiliario” (ibidem, pagg. 291-292). Daniela vive in buona parte questo bisogno di trovare contenitori che svolgano funzioni di integrazione e “sostituzione” nei confronti delle proprie carenze; troviamo esempio e conferma di questo negli “agiti” propri del suo copione, laddove lei ripetutamente ricerca ed instaura relazioni che si strutturano secondo un confuso intrecciarsi di ruoli e controruoli, corrispondenti agli impliciti bisogno e ricerca di funzioni materna e paterna. Ulteriore realizzazione di questa esigenza di beneficiare dell’integrazione al proprio io, che può fornire un “mondo ausiliario”, si concretizza nelle occasioni in cui Daniela si “porta fuori dal gruppo” le relazioni instaurate coi compagni nel corso dell’esperienza psicodrammatico, attraverso il frequentare qualcuno di questi in modo continuativo ed assiduo anche nella sua vita reale. Si tratta in questo caso di una forma più evoluta e più sana di ricerca di soddisfazione di questo suo bisogno: infatti, il frequentarsi al di fuori del gruppo si realizza nell’attivazione di ruoli e controruoli più definiti e chiari, come quelli di pari che reciprocamente si aiutano e sostengono, senza l’investimento di significati e funzioni non pertinenti al tipo di relazione instaurata; significati e funzioni che rimangono confinati ai momenti di realtà e semirealtà del gruppo di Psicodramma, trovando in questi opportuna occasione di manifestazione e realizzazione ed integrazione.

I ruoli sviluppati di Daniela.

Appena superate le difficoltà iniziali legate al processo di inserimento nel gruppo, Daniela si rivela essere molto attenta ed acuta: nei rimandi che da ai compagni è molto lucida e profonda, i suoi specchi sono precisi, differenziati e stimolanti. E’ assolutamente in grado di produrre rappresentazioni mentali di sé e della realtà, e di tradurle ed esprimerle attraverso formulazioni verbali corrispondenti. Allo stesso tempo si mostra da subito come una persona che sperimenta emozioni intense, con forti e spesso repentine oscillazioni da una tonalità all’altra; queste stesse emozioni è in grado di portarle nell’azione, anche se in modo assolutamente impulsivo ed incontrollato. Inoltre, si rivela essere una persona capace di prendersi cura del proprio aspetto e di interessare l’altro, attraverso la propria esteriorità, oppure con la ricchezza (di costrutto e di dettagli) e l’intensità delle espressioni verbali.

I ruoli “carenti”di Daniela.

Daniela mostra enormi difficoltà a produrre definizioni di sé e della realtà che siano il genuino prodotto da un lato di processi di osservazione ed auto-osservazione, e dall’altro della capacità di attivarsi in un atteggiamento di ascolto e contatto con la propria emozionalità profonda, che non si destrutturi nell’impulsività ed immediatezza dell’acting out.

Entrando di più nel particolare, dall’osservazione dei protocolli abbiamo potuto rilevare come nelle fasi iniziali del percorso psicodrammatico, durante i momenti in cui il gruppo veniva attivato a livello psicomotorio, Daniela tendesse all’isolamento e alla marginalità, mostrando grandi difficoltà sia nell’espressione di sé attraverso la corporeità, sia nell’entrare in comunicazione tonica coi compagni. Facendo riferimento ai concetti di fusionalità ed individuazione6, possiamo osservare come Daniela partendo da posizioni di rigidità ed immobilismo, si sia rapidamente aperta prima al vivere ruoli fusionali passivi (come essere contenuta, coccolata, portata…); è passata poi per la riscoperta della corporeità e del piacere di percepirsi, esprimersi ed interagire attraverso questa; è arrivata poi, infine ad avviare l’integrazione nel proprio sè ruoli in cui è lei, attivamente, a farsi contenitore fusionale per l’altro; da sottolineare come l’interlocutore da lei scelto di volta in volta per le esperienze fusionali o di intensa interazione a livello somatico, sia sempre di sesso maschile o neutro (un gruppo di persone). I ruoli individuativi di Daniela si manifestano nella sua notevole capacità di attivarsi, in funzione di specchio, verso i compagni prima, e nel gradimento degli specchi ricevuti, poco più avanti; Daniela è all’inizio, come già sottolineato, una persona che vive enormi difficoltà nel definirsi, da questo punto di vista compie notevoli progressi lungo i quattro anni di psicodramma, mettendo in luce ed iniziando ad integrare, molteplici aspetti e parti di sé; rimane, tuttavia una persona che fino alla fine fatica ad esprimersi in ruoli che realizzino una completa individuazione, in particolare permangono le difficoltà nel separarsi, e nell’utilizzare la propria rabbia7 come un’energia positiva che alimenta e sostiene il suo affermarsi ed autodeterminarsi.

L’io-attore e l’io-osservatore di Daniela.

Da quanto detto sinora mi pare emerga l’idea di Daniela come una persona bloccata nella sua crescita e nella possibilità di agire nel mondo non tanto per assoluta carenza a livello del repertorio di ruoli e destrutturazione di quelle che sono le istanze fondamentali, secondo il modello moreniano, della psiche e del suo funzionamento: l’io-attore e l’io-osservatore8. Piuttosto sembra che le difficoltà da Daniela vissute si possano ricondurre a disfunzioni a carico della dinamica che caratterizza le interazioni tra le due istanze: riscontriamo infatti distanza e conflittualità piuttosto che armonico e circolare “dialogo”, quell’andare e ritornare tra “esserci” e “rappresentarsi”, che è presupposto dell’agire creativo. L’io-attore di Daniela si caratterizza per la sua presenza invasiva ed irruente, a tratti monopolizza la vita di Daniela condizionando e perfino travolgendo la sua possibilità di osservarsi e pensarsi. L’io-osservatore è disorientato e bloccato rispetto alle potenzialità di sviluppo e strutturazione a causa dell’impulsività dell’attore, ma alterna momenti in cui, a sua volta, con le proprie caratteristiche di rigidità e stereotipia, condiziona ed inibisce le possibilità di manifestarsi ed articolarsi dell’attore. La mancanza di armonia e collaborazione tra le due istanze cortocircuita ad un tempo sia il funzionamento mentale di Daniela, sia la progressione di sviluppo esistenziale lungo il procedere temporale; i ruoli disponibili sono bloccati rispetto alle loro possibilità di evoluzione e, ancor più, è impossibile accedere e crearne di nuovi; i pervasivi sentimenti di ansia e depressione che puntualmente e repentinamente succedono alle esplosioni euforiche o autoaggressive, contrastano l’attivarsi di quegli stati di spontaneità che sono condizione imprescindibile per l’accesso al cambiamento e all’adeguatezza dell’agire.

Sistema di realtà e sistema di fantasia.

Il concetto si spontaneità secondo Moreno (1946, ed. it. pagg. 137-140), si collega a quella fase dello sviluppo infantile, per cui col passaggio dal 1° al 2° universo si differenziano e organizzano “due sistemi del processo di riscaldamento –uno nei confronti delle azioni di realtà e uno nei confronti di quelle di fantasia”. Moreno precisa bene che la salute mentale non sta tanto nell’abbandonare il secondo (la fantasia) a favore del primo (la realtà), quanto nella possibilità per l’individuo di passare in modo controllato e fluido dall’uno all’altro dei due sistemi secondo il proprio bisogno di realizzazione, e in ossequio alle esigenze di risposta adeguata alle richieste delle contingenze preesistenti; nella spontaneità viene individuato il fattore che può assicurare questo controllo; su questa differenziazione e possibilità di fluido passaggio, attraverso la spontaneità, dalla realtà alla fantasia si fonda la realizzazione della potenzialità creativa delle persone “Io cerco di dar loro il coraggio di sognare ancora. Io insegno alla gente a giocare la parte di Dio” (Moreno, ed. it.1946, pag. 66, corsivo come nell’originale).

Daniela è completamente bloccata rispetto a queste possibilità: la datità del mondo reale si impone in modo massiccio facendola sentire impotente ed incapace di adeguata reazione; d’altro canto il mondo della fantasia è per lei un cumulo di immagini angosciose e persecutorie, in parte nascoste, in parte rimosse,ed in parte, infine, mai costituite in forma di rappresentazione9; i due sistemi non interagiscono tra di loro, rimane così per lei impossibile pensarsi e progettarsi nel futuro, immaginare e realizzare il nuovo.

Altre categorie di ruoli: i ruoli ortopedici di Daniela10.

(Da11) “Io sento il sesso dappertutto…ogni atteggiamento ha per me qualcosa di sessuale”

(Da106) “Io ho bisogno di mettere dentro di me una cosa che mi succede da quando ho memoria: ogni volta che incontro un uomo dall’adolescenza mi sento riempita come se fossi in qualche modo tornata a casa…mi sento quel vuoto dentro coperto…risolto questo mio problema di sempre, cioè la sensazione di vuoto. La sensazione che provo nei confronti di questi uomini non è mai di sessualità, di passione. Sento una sensazione di calore, di casa.”

Queste due significative, e all’apparenza contrastanti, affermazioni di Daniela ci conducono a considerare e a riflettere, su alcuni aspetti particolari del suo repertorio di ruoli e del suo copione comportamentale. Ripercorrendo, lungo il processo di rivelazione ed auto-conoscenza che Daniela ha realizzato partecipando al gruppo di psicodramma, le sue vicissitudini, attuali e passate, abbiamo potuto riscontrare come siano state ricorrenti e frequenti, le situazioni che l’hanno vista dapprima soggetto coinvolto, poi lei stessa attrice e promotrice di dinamiche di relazione, dove i ruoli si caratterizzavano per la loro confusione ed ambiguità. Anche nell’attualità dell’età adulta è facile osservare come con rilevante frequenza si attivi la sua capacità seduttiva, nel senso generale di richiamare l’attenzione e l’interesse dell’altro, e in quello più particolare di coinvolgersi in intense relazioni con partner maschili. In questa definita e ripetitiva modalità d’essere possiamo individuare rispettivamente delle “capacità” e dei bisogni: tra le prime l’attitudine di Daniela ad instaurare intense ed esclusive (quasi simbiotiche) relazioni interpersonali, e la sua attitudine a coinvolgersi, e coinvolgere, in forti interazioni eroticamente eccitanti ( per quanto spesso regressive e parziali11); tra i bisogni, su tutti quello fusionale (nel senso di sentirsi appartenente, contenuta, nutrita…), ma anche quello di sperimentare intensi stati di attivazione sensoriale ed emozionale, che le diano eccitazione,energia, un senso di vitalità.

Bisogno di struttura; bisogno di attivazione.

“Sappiamo dallo studio del processo di riscaldamento nelle prestazioni degli adulti e nelle relazioni interpersonali che si possono differenziare categorie di attivatori del sé, cioè attivatori di tipo fisico e di tipo mentale. La differenziazione in due diverse modalità di attivamento non è ancora a disposizione del bambino. Nell’attivazione del neonato sembra esserci una scarsissima attività mentale. Possiamo perciò pensare che egli faccia uso soltanto di stimoli di avviamento fisici. Per tutta la vita gli stimoli di avviamento fisici continuano ad essere gli stimoli di salvataggio di tutti i processi di riscaldamento” (Moreno, 1946, pag. 119 dell’ed. it.).

Questi pensieri di Moreno a proposito delle entità e dei processi che troviamo coinvolti nello sviluppo della personalità, credo possano aiutarci a formulare qualche ipotesi, a posteriori dopo averla conosciuta, circa le particolarità del percorso esistenziale di Daniela, e le specifiche modalità di strutturazione, e funzionamento della sua persona. Da quanto osservato e riflettuto sinora, credo che si possa sinteticamente spiegare il disagio di Daniela da un lato in termini strutturali (la confusione riguardo se stessa, le difficoltà nell’azione…), dall’altro in termini di energia (il bisogno di sentirsi vitale e piena di forza per affrontare la vita). Rifarsi, ancora una volta, ai concetti di ruolo e controruolo12, ci aiuta a capire come questi due dimensioni (la struttura e l’energia) siano tra loro collegate. Sappiamo molto bene, dalle formulazioni della Teoria del Ruolo, quali siano l’importanza e le funzioni svolte dai controruoli (con la loro duplice caratteristica di essere forme definite, concretamente percepibili, e di racchiudere, al tempo stesso significati), rispetto allo sviluppo del sé dell’individuo: il sé emerge dai ruoli, i quali a loro volta si definiscono e si strutturano conformemente ai controruoli coi quali si trovano ad interagire. Nel brano di Moreno appena ricordato, è sottolineata la funzione di “avviamento”, prima fisico poi mentale, svolta dai controruoli a favore della soggettività che si va definendo; possiamo concludere che il controruolo, rispetto allo sviluppo del sé assolve a due funzioni: la prima di attivazione, la seconda di strutturazione.

Energia e forma. Percezione sensoriale, emozione, pensiero.

“L’idea della conservazione dell’energia ha fornito il modello “inconscio” a numerose teorie psicologiche e sociali, come per esempio, alla teoria psicoanalitica della libido. In armonia con questo principio, Freud riteneva che quando l’impulso sessuale non poteva trovare soddisfazione mediante il raggiungimento dello scopo, esso trasferisse in altri settori la propria energia non utilizzata. Deve manifestarsi, pensava, o sotto una specie patologica oppure ricercare una propria via di sfogo nella sublimazione. Non poteva cioè concepire che questa forma inutilizzata si dissipasse annullandosi, perché il suo pensiero era dominato dal concetto fisico della conservazione dell’energia. Quindi se volessimo attenerci …..al modello energetico di Freud….dovremmo raffigurarci la spontaneità come una energia psicologica –quantità che si distribuisce in un campo- la quale, ove non riesca ad attualizzarsi in una direzione, si aprirà un altro varco per conservare il proprio volume e realizzare il proprio equilibrio. Dovremmo allora ammettere che ogni individuo possieda una data quantità di spontaneità in deposito , che accumula o che eroga nel corso della propria vita….Le ricerche sulla spontaneità hanno però dimostrato che questo punto di vista è poco soddisfacente, per lo meno quando si tratta di creatività umana….L’individuo non dispone di un serbatoio di spontaneità, se con ciò si vuole intendere una quantità o un volume dati. La spontaneità è (o non è) disponibile secondo tutta una serie di gradi , dallo zero ad un massimo, per cui può rendersi più o meno disponibile per l’individuo, nel quale opera come catalizzatore. Posto di fronte ad una situazione nuova l’individuo non ha altra alternativa che servirsi del fattore “s” come di una guida per evocare le emozioni, i pensieri e le azioni più appropriate alle circostanze stesse. ….La spontaneità funziona solo nel momento in cui si manifesta; la si può metaforicamente comparare ad una lampada che viene accesa e grazie alla quale tutto diventa distinto nella stanza. ….Però nella teoria della spontaneità, l’idea di energia in quanto sistema organizzato di forze psicologiche non viene del tutto abbandonata. Questa energia riappare sotto forma di “modelli culturali” ma anziché essere considerata la fonte che dà la vita ad ogni processo, come avveniva per la libido, essa costituisce la conclusione di un processo, il suo prodotto finale.. …..L’universo è una creatività infinita; ma cos’è la spontaneità? Si tratta di una forma di energia? Perché l’idea di spontaneità non sia contraddittoria bisogna ammettere che, se è un tipo di energia, ne costituisce una forma particolare la quale non obbedisce alla legge di conservazione. Dobbiamo pertanto distinguere due tipi di energia: energia che sottostà alla legge di conservazione ed energia che a tale legge non obbedisce.” (Moreno, 1953, pagg. 58-63. dell’ed. it.).

In questi pensieri di Moreno sono contenute alcune idee che, credo, ben si collegano con le considerazioni oggetto di queste pagine, ed offrono altri spunti di riflessione utili all’ulteriore sviluppo e alla conclusione dei ragionamenti fin qui proposti. Innanzitutto, l’idea che le “energie” psicologiche a cui l’individuo può attingere sono molteplici ed eterogenee: ci sono energie che si conservano, ed energie che non si conservano; energie che si possono depositare ed eventualmente recuperare, ed energie che nell’immediatezza dell’azione si presentificano o scompaiono; energie disponibili secondo quantità date e non modificabili ed energie che possono essere oggetto mutamenti in corrispondenza dell’opportuno variare di stimoli esterni, o in conseguenza di un adeguato addestramento del soggetto interessato; energie che nell’azione si “consumano” o mutano, ed energie che in adeguate modalità di sviluppo dell’azione trovano origine o rinforzo. Poi troviamo qui il riferimento al fatto che l’energia vitale umana è oggetto di trasformazione, lungo una ideale linea di continuità, passando dalla dimensione somatica, a quella psicologica, a quella sociale, e che perciò percezione, emozione, pensiero ed azione sono intrinsecamente tra loro connessi. Infine, abbiamo l’implicito riferimento all’idea moreniana per cui dalla funzionale interazione tra diverse energie vitali dell’individuo (e tra queste un ruolo di esclusiva importanza spetta alla spontaneità) da una parte, e tra dotazione originaria dell’individuo e stimoli del contesto dall’altra, dipende la possibilità di questi di partecipare creativamente alla definizione di sé e del reale.

Alla ricerca di controruoli. Maschile/femminile, paterno/materno.

Trasportando queste considerazioni all’osservazione di Daniela, possiamo leggere ed interpretare la sua vicenda alla luce di un forte bisogno di attivazione: un bisogno profondo e urgente a causa della carenza, o della precoce interruzione dell’azione di stimoli corrispondenti (controruoli) in età infantile. Un bisogno che si caratterizza anche per essere confuso in conseguenza, in un primo tempo dell’ambiguità dei controruoli incontrati; e successivamente in relazione alle esperienze di intensa ed inadeguata attivazione sensoriale ed emozionale, vissute in occasione degli episodi di seduzione da lei vissuti nel corso dell’infanzia. Da qui l’inconsapevole e coattiva ricerca, nella concreta attualità del vivere, di controruoli maschili e paterni, mentre il bisogno esistenziale sottostante ha come riferimento quell’universo di significati intrinsecamente connessi al controruolo ed alla funzione materna.

Bisogno di “doppio”.

Una parte del mondo psicologico di Daniela è come se si sia fermata al momento di abbandonare il contenitore fusionale per avventurarsi alla scoperta del mondo, come se questa separazione sia stata troppo brusca, traumatica, o avvenuta in corrispondenza di un patrimonio di risorse personali non ancora sufficiente per affrontare il distacco. Daniela continuamente torna a quel momento critico, come a cercare, inconsapevolmente di sanare la lacerazione vissuta; troviamo conferma di questa ricerca nel bisogno da lei evidenziato di trovare dei “doppi” che la aiutino ad integrare le sue carenze; doppi che siano sì uno stimolo e un supporto all’auto-osservazione ed all’introspezione; ma ancor prima “doppi”, come altri da sé che percependo in vece sua il suo mondo interiore la aiutino a percepirsi a sua volta e, al contempo, a trovare nel mondo le risposte ai suoi bisogni, accompagnandola e sostenendola in un processo di autodefinizione ed autoaffermazione.


Bibliografia.

Boria G., Lo Psicodramma Classico, Franco Angeli, Milano, 1977.

De Leonardis P., Lo scarto del cavallo – Lo Psicodramma come intervento sui piccoli gruppi, Franco Angeli, Milano, 1994.

Kohut H. (1978), La ricerca del Sé, Bollati Boringhieri, Torino, 1982.

Moreno J.L. (1946, IV ed.1977), Manuale di Psicodramma-Il teatro come terapia, Astrolabio, Roma, 1985.

Moreno J.L. (1953), Principi di sociometria di psicoterapia di gruppo e sociodramma, Etas Kompass, Milano, 1964.





1 L’indicazione numerica corrisponde alla quantitativo di sessioni di gruppo cui ha partecipato Daniela fino a quel momento

2 Con questa modalità di rappresentazione grafica si intende indicare che Daniela sta parlando in inversione di ruolo con un’altra persona, in questo caso il proprio padre.

3 La tecnica qui utilizzata è quella della sedia vuota.

4 L’attività consisteva di una serie di passaggi per cui tutti i componenti del gruppo, al buio si sono spogliati di una parte degli indumenti, per poi scambiarseli e rivestirsi, con quelli dei compagni trovati casualmente; infine, per rivestirsi coi propri abiti ognuno li ha dovuti recuperare andandoli cercare,sempre al buio addosso al compagno che se ne era prima impossessato.

5 Per una approfondita e precisa definizione di atomo sociale cfr. Boria (1997, pagg. 67-70)

6 De Leonardis (1994, pagg. 156-166)

7 Faccio qui riferimento ad una aggressività matura, che è a disposizione dell’Io per il perseguimento dei suoi scopi, e che si contrappone alla cd. rabbia narcisistica (Kohut, 1978, pagg. 124-163).

8 A proposito di io-attore ed io-osservatore cfr. Boria (28-30). e De Leonardis (204-210).

9 Nell’idea di Moreno quando un soggetto è completamente assorbito dall’azione, come accade al bambino piccolo, non c’è possibilità di registrazione degli eventi, (Moreno, 1946, ed.it.pagg.130-131)

10 Faccio qui riferimento a quella particolare tipologia di ruoli, che, in presenza di un io debole, si vanno ad innestare su altri ruoli, insufficientemente sviluppati, come temporanea e surrogatoria risposta ai bisogni del soggetto, da un lato, e alle richieste del contesto, dall’altro (Bermudez R. citato in Boria, 1997, pag. 46 e seguenti).

11 Da83:”…sento una voglia enorme che qualcuno mi tocchi..mi piacerebbe che tu mi toccassi, ma che tu non fossi nessuno, che qualcuno mi toccasse senza sapere niente, l’importante è sentire quella cosa dentro….Qualcosa che accade senza che io l’abbia cercata. E questo mi da tanto piacere.”

12 Gli psicodrammatisti sanno molto bene come i due termini siano assolutamente intercambiabili, dipendendo l’attribuzione dell’uno o dell’altro a questo o a quel soggetto, esclusivamente dalla scelta del punto di vista da cui viene osservata l’azione in cui i due si trovano coinvolti.

Contrappunti psicodrammatici


L’interazione dialettica tra pratica e pensiero

psicodrammatico, nel suo manifestarsi e definirsi

all’interno di esperienze di training formativo



DANIELE REGGIANINI



■ SOMMARIO


Le pagine che seguono nascono dall’esperienza pratica del lavoro di training, che si svolge all’interno dei gruppi di formazione della Scuola di Psicodramma Classico di Milano. L’autore parte dalla trascrizione fedele degli avvenimenti di una sessione di psicodramma, ottenuta attraverso la rielaborazione di materiale videoregistrato. In un passaggio successivo organizza e definisce le diverse fasi di sviluppo della sessione: da un lato prendendo come riferimento la classica tripartizione dei tempi in cui si struttura la sessione di psicodramma (tempo del gruppo, del protagonista, partecipazioni finali); dall’altro individuando e specificando ulteriori e impliciti livelli di sviluppo ed organizzazione dell’esperienza, in modo da trarne, infine, riflessioni e considerazioni che si offrono come contributo alla definizione della metodologia psicodrammatica.

IL DIALOGO INTRAPSICHICO

IO-ATTORE/IO-OSSERVATORE


Quella originale, fondamentale e salutare doppiezza interna

e la sua amplificazione metodologica in psicodramma


DANIELE REGGIANINI


L’autore cerca di dare una definizione sistematica dei nessi concettuali della struttura bipolare intrapsichica cui fanno riferimento i termini di Io-attore e di Io-osservatore. Di tale struttura bipolare vengono ricercate ed esplorate le radici e le fondamenta, biografiche ed epistemologiche, nella vita e negli scritti di J.L.Moreno. Ripercorrendo poi le tappe dello sviluppo della personalità secondo le teorizzazioni moreniane, vengono definiti i fattori attivanti e strutturanti della citata polarità. Infine vengono analizzate e descritte le modalità di azione dei diversi fattori individuati, con riferimento sia al naturale sviluppo infantile, sia ai processi promossi all’interno del gruppo di psicodramm







A scuola di psicodramma.


Durante la formazione presso la Scuola di Psicodramma Classico di Milano gli allievi si addestrano al ruolo di Direttore, impegnandosi in attività di conduzione progressivamente più complesse: dalla guida del gruppo nei momenti iniziali della sessione alla regia della rappresentazione scenica che riguarda il “tempo del protagonista”. La videoregistrazione delle proprie esercitazioni permette poi agli allievi di auto-osservarsi nell’assunzione del ruolo di direttore in modo da sviluppare processi di autoconsapevolezza e analisi critica della propria adeguatezza rispetto a tale ruolo.

Il risultato delle rielaborazioni critiche prodotte dagli allievi viene successivamente confrontato con le osservazioni raccolte dai didatti durante gli stessi momenti esercitativi; questi momenti di confronto da un lato costituiscono un ulteriore contributo alla coscienza che gli allievi acquistano rispetto alla propria capacità di stare nel ruolo di direttore; dall’altro avviano importanti occasioni di riflessione ed apprendimento circa la teoria e la metodologia psicodrammatica.



Resoconto di una sessione di psicodramma


Inizio registrazione. (0.00.00)

I partecipanti si muovono in modo libero e spontaneo, singolarmente o interagendo a coppie, sul palcoscenico; il clima è vivace e gioioso (1f).


Il tempo del gruppo


1.2 Presa in carico del gruppo e attivazione psicomotoria. (0.00.41)

D.: (1) “Camminate (1c) (1d) liberamente su questo spazio; molto liberamente…(1a) Come avete fatto un saluto (1d) alla telecamera (1f), questa cosa la fate uno ciascuno (1e) …Proprio un saluto specifico. In particolare vi chiedo di stare sul non verbale (1c)…Quella cosa lì per quella persona, un’altra cosa per un’altra persona (1d)”


1.3 Interazioni a coppie. (0.02.20)

D.: “Trovate un partner per formare una coppia. …Abbiamo due coppie e un trio”. …

D.: “Facciamo un gioco di ruolo (1c) (1d) (1f);…. uno che si chiama A; due fanno il ruolo e uno il controruolo; A e B; A è la macchina e B è il guidatore; A è il maestro e B è l’allievo ; stop! A è il sugo e B gli spaghetti; A è il direttore d’orchestra e B è l’orchestra.

D.: “Stop, A è il gatto e B il topo ……Stop si invertono i ruoli (1e) : B è il gatto e A il topo” .

D.: “Stop; rilassatevi (1d)…..pian piano vi mettete in cerchio (1d)…e a partire da Mar. ci dedichiamo un po’ a raccontare (1c) com’è andata la settimana, è un po’ la situazione di ognuno (1d) (1e); con questo vincolo, col fatto che Mar. sceglierà una persona (1d) che l’accoglierà nel modo più comodo possibile (1d)”.


1.4 Situazione di ognuno. (0.07.00)


Mar. (sceglie Chi.). -> g

Gab. (sceglie Simmo)->g

Su. (sceglie Cin.) ->g

Chi. (sceglie Mar.) ->g

Giu. (sceglie Chi)->g

Entra RAMONA. (0.23.43)

Simmo (sceglie Su.)->g

Cin. (sceglie Su.)->g

D.: “E’ arrivata anche Ramona, anche lei avrà la possibilità di raccontarci un po’ come è andata la settimana; scegli una persona …”

Ramona (sceglie Simm,)->g

Ramona.: (1g) (2b) “E’ stata una settimana abbastanza intensa, mi sono vissuta delle cose abbastanza discordanti…in contraddizione….hhmmm….mi sento fortissimamente incasinata, non….è .. sento che è un fortissimo momento di trasformazione e mi sta anche stancando molto a livello fisico; infatti da…mi sono ammalata la scorsa settimana, poi non sono mai stata a letto, ho preso il xxxx però non mi è servito quindi martedì pomeriggio stavo veramente malissimo, non riuscivo neanche a parlare, sono stata a letto, poi ieri sera sono andata dalla dottoressa, la dottoressa mi ha detto che c’ho la pressione altissima; allora io ho pensato che anche il fatto di avere la pressione alta è ricollegata a.. non solo un fatto fisico, ma a un fatto, ciò nel senso che non riesco a tener.. (ride come a soffocare le lacrime) non riesco a…cioè rispetto alle ultime … faccio veramente fatica a tenerle; quindi sento sempre a dei livelli pesanti, pesanti, pesanti; è molto bello quando sento della gioia, e ho la possibilità di esprimerla, però è molto brutto quando mi sento…non lo so il dolore, la malinconia, o un po’ di depressione; però mi rendo conto che quando sento delle emozioni proprio da me sono faticose, in questo momento della vita.

Poi va beh è stato il week end dei morti…dei santi; quindi sono andata al cimitero da Fabri. , non c’ero mai andata da quando è morto e non avevo mai visto la tomba con la foto, nel senso che la foto non l’avevano portata il giorno della sepoltura; è stata un’amarezza perché sono arrivata là … va beh io spero che sia una procedura delle pompe funebri e che ci sia qualcosa di mezzo, va beh però c’era la lapide sopra e la foto attaccata con lo scotch, io non frequento tanto i cimiteri, io non sono ….in queste cose, però mi ha fatto molta tristezza vedere la foto attaccata con lo scotch; poi secondo me non è neanche una bella cosa…però ci sono andata e…mi sono resa conto che è arrivato il momento di fermarmi….da quando lui è morto…. non faccio altro che fare duemila cose, di prendere degli impegni perché faccio fatica a starci a contatto con questa cosa.

Poi va beh c’era questa storiella con questo Bruno qua che però mi rendo conto non è ….non sento delle cose… così….insomma non sento delle cose forti, non penso di essere innamorata di questa persona; è una cosa che non è né carne né pesce, non sono abituata a stare nei compromessi, non mi piace stare nei compromessi, quindi non mi piace più questa cosa qua, e penso che sia arrivato il momento insomma di affrontare…. questo dolore (2c). (fa una pausa silenziosa poi con un sommesso accenno di riso si accomiata) ”.



2.1 Il tempo del protagonista


2.2 Scelta del protagonista.

D.: “Rispetto a quelli che sono i contenuti che sono circolati…pensate a chi vorreste vedere come protagonista. E, al mio via, mettete una mano sulla spalla.

A larghissima maggioranza, con la concordanza di quasi tutti i presenti, viene espressa la scelta.


Ramona protagonista. (0.38.58)

2.3 Presa in carico.

Il direttore prende per mano la protagonista e la accompagna in una lunga passeggiata qua e là per il palcoscenico. (2a)


D.: “Sei emozionata?”.

ra.: “Eh un po’ sì. A proposito della pressione alta non so se mi farà bene questa cosa qua, però…”

D.: “ti propongo una idea, ti va di sentire il gruppo rispetto alle cose su cui ti vedremo lavorare?”Si accettano consigli; vi mettete d’accordo trovate il tema….su che cosa lavorare.…”


Dal gruppo emergono le seguenti proposte tematiche: “l’atomo degli uomini della Ramona”, “accettare i compromessi”, “il mondo maschile”; risalta il fatto che, nonostante la scelta del protagonista abbia ottenuto la quasi unanimità dei consensi, solo due o tre tra i compagni si esprimano poi per indicare proposte di lavoro, e, significativamente, nessuna di queste faccia riferimento al tema del lutto. (2d)


ra.: “Va bene sul mondo maschile..”


D.: “Allora io farei in questo modo visto che il palcoscenico è circolare..Ti metti lì al centro. Intanto pensiamo un po’ agli uomini in generale quanti sono, chi sono…chi ti viene in mente”. (3a)


ra.: “Fabrizio, Lele, mio padre, mio figlio….”



2.4 Popolamento della scena (0,43,09)


Gab. viene chiamato ad interpretare Fabrizio.

Simmo viene chiamata ad interpretare Lele.

Chia. viene chiamata ad interpretare il padre.

Mar. viene chiamata ad interpretare il figlio Fede.

ra.: “Posso metterci qualcun altro?…Bruno”

Su. viene chiamata ad interpretare Bruno.


D.: “Secondo quello che può essere il criterio della distanza e vicinanza…disponi le varie persone…iniziando da…Tu sei al centro…usiamo (un cuscino)…”

Il protagonista dispone nell’ordine: Fabrizio, Lele, il padre, Fede e Bruno.


D.: “Vorrei che tu sistemassi anche le posture” (3b)


La protagonista esegue e caratterizza, uno dopo l’altro i personaggi, nella loro postura.

D.: “Inversione con Fabrizio.” Non c’è Ramona in scena, manca l’alter-ego.


2.5 Interviste ai personaggi (0.50.19)

Intervista a Fabrizio.

(Ramona) fab.: “(Il rapporto è durato) 2 anni e mezzo 3,…è stato intenso, nel senso che inizialmente, il primo anno è stato molto bello, poi dopo sono iniziate un po’ tutte le discrepanze; insomma si stava tanto bene tanto male, tanto bene tanto male, tanto bene tanto male….molto passionale …”.

D.: “Qualcosa da dire…” Il direttore fa dare un messaggio conclusivo.

Messaggio conclusivo.

(Ramona) fab.: “Fidati di te”.

Intervista a Lele.

(Ramona) lele: “Siamo stati insieme 9 anni,..è stata abbastanza complicata la cosa, si litigava spesso,…però è stata anche bella….voleva sempre avere ragione lei…fare quello che voleva lei…è sempre stata molto frenetica. …”

D.: “Se dovessi trovare degli aggettivi…”

(Ramona) lele: “Bambina, viziata…ingenua…”

D.: “Se dovessi dire com’è Ramona con gli uomini..?”

(Ramona) lele: “Molto coinvolgente, …..ma incostante….e non si fida; gelosissima in certi momenti

Messaggio conclusivo.

(Ramona) lele: “Rassegnati”.

Intervista al padre.

D.: “Mi dia un po’ una descrizione di come è lei..”

(Ramona). pd: “Una persona molto giovanile…mi piace lo sport…molto nervoso…ossessivo…le mie cose…non sopporto quando le cose non sono a posto” .

D.: “C’è qualcosa in cui si ritrova con Ramona, vede dei suoi aspetti?”

(Ramona). pd: “…quando non è contenta diventa molto nervosa…il fatto di essere un po’ per aria…mi assomigliava molto più prima, adesso no….e poi questa cosa qua sono stato una persona che si fa molto prendere per amore….passionale…?”

D.: “Che rapporto ha con sua figlia..?”

(Ramona). pd: “…non c’è rapporto…non ci capiamo, qualsiasi cosa io le dico lei la percepisce come una rottura di scatole…non sento che mi stima…è come se non mi sopportasse..”

D.: “Che rapporto ha con gli uomini…visto da lei..?”

(Ramona). pd: “…come una bambina…non mette i piedi per terra…sempre un rapporto molto conflittuale…”

Messaggio conclusivo.

(Ramona). pd: “Impara a crescere…cerca di stare con i piedi per terra…”

Intervista al figlio Die.

D.: “…come vedi la tua mamma…?”

(Ramona). Figl.: “…mi diverto con la mia mamma, mi piace stare con la mia mamma; ogni tanto mi fa arrabbiare quando ha le sue…mi fa ridere in certi momenti, è anche una persona distratta.

D.: “Che cosa ti piace…?”

(Ramona) fg:“La sua vitalità.. anche la sua ironia…..non mi piace la sua distrazione, o quando mi comincia a chiedere sempre come stai...mi fa tante domande, io dico che non voglio parlare e lei non capisce…e poi sì è un po’ incasinata come persona…è una persona disordinata..” .

D.: “Che ti viene da dirle…?”

Messaggio conclusivo.

(Ramona) fg:“Fermati”

Intervista a Bruno.

D.: “Se dovessi descriverla per come la conosci.…?”

(Ramona) bru.: “Una persona molto sensibile, molto profonda e con una gran vitalità ….che si da un gran daffare (a proposito del rapporto con gli uomini) presuntuosa,…non ha trovato … una persona che la tenesse un attimo in riga… vuole fare un po’ quel che pare a lei, non si fida; non si capisce mai quello che vuole, quello che non vuole, è un po’ confusa; da messaggi contrastanti …fa fatica a farsi avanti lei o a mettersi in gioco è come se la sentissi bloccata…”

Messaggio conclusivo.

(Ramona) bru.: “Lasciati andare”.


2.6 Interazione coi personaggi

D.: “Vorrei che tu adesso tornasti lì al centro, ti faccio ascoltare….”


Ramona ascolta i messaggi.

Soliloquio. (1.08.50)

Ramona.: “Confusione, mio padre mi dice una cosa, diametralmente opposta a quella che mi sta dicendo lui… (indica Bru.) Non ci capisco niente…”

D. (dopo averla presa per mano e averla tolta per qualche attimo dal centro della scena) : “Vieni qua, facciamo così..vai davanti alla persona…vorrei che tu rispondessi….”

Il direttore porta ora Ramona davanti al primo personaggio e fa ripetere il messaggio; lei ascolta e rimane per un po’ in silenzio.

Ramona. (la protagonista va in catarsi, piange ed esclama a gran voce): “Non so cosa dirgli io…..mi vien da dirti che non capisci un cazzo come faccio a fidarmi di me, se mi son fidata di te per tre anni e mezzo e se hai fatto quello che hai fatto..io ti ho ascoltato e sei stata l’unica persona che ho ascoltato….nel senso che non ho mai ascoltato nessuno….mi sono fidata delle mie sensazioni, mi sono fidata di te; e poi tutto quello che mi hai detto,….mi hai anche aiutato….poi alla fine ti sei ammazzato, quindi come faccio a fidarmi di me…ti sei posto in un modo…ti sei posto su, cioè…sei stato un punto di riferimento forte…poi alla fine ti sei ammazzato, quindi come cazzo faccio a fidarmi di me.”

Il direttore la accompagna ad incontrare il secondo personaggio, Lele, al quale fa ripetere il messaggio.

Lele: “Rassegnati!”

Ramona.: “Potrebbe essere rassicurante…rassegnarsi. Ma non come intendi te …sento che devo fare delle cose prima di arrivare a, …non sono ancora arrivata, devo fare ancora tante altre cose nella mia vita prima di poter arrivare a dire è questa qua”

Padre: “Cerca di stare coi piedi per terra!”.

Ramona. (dopo una prolungata esitazione): “Non mi viene neanche da dirti niente,…proprio non ho stima,…non ti stimo e quello che mi dici non lo ascolto, uno perché dici le cose duemila volte…sei pesante..sempre le stesse cose, per spiegarti una cosa ci vuole un’ora, poi quando non capisci ti incazzi con me, quando in realtà sei te che non stai capendo, …e poi non ho stima di te come persona quindi non riesco ad ascoltarti”

Figlio: “Fermati!”

Ramona.: “In questo c’hai ragione …devo essere più presente…quando esco con te devo esserci di più, con la testa…questa cosa la stai sentendo, infatti ultimamente voi stare molto di più con tuo padre..”

Bruno: “Lasciati andare!”.

Ramona.: “Io ti sento come uno spiraglio, nonostante…tante cose di te…cioè dallo stile di vita che hai sembreresti un grandissimo cazzone…però la sensazione che ho quando sono con te…mi sento tranquilla, sto bene, mi dai della gioia…delle cose belle, ti sento una persona dolce…poi c’è un’altra parte che mi convince meno…sei una persona trasgressiva… se nel tuo passato ti sei comportato in un certo modo…sei anche così…o mi mostri qualcosa altrimenti non mi muovo.”

D.: “Ti vien voglia di cambiare qualcosa?”

La protagonista viene rimessa nella posizione iniziale, al centro della rappresentazione; lei poi sposta alcuni dei componenti e rimane in silenzio. Sollecitata dal direttore a correggere, eventualmente anche le posture, rivolge ancora una volta l’attenzione in particolare verso Fabrizio, ma non apporta correzioni.

D.: “Un’altra cosa…senti che con qualcuno hai ancora qualcosa in sospeso?”

Ramona. (indicando Fabrizio): “Con lui…”

Ramona.: “..con tutti è in sospeso qualcosa …”

D.: “Con chi ti va di incontrarti?”

Ramona.: “Fabrizio”


2.7 Seconda scena. Integrazione. (1.19.56)

Ramona rimane sulla scena con l’utilizzo scenografico di due sedie, una di fianco, di 3\4, all’altra, in successione: prima sola con Fabrizio, poi con Lele, infine col padre. (3c)

D.: “…e parti dalle cose che son rimaste in sospeso”

Scambio con Fabrizio.

Ramona->Fab.: “…le cose che son rimaste in sospeso con te…forse anche io mi sento in colpa…nel senso che….quando mi telefonavi…mi dicevi …e …sentivo dalla voce che stavi male.. sentivo che c’era tanto dolore però io non mi fidavo più di te,…era diventata una cosa troppo coinvolgente, troppo poco sana..ho provato dei sentimenti a dei livelli allucinanti…mi sento in colpa perché non mi sono fidata di te l’anno scorso quando ci siamo lasciati…se fossi stata più sicura di me e dei miei sentimenti, ti avrei fatto vedere di più quanto ti amavo,… nel momento stesso in cui ti sentivo lontano io mi incazzavo a dei livelli allucinanti…non sono mai stata capace di dirti che veramente quello che provavo per te era forte…mi sento in colpa che nel momento stesso in cui ho sentito che stavi così male…anche se era finita tra me e te…potevo comunque parlarne con altre persone che avrebbero potuto darti una mano…tanto pensavo che non mi avrebbero creduto…nella Comunità.. mi sono sempre sentita tagliata fuori, non mi fidavo delle persone che lavoravano lì dentro..pensavo che fossero dei grandissimi stronzi…mi dispiace perché non mi sono fidata di me, quello che sento è che non mi sono fidata di me…io non so più cosa dirgli…” .

D.: “Trova un modo per congedarlo”

D.: “C’erano altre due persone…ti va di continuare questo lavoro?”

Ramona.: “Lele….

Scambio con Lele.

Ramona->Lele: “Ciao, …mi dispiace che tu sia arrabbiato con me….penso che non ne hai motivo…tanti segnali te li avevo dati che comunque ero stanca; è stato un rapporto anche con te poco sano…ti facevo da mamma; sei arrabbiato perché…non hai consapevolezza di te; penso che mi vuoi molto bene, penso che ci siamo veramente … tanto tanto bene; ….mi piacerebbe incontrarti e farti vedere quanto sono cambiata…oppure ricordarmi com’ero…perché mi sento che da un po’ d’anni a questa parte mi sono persa…”.

Scambio con il padre.

Ramona->Pd: “Ciao….mi imbarazza molto parlare con te…sempre…perché mi sembra di parlare con una persona estranea…non ho mai capito tante cose…per tante cose.. per mettere a posto la macchina…le gomme…per quelle cazzate lì ci sei sempre stato…io non ti ho mai sentito come padre presente, fondamentalmente; all’età di 15 anni tutta la rabbia nei tuoi confronti te l’ho fatta vedere e sono stata criticata dalla mamma in questo…effettivamente non riesco a considerarti una persona cattiva, penso che sei una persona buona perché fai tutti questi ciappini (ride)…avrei voluto avere un papà diverso da come sei fatto te…ovvio c’è un legame di sangue…per questa cosa qua mi sento in colpa…penso che non mi conosci, ed io non conosco te…non sei un punto di riferimento…non lo sei mai stato….per me l’universo maschile è sempre stato un grandissimo punto interrogativo, tutto quello che dovevo sapere l’ho dovuto imparare, da sola, mi preoccupa…. quando sarai vecchio…se per caso fossi…se stessi male….per me sarebbe veramente dura starti vicino e occuparmi di te…non farlo mi sentirei troppo in colpa…mi sento in colpa perché ….se tu ci sei o non ci sei…non mi cambia molto…finito.”

D.: “Vorrei che scegliessi una persona del gruppo che possa darti un po’ uno specchio”

Ramona.: “Come mi ha visto??….”

La protagonista segue la consegna scegliendo Giu., e fortunosamente va bene perché la compagna Giu. finisce per fare le sue partecipazioni, anziché uno specchio, ed è meglio così.


3.1 Partecipazioni (1.35.15)



Analisi della sessione


Il tempo del gruppo e il lavoro col gruppo


In questa fase o modalità (il lavoro col gruppo può infatti occupare l’intera sessione) del lavoro psicodrammatico, il direttore è impegnato in diverse funzioni e per molteplici aspetti del suo ruolo: innanzitutto “prende in carico” il gruppo (1), vale a dire l’insieme delle persone che si presentano all’esperienza psicodrammatica; le accoglie e le accompagna, da subito, ma seguendo una progressione, ad entrare in uno spazio esistenziale “altro” rispetto alla quotidianità della loro vita; uno spazio che si caratterizza non solo come occasione di peculiare (secondo i presupposti della modalità attiva) rielaborazione degli avvenimenti della vita reale, ma anche come opportunità di fare e vivere nuove esperienze.

Nel setting psicodrammatico la vita dei partecipanti trova infatti possibilità di riproduzione e rielaborazione dei contenuti mentali per mezzo delle specifiche opportunità offerte dalla trasformazione di questi nelle forme della rappresentazione scenica; inoltre, la sessione di psicodramma si costituisce come occasione di arricchimento per le persone dei partecipanti, tramite la produzione e creazione di esperienze, per loro nuove ed originali.

Il lavoro psicodrammatico interessa le rappresentazioni mentali che attraverso le operazioni di esternalizzazione, concretizzazione ed amplificazione, vengono “ri-vitalizzate” nello spazio d’azione (Boria, 1990).

Al tempo stesso le interazioni e le relazioni interpersonali che prendono corpo nel corso della partecipazione agli incontri di gruppo si costituiscono esse stesse come esperienze di vita autentiche, per quanto sottoposte alla condizione di artificialità degli accadimenti che si producono all’interno di quel particolare set rappresentato dal teatro di psicodramma.

Il “tempo del gruppo” ed il “lavoro di gruppo”, oltre ad essere propedeutici al “lavoro col protagonista” si costituiscono quindi come il momento e lo spazio privilegiato, seppur non esclusivo, affinché i partecipanti arricchiscano il loro patrimonio di esperienze di vita, addestrando ed incrementando il personale repertorio di competenze e risorse vitali, ovvero modificando ed arricchendo la propria dotazione e struttura a livello di ruoli.

La sessione psicodrammatica ha inizio nel momento stesso in cui il direttore palesa la sua presenza con una delle qualità caratteristiche del proprio ruolo: la direttività; questa si realizza, fin dalle prime battute come proposta di attività che possano assumere, via via che il tempo trascorre, lo spessore di esperienze esistenziali; di accadimenti cioè che si sedimenteranno significativamente nel deposito biografico dei vissuti degli attori.

Alla realizzazione di questa aspettativa concorrono sia elementi strutturali, riferibili alle regole ed alle forme specifiche del metodo psicodrammatico; sia elementi soggettivi relativi alle personali attitudini e capacità del direttore, in parte presenti come preesistente dotazione della persona, in parte risultato dell’addestramento formativo.

La struttura dell’esperienza psicodrammatica si definisce secondo i ben conosciuti principi metodologici della globalità, della simmetria e della circolarità.

Il contesto d’azione permette e stimola i partecipanti ad andare oltre il “raccontarsi”, a viversi perciò come “esseri di globalità”, secondo modalità cioè per cui tutte le dimensioni della persona sono chiamate in gioco (1c); la regola della “sospensione della risposta” assieme alla struttura, precisa e definita, della successione di attività proposte dal direttore, concorre a creare quelle condizioni irrinunciabili, per cui ogni componente del gruppo, a turno, può godere delle più ampie condizioni di libertà, accettazione e valorizzazione, nell’ espressione e nella manifestazione della propria soggettività.

Rientrano certamente tra le qualità riferibili al direttore la sensibilità e lo stile personale; la prima da considerarsi come elemento particolare di quella potenziale e complessa caratterizzazione della relazione interpersonale, nota e cara agli psicodrammatisti come tele.

Tanto le specificità del setting quanto le qualità soggettive del direttore, insieme producono la possibilità che l’evento esperienziale e relazionale che prende corpo sia orientato secondo altri importanti criteri.

Novità ed adeguatezza: le attività nelle quali i partecipanti sono impegnati debbono essere, oltre che “sorprendenti”, adeguate (cioè accessibili ai partecipanti in relazione a quelle che sono le loro capacità in quel momento della loro esistenza), e rispondenti ai bisogni sia dei singoli individui che del gruppo nel suo complesso.

Gradualità e fluidità: in accordo con le esigenze poste dalle strutture dei “processi di riscaldamento” della spontaneità, i segmenti di attività che congiuntamente compongono l’insieme della sessione psicodrammatica, debbono susseguirsi necessariamente in modo armonico e consequenziale (ogni singolo “momento d’azione” è preparato dal precedente e predispone al successivo (1d)), implicando, infine, un progressivo accrescimento della complessità dell’agire, e, contemporaneamente, del coinvolgimento personale delle persone che vi prendono parte.

Possiamo apprezzare un significativo esempio dell’esplicarsi dello stile e della sensibilità del direttore, in interazione con i principi del metodo, nella sessione trascritta in queste pagine.

La presenza di questo direttore, attenta, calda e rassicurante, dà immediatamente la sensazione di sentirsi accolti e di potersi affidare, per inoltrarsi in un “mondo altro”, ad incontrare occasioni di libertà e di nuove possibilità (1a); la sua attenzione alle persone e agli avvenimenti che le riguardano gli consente di proporre attività che ben si accordano e si innestano nell’atmosfera relazionale” percepibile nel teatro fin dai primissimi istanti informali (1f) e, conseguentemente, di intuire e proporre le attività più corrispondenti tanto ai bisogni dei singoli che emergenze afferenti alla struttura, o matrice, delle relazioni intragruppali, specifiche del momento di vita del gruppo.

Il “lavoro col gruppo” psicodrammatico è infatti direttamente focalizzato ad agire simultaneamente su due dimensioni: quella dell’identità degli individui, attraverso l’azione sulle “forme” (i ruoli della teoria moreniana) che la costituiscono; e quella della struttura, o matrice, del gruppo nel suo complesso.

In altre parole, nel “lavoro col gruppo” e nel coincidente “tempo del gruppo”, i singoli partecipanti godono della possibilità di addestrare, ed arricchire, le proprie “possibilità d’azione” e la propria persona; ricordiamo bene come nella “visione ontologica” moreniana, una trasformazione a livello di ruoli si traduca contestualmente in modificazioni a carico della complessiva personalità.

Alla luce di queste considerazioni concettuali osserviamo ora di nuovo, con attenzione, seppur sinteticamente, quanto accade nella concreta, e vissuta, esperienza psicodrammatica riportata, a titolo di riferimento esemplificativo, in queste pagine.

Il direttore dapprima “respira” ed “assapora” il clima emotivo e relazionale che permea il teatro di psicodramma ad inizio sessione, nei primi momenti informali di questa.

Valutata, in una sorta di prima e provvisoria osservazione diagnostica del gruppo e dei singoli, una buona disponibilità da parte di tutti ad attivarsi e ad interagire l’uno con l’altro, sfrutta l’occasione per attivare una ricca e complessa successione di proposte esperienziali che vanno a toccare e mettere in azione diverse dimensioni dell’essere e dell’esprimersi: a partire dal livello psicosomatico fino a quello psicodrammatico.

Dopo aver proposto il riscaldarsi da subito ad una modalità attiva e globale dell’esserci, attraverso la semplice esperienza del camminare liberamente, il direttore coglie la spontanea propensione dei partecipanti al manifestarsi (il saluto ad un ipotetico spettatore, rappresentata e suggerita nel momento del saluto alla telecamera), per rifocalizzare l’attenzione dei singoli, reciprocamente, l’uno verso l’altro.

E’, pure questa, un’attività relativamente semplice ed accessibile, seppure già più impegnativa della precedente; nondimeno è però ricca di significati e fonte di possibilità di arricchimento per i partecipanti; innanzitutto il salutarsi reciprocamente in modo non verbale e con una sottolineatura marcata della specificità della caratterizzazione del saluto rivolto ad ognuno dei compagni, stimola il proporsi immediato e non convenzionale delle diverse soggettività individuali (entra qui in gioco la funzione di doppio).

Inoltre l’attenzione dei partecipanti è spinta a focalizzarsi ora su ora sull’altro, in un alternarsi veloce e circolare di autoespressione ed osservazione di sé, dell’altro e delle reciproche disponibilità e tensioni relazionali (sono qui percepibili l’attivazione della funzione di specchio e l’esplicitazione, seppur parziale, delle strutture sociometriche del gruppo. Ognuno dei partecipanti, partendo da una semplice e spontaneamente manifestata disponibilità di ruolo (il saluto alla telecamera) è così immediatamente catapultato nella dimensione gruppale, dove le funzioni di doppio e specchio entrano prontamente in azione, e dove pure significativamente, seppure con delicatezza e indirettamente, trova parziale espressione l’esplicitarsi della dimensione sociometrica intragruppale, e delle relative correnti di cariche emozionali e tensioni (attrattive o repulsive) che collegano reciprocamente i membri del gruppo.

Successivamente, l’attività di gruppo si arricchisce di segmenti via via ancora più complessi e coinvolgenti; attraverso la facilitazione offerta dal gioco, i partecipanti si trovano impegnati ad entrare in azione assumendo ruoli, e coinvolgendosi in forme di interazione, impegnativi ed estremamente diversificati in quanto alla struttura ed ai significati esistenziali e psicologici sottesi.

I membri del gruppo si trovano infatti a “giocare ruoli” (in posizione attiva, passiva o simmetrica), afferenti alle dimensioni della fusionalità e dell’individuazione, riconosciute dal modello psicodrammatico come condizioni fondanti lo psichismo umano.

La proposta di giocarsi in questi ruoli rincorre sia l’obiettivo di sperimentarsi ed arricchirsi delle relative possibilità di agire ed essere, sia quello di riattivare e far emergere parti della soggettività individuale (attitudini, emozioni, vissuti, pensieri…) che saranno prese in carico nei successivi passaggi di elaborazione che si svilupperanno nel corso della sessione di psicodramma; ulteriore elaborazione che può riguardare direttamente tutti i membri del gruppo, oppure focalizzarsi sull’esplorazione particolare del mondo interno di uno di questi nel caso che la sessione prosegua con l’individuazione di un protagonista.

L’attività che segue, e che conclude il “tempo del gruppo”, è quella che gli psicodrammatisti conoscono come “situazione di ognuno”: essa persegue ed assolve a diversi obiettivi e funzioni.

Preme qui sottolineare, in particolare, come questa attività da un lato costituisca un importante momento di collegamento e raccordo tra la vita esterna, reale, dei partecipanti e la vita che si produce, e riproduce, all’interno del gruppo di psicodramma. Infatti il periodico e reciproco aggiornamento circa le vicende che ognuno dei membri del gruppo vive all’esterno del teatro, permettono il continuo travaso di contenuti esistenziali tra l’interno e l’esterno del setting psicodrammatico.

Al contempo è questa una attività che favorisce l’instaurarsi di vissuti di familiarità e compartecipazione, l’uno rispetto alla vita dell’altro, tra i componenti del gruppo; ciò contribuisce in modo significativo a sedimentare il sentimento di appartenenza così importante per la vita dei gruppi.

Dall’altro lato la “situazione di ognuno” si rivela essere una fondamentale occasione di osservazione (ma sarebbe qui più adeguato dire di “ascolto”) da parte del conduttore dei “bisogni esistenziali” che ognuno dei partecipanti, di volta in volta, porta al gruppo dalla propria vita esterna.

Si qualifica perciò come un prezioso contributo per quell’azione diagnostica che va a comporre, assieme a tutte le altre funzioni, l’operatività del direttore; questi segnatamente presterà particolare attenzione ad osservare e percepire: i contenuti espressi, le forme della modalità di espressione e la tonalità emotiva sottostante, sia essa manifesta oppure celata.

Quando la matrice materna del gruppo è ben consolidata, quando cioè il gruppo si struttura come un “buon contenitore”, coeso, caldo e permeato da disponibilità all’affidamento e alla confidenza reciproca, l’attività “situazione di ognuno” non ha la necessità imprescindibile di essere preceduta da altre ad essa propedeutiche, e può pertanto realizzarsi direttamente come momento di avvio della sessione.

E’ questa la condizione in cui si trova, nel tempo della sua vita qui documentato, il gruppo protagonista di queste pagine; lo testimonia il fatto che l’espressione verbale di Ramona. (1g) nel momento in cui esegue la consegna (1d) di riferire al gruppo di come stia scorrendo la sua vita, si rivela essere ricca e coinvolgente, al punto che sarà poi scelta come protagonista; questo nonostante il fatto che essa sia arrivata proprio all’inizio di questa attività, quando tutti i momenti precedenti si erano già consumati senza che lei fosse presente a beneficiarne.

In un gruppo che sta vivendo una fase di sviluppo come quella qui descritta, il far precedere la “situazione di ognuno” da altre attività, non costituisce una condizione imprescindibile ai fini di un’adeguata strutturazione di questa parte della sessione di psicodramma; in un gruppo “familiarizzato”, permeato da coesione e disponibilità all’affidamento reciproco, il consolidamento delle relazioni teliche permette il fatto che i partecipanti fin dai primissimi momenti della sessione sentano facilità e disponibilità all’introspezione ed alla condivisione coi compagni; non si rende perciò indispensabile, il far precedere la “situazione di ognuno” da attività che “riscaldando” i partecipanti a stati di spontaneità avviino la loro disposizione a “guardarsi dentro”e al mettersi in gioco rivelandosi agli altri.

Nella sessione documentata in queste pagine il direttore fa precedere la “situazione di ognuno” da altri segmenti di esperienza che si costituiscono come attivatori, psicosomatici e psicodrammatici, della soggettività dei partecipanti.

Il prodotto di queste attivazioni (sensazioni, emozioni, immagini mentali, pensieri) non è qui immediatamente elaborato né attraverso una prosecuzione attraverso un successivo e coordinato lavoro di gruppo, né mediante la rappresentazione scenica di un protagonista, semplicemente si sedimenterà nel deposito dei ricordi degli individui, andando ad arricchire, al contempo il co-conscio ed il co-inconscio del gruppo.

Il lavoro col protagonista qui descritto trova preparazione adeguata e sufficiente nella attività “situazione di ognuno” che viene subito prima, le ulteriori precedenti proposte del direttore creano perciò nell’esperienza del gruppo condizioni di ridondanza e parziale discontinuità.


Contratto di lavoro e definizione del tema esistenziale oggetto di rappresentazione

In questo momento dello sviluppo della sessione (2a), il protagonista è stato scelto, e il direttore affronta un passaggio delicato e molto impegnativo, in quanto nel giro di un breve lasso di tempo deve compiere una molteplicità di altre azioni specifiche del suo ruolo: accogliere il protagonista sulla soglia del mondo semireale che si andrà ad esplorare; stabilire con questi una “alleanza relazionale” che infonda in lui un senso di sicurezza e consolidi la possibilità che questi si affidi alle sue funzioni di direzione e regia nella prosecuzione del viaggio psicodrammatico; contrattare col protagonista, in via generale ed indicativa, le dimensioni esistenziali che si andranno a concretizzare sulla scena psicodrammatica; delimitare e segnalare, con decisione e chiarezza, il momento di passaggio alla dimensione semireale nella quale far entrare, con pari fermezza, il protagonista della rappresentazione psicodrammatica.

All’adeguata realizzazione di tutto ciò concorrono almeno due condizioni riguardanti il direttore: la prima, che egli sia opportunamente riscaldato al proprio ruolo; la seconda che, attraverso l’osservazione e l’ascolto di tutto ciò che gruppo ed individui hanno espresso a partire dall’inizio della sessione fino a quel momento, il direttore abbia iniziato a definire nella propria mente delle ipotesi circa l’indirizzo e le forme che caratterizzeranno l’imminente sviluppo dell’azione scenica.

A questo proposito, ritornando di nuovo all’esperienza psicodrammatica riportata e descritta in queste pagine, si rileva l’emergere, nel momento di vita della persona che sarà protagonista, di condizioni di forte instabilità e sofferenza emozionale, confusione, somatizzazioni, e temi esistenziali riferiti alle relazioni affettive con l’altro sesso e, ancor più marcatamente, alla separazione e al lutto (2b) .

Il direttore sembra quasi disorientato di fronte a tutto ciò che il protagonista va esprimendo: la ricchezza e complessità dei temi investiti e la sua determinazione nel proporsi di lavorare (2b) (2c); possiamo forse, a posteriori, attribuire questo significato alla richiesta di aiuto, che il regista rivolge all’uditorio, circa la direzione da prendere nella scelta dei temi verso i quali indirizzare ed accompagnare il protagonista.

La risposta che viene dai compagni non è completamente soddisfacente in questa occasione (2d): i diversi suggerimenti e proposte non fanno alcun riferimento né ai temi della separazione e del lutto, né ai connessi vissuti di “tristezza”, “fatica a starci a contatto”, e voglia di “affrontare questo dolore”, esplicitamente espressi dal protagonista (2c).

Per quanto gran parte del lavoro nel gruppo psicodrammatico sia indirizzata a favorire lo sviluppo della trama telica nel tessuto delle relazioni intragruppali, i processi transferali di tanto in tanto riaffiorano; i temi che sono espressione dell’”emergenza gruppale” ed i bisogni del singolo solo parzialmente, e a tratti, coincidono. Ricordiamo che compete al direttore il ruolo di “terapeuta capo” della sessione psicodrammatica, ai compagni di gruppo si riserva la funzione pur importante, ma in certi momenti solo ausiliaria e complementare, di essere co-terapeuti nel percorso di ognuno dei singoli; perciò, in ultima istanza appartiene al direttore la responsabilità circa le proposte e le direzioni da prendere ad ogni passaggio e svolta della sessione. In particolare, appartiene al ruolo del direttore da un lato alimentare coi suoi interventi il dialogo tra la dimensione collettiva (il gruppo ed i suoi interessi) e quella individuale (ogni singolo coi suoi specifici bisogni); dall’altro realizzare una solida funzione di tutela della personalità del singolo, specialmente nel delicato momento in cui questi si affida, e si espone, diventando protagonista.


Scelta e definizione della strategia di drammatizzazione


Il direttore, se opportunamente riscaldato, fin dai momenti iniziali vede formarsi, nella propria mente, delle rappresentazioni circa cosa, momento per momento, potrebbe accadere, ovvero cosa sarebbe opportuno succedesse; questa sensibilità, e le relative intuizioni, si focalizzano sia sui bisogni del gruppo sia su quelli di ognuno dei singoli.

In considerazione di queste anticipazioni mentali, che si producono nella sua mente, il direttore strutturerà le proposte di attività che, passo dopo passo, andrà a fare ai partecipanti.

Questo accade anche nel “tempo del protagonista” in tutti i vari momenti che lo compongono, e, in particolare nel momento in cui, conclusa la presa in carico e definito col protagonista il contratto di lavoro, si parte per quella che è la vera e propria rappresentazione scenica.

“La mappa relativa al viaggio che un protagonista sta per intraprendere non mostra un percorso unico, offrendo opzioni diverse. La scelta dell’itinerario (ed il suo aggiornamento man mano che il viaggio presenta scenari nuovi) è ciò che noi chiamiamo strategia registica”. (Boria, 2005, pag.163).

La scelta da parte del direttore della specifica opzione registica da assumere, situazione per situazione, si definisce principalmente in relazione a due coordinate: i temi emersi come proposte per la rappresentazione che si andrà a realizzare, ed i bisogni esistenziali ad essi connessi, da un lato; la struttura della personalità e le relative esigenze di intervento terapeutico proprie di ogni protagonista dall’altro.

Il metodo psicodrammatico si qualifica, da sempre, come un approccio caratterizzato da una sensibilità esistenzialista, piuttosto che impegnato nella codificazione di tipologie diagnostiche e delle associate tecniche di intervento (Reggianini 2002, 2003); in armonia con questo presupposto le considerazioni sviluppate qui di seguito, riguardanti la concreta esperienza psicodrammatica in queste pagine riportata, si svilupperanno perciò in direzione più della prima che della seconda delle due coordinate sopra menzionate.

Ripercorrendo i vari momenti e passaggi del “viaggio psicodrammatico” di Ramona, è possibile cogliere una pluralità di temi trattati, ed un intreccio di strategie registiche adottate.

Rispetto ai temi, emergono con maggiore o minore evidenza: la relazione con l’ “universo maschile”; la separazione, la perdita ed il lutto; il rapporto con i partners; la relazione col padre; l’essere madre di Ramona.

In quanto alle strategie, ne possiamo estrapolare tre che, lungo lo sviluppo dell’azione si avvicendano in vario modo alternandosi ed intrecciandosi: una costruzione sociometrica che ha come proprio ambito la dimensione del rapporto col maschile; un percorso di elaborazione del lutto; l’incontro con altri significativi. (Per la definizione di incontro cfr. Boria, 1997, pag.71).

Le forme della sociometria sono osservabili fin dall’inizio della rappresentazione scenica (3a); non si tratta né di un atomo sociale, né di un atomo culturale (Boria 1997, 2005), la costruzione scenica ha comunque la struttura e le attribuzioni della caratterizzazione sociometrica; costruzione sociometrica accompagnata,in questo caso, da una estensione diacronica della dimensione temporale: si trovano contemporaneamente concretizzate sulla scena tutte le figure significative di sesso maschile con le quali la protagonista è venuta in relazione nel corso della sua vita.

Potremmo, coniando un neologismo, definire questa forma di rappresentazione geometrica atomo esistenziale, intendendo in questo modo indicare la riproduzione, in forma di atomo, del rapporto sociometrico che, in relazione ad una definita dimensione esistenziale, ha collegato una persona, lungo il corso del suo tempo biografico, a diverse persone per lei significative. E’ questa una scelta di strategia registica che della sociometria assume oltre che le forme, anche i contenuti ed il potenziale formativo per la persona coinvolta: la forza e l’evidenza della modalità espressiva, arricchita, nel caso pratico qui riportato, dall’aggiunta della caratterizzazione posturale dei controruoli, e dalla sottolineatura a tal proposito operata dal direttore (3b); l’esplicitazione delle tensioni e delle correnti emozionali tra il protagonista e gli altri poli dell’atomo; l’espressione dei reciproci vissuti e punti di vista, l’uno rispetto all’altro.

Si rivela essere questa una scelta strategica dal marcato potenziale di individuazione ed autodefinizione per il protagonista; questa potenzialità è rafforzata dallo sviluppo diacronico assunto dall’esplorazione psicodrammatica.

Il direttore che segue questo indirizzo registico lo fa per dare risposta a bisogni della persona come il ridurre ed il dirimere vissuti di confusione relazionale, e il separarsi, nel senso della definizione dei confini personali e dei caratteri dell’ identità individuale.

Il bisogno individuativo, di definirsi affermando il proprio sentire e pensare nei confronti di controruoli particolarmente significativi, trova ulteriore sviluppo ed accentuazione nel successivo sviluppo dell’azione (3c); qui la protagonista è impegnata, seguendo l’indicazione del direttore, in incontri, parziali, prima con Fabrizio, poi con Lele e, infine, con il padre.

L’ incontro per Moreno si realizza quando “un io e un tu stabiliscono un vero rapporto di reciprocità”….”quando ognuno riesce ad immaginarsi e a sentirsi nei panni dell’altro. In tale modo realizzano”…”lo stare insieme, il ritrovarsi, l’essere in contatto fisico, il vedersi ed osservarsi, il condividere, l’amare, il comprendersi, il conoscersi intuitivamente attraverso il silenzio o il movimento, la parola o il gesto” (Boria, 1997).

Nell’esperienza qui riportata l’incontro con l’altro (3c), fantasmatico, vissuto nella dimensione della semirealtà psicodrammatica, è solo parziale, mancando completamente l’aspetto della reciprocità (possibile qui attraverso l’inversione di ruolo); in questa realizzazione dell’incontro trova compimento un’esperienza individuativa che resta circoscritta dentro i contorni dell’autoassertività, risaltando l’assenza dell’aspetto di conoscenza, accettazione ed integrazione di ciò che (punto di vista, vissuti, pensieri) appartiene all’altro.

Il percorso di piena separazione/individuazione, rispetto ad altri particolarmente significativi come figure genitoriali o partner di relazioni affettivamente molto coinvolgenti, si realizza attraverso l’armonica interazione tra definizione/affermazione delle proprie specificità e riconoscimento/incorporazione di parti dell’altro.

Relazioni così pregnanti dal punto di vista del significato esistenziale e dei coinvolgimenti emozionali non trovano compimento e risoluzione attraverso la mera autoaffermazione, rivelandosi, un tale percorso individuativo insoddisfacente per i bisogni di nutrimento del Sé; una insoddisfazione, rispetto alle necessità evolutive di definirsi e separarsi, che può trovare poi manifestazione in vissuti di incompletezza, perdita, vuoto.

Il tema della perdita ci ricollega a quello del lutto e, di conseguenza, alla terza delle tre strategie che fanno capolino nell’esperienza psicodrammatica in queste pagine considerata.

Le brevi riflessioni che al proposito seguiranno, molto attente a non proporsi come prontuario tecnico di intervento da utilizzare nei confronti di tali circostanze, semplicemente intendono sottolineare alcuni, umanamente limitati, aspetti della vicenda esistenziale cui ci riferiamo e delle possibilità dell’azione psicodrammatica; il sottolineare qualche aspetto di queste dimensioni ed il coniugare opportunamente gli elementi di conoscenza che emergono, possono utilmente indirizzare rispetto alla necessità, che a volte si presenta nei gruppi, di fornire a persone interessate da tali esperienze un importante aiuto rispetto all’elaborare i propri lutti.

L’esperienza della perdita di persone significative sempre si caratterizza per almeno due aspetti molto significativi rispetto alle esigenze di riflessione e comprensione appena definite: il forte coinvolgimento emotivo e la marcata ambivalenza dei vissuti sperimentati.

La morte e la conseguente perdita di persone cui siamo affettivamente legati provoca forti movimenti emozionali; le emozioni provate, a volte comuni a volte diverse da persona a persona, si collocano su polarità opposte e contrastanti come, ad esempio: l’affetto ed il dolore per ciò che manca e la rabbia per l’abbandono vissuto; la nostalgia verso ciò che non c’è più e il desiderio di liberazione rispetto al peso del dolore che la perdita comporta.

Lo psicodramma può essere di grande seppur limitato aiuto, per le persone che si trovano nel corso della loro vita ad attraversare questi avvenimenti che appartengono alle dimensioni del tragico, dell’ignoto e finanche del mistero della vicenda umana.

Rispetto al fortissimo coinvolgimento emotivo associato a questi eventi di vita, lo psicodramma può essere di aiuto grazie alle sue potenzialità catartiche. L’azione psicodrammatica può, infatti, fornire alla persona un’esperienza liberatoria, di purificazione, rispetto alle forti emozioni connesse al lutto; emozioni spesso soffocate, non soddisfacentemente espresse o condivise.

Lo psicodramma realizza tutto questo attraverso il suo, ben conosciuto, potere di permettere alle persone di ri-vivere esperienze ed emozioni già provate; più nel dettaglio ciò passa attraverso il rimettere a contatto il protagonista, mediante la concretizzazione, modulata e differenziata in relazione alle sue soggettive esigenze e capacità, con l’oggetto del sentimento di perdita.

Le dimensioni esistenziali evocate raggiungono valori di estrema profondità e delicatezza; in considerazione di ciò l’esperienza che si va a realizzare richiede che il direttore presti grande attenzione a valutarne preventivamente l’opportunità in relazione alla situazione del gruppo e al momento di vita dell’eventuale protagonista; allo stesso tempo le modalità di realizzazione debbono rispondere a precise condizioni: un riscaldamento progressivo e sufficientemente lento, ed una durata della rappresentazione di estensione opportuna; lentezza e durata sono in funzione sia della necessità di consentire un adeguato riscaldamento affinché si ri-vitalizzino e si liberino le emozioni implicate, sia dell’esigenza di permettere una soddisfacente realizzazione dei processi integrativi.

L’adeguato riscaldamento psicologico, ed il conseguente coinvolgimento nell’azione scenica del protagonista, sono condizioni necessarie anche rispetto alle esigenze di trattamento e risoluzione dell’ambivalenza dei sentimenti da questi provati: nel rivivere l’esperienza luttuosa il protagonista, opportunamente preparato e supportato, può dare espressione ai sentimenti contrastanti; la libera, definita e contestuale espressione di sentimenti contrastanti verso l’oggetto del proprio interesse da parte del protagonista, gli permette di riconoscerli, accettarli e, infine integrarli.

Mentre integra parti di sé, i propri vissuti ambivalenti, il protagonista, attraverso l’incontro con l’oggetto del proprio amore, psicodrammaticamente realizzato, integra in sé parti dell’altro.

La persona impegnata nell’elaborazione del lutto incorpora, per conservarle dentro di sé, parti dell’”anima” dell’altro mentre concretamente ne ribadisce, a volte sottolineandolo marcatamente attraverso ritualizzazioni e rappresentazioni simboliche, la separazione e la perdita materiale e terrena.


Il processo di integrazione


Ogni esperienza esplorativa che si realizza attraverso la rappresentazione psicodrammatica persegue svariati e specifici obiettivi: assolvere una funzione riparatrice rispetto ad esperienze traumatiche vissute nel passato; soddisfare bisogni esistenziali; anticipare e realizzare sogni e aspettative rivolte al futuro; sperimentare modalità dell’essere più evolute, o comunque prima inaccessibili, ecc. ecc. …. A fronte di una molteplicità di possibili scopi e motivazioni, il punto di arrivo della rappresentazione scenica rimane comunque unico: il raggiungimento della cosiddetta catarsi di integrazione; vale a dire il pervenire, a conclusione del “viaggio psicodrammatico”, ad un sentimento, diffuso eppure definito, di unitarietà del sé, di interezza, de-tensione, maggiore lucidità, armonia e serenità interiore.

Il portare sulla scena parti del proprio mondo interiore comporta sempre e comunque la realizzazione di un processo di destrutturazione del sé: ciò che era interno, implicito e tutto avviluppato insieme, viene fatto uscire all’esterno della persona, esplicitato e scomposto.

Le operazioni di disvelamento e scomposizione, attraverso la rappresentazione scenica, del mondo interno delle persone offrono ricche opportunità e si qualificano, allo stesso tempo, per significativi aspetti di delicatezza: si tratta pur sempre, sia di abbandonare e mettere in discussione equilibri ed assetti strutturali conosciuti e consolidati, per quanto insoddisfacenti e fonte di disagio, sia di portare alla consapevolezza e rivitalizzare emozioni e sentimenti sgradevoli prima repressi e sopiti.

Per queste ragioni ogni protagonista lungo il proprio viaggio psicodrammatico, oltre che resistere patologicamente, legittimamente si difende; difende e cerca di preservare forme del proprio essere che seppur malate e insoddisfacenti, gli garantiscono un apprezzabile senso di stabilità e definizione di sé.

Il direttore è pertanto assolutamente tenuto a garantire al protagonista che la fine della rappresentazione scenica sia accompagnata dal raggiungimento di uno stato integrato dell’essere, nell’aspettativa che tale stato, oltre che nuovo, sia migliorativo rispetto agli equilibri precedentemente vissuti.

Questo traguardo così importante è raggiunto in primo luogo attraverso l’utilizzo di scelte operative, strumenti e tecniche a ciò specificamente orientati: ulteriori scene con valore di riparazione e modifica di esperienze precedenti vissute nella realtà (attraverso l’utilizzo della cosiddetta plusrealtà); realizzazione di interazioni ed esperienze relazionali rispondenti a specifici bisogni di quella persona (assunzione di ruoli assertivi, scambi fusionali, sperimentazione di ruoli inconsueti …..); utilizzo della balconata; messaggi indirizzati ad altri significativi; soliloquio.

Preme sottolineare come ognuna di queste realizzazioni del processo di integrazione debba, sempre e comunque, prevedere l’utilizzo anche della verbalizzazione, in quanto solo in questo modo si stimola, e se ne verifica il risultato, la trasformazione di ciò che è sperimentato a livello di tutte le altre dimensioni e funzioni della persona in forma di pensiero, e, parallelamente il raggiungimento di condizioni intrapsichiche caratterizzate da organizzazione e consapevolezza.

Oltre che da queste specifiche azioni appena descritte, la realizzazione del senso di integrazione è possibile in primo luogo in considerazione dell’accessibilità o meno dei temi esistenziali esplorati per quella specifica persona in quel momento del suo sviluppo personale; inoltre, essa è perseguita attraverso una costruzione del percorso esplorativo che si caratterizzi come consequenziale, fluido e coerente in tutti i passaggi e le diverse fasi che lo compongono.

Analogamente a quanto accade al gruppo nel tempo ad esso dedicato, nel tempo del protagonista la rappresentazione si sviluppa, prende corpo, si struttura in articolazioni differenziate e, a volte, complesse; questo procedere deve essere permeato da un senso di progressione, sviluppo armonico di azioni che si succedono l’una all’altra in una sequenza di rappresentazioni intimamente connesse e coordinate.

L’attenzione a strutturare secondo questi criteri lo sviluppo della rappresentazione scenica rende possibile il fatto che, parallelamente alla successione di scene e azioni ad esse correlate, si produca una esplicitazione ed un disvelamento delle trame biografiche e dei significati esistenziali ad esse sottesi.

La realizzazione dello stato integrato trova perciò certamente una accelerazione, ed una attenzione specifica, nelle fasi conclusive della rappresentazione psicodrammatica, ma, al tempo stesso, riguarda ed indirizza ogni passaggio ed ogni momento del percorso psicologico che impegna il protagonista; è perciò necessario creare continuamente tutte le condizioni per cui il protagonista sia accompagnato dal costante vissuto di avanzare in modo lineare, senza strappi, secondo una successione armonica di azioni, di concretizzazioni relative agli accadimenti esistenziali evocati, in una crescente presa di consapevolezza accompagnata e sostenuta da un affiorante senso di interna logicità.

Possiamo riconoscere in queste stesse condizioni e modalità, appena descritte, la maniera, originale e specifica, in cui nello psicodramma moreniano si realizza la funzione interpretativa propria di ogni percorso terapeutico o di cambiamento personale: quella per cui ogni componente del gruppo attivamente perviene, in interazione ed in relazione coi compagni, ad esprimere, definire e modificare, o almeno arricchire, le proprie soggettive verità.





BIBLIOGRAFIA


Boria G. (1990), “Schegge di Psicodramma”, in Psicodramma, AIPsiM, Milano.


Boria G. (1997), Lo psicodramma classico, Angeli, Milano.


Boria G. (2005), Psicoterapia psicodrammatica, Angeli, Milano.


De Leonardis P. (1992), “La relazione tra sè e sè” come relazione terapeutica in psicodramma”, in Psicodramma, AIPsiM, Milano.


De Leonardis P. (1994), “Lo scarto del cavallo. Lo psicodramma come intervento sui piccoli gruppi”, Angeli, Milano.


Moreno J.L (1946, IV ed. 1977), Psychodrama First Volume, Beacon House, New York, (trad. It.: Manuale di Psicodramma. Il teatro come terapia, Astrolabio, Roma, 1985).


Reggianini D. (2002), “Dalla teoria del ruolo alla diagnosi operativa”, in Psicodramma classico, Quaderni dell’Associazione Italiana Psicodrammatisti Moreniani, anno IV n. 4, Milano.


Reggianini D. (2003), “Esercizi di stile. Un contributo alla definizione di atteggiamenti e procedure per una diagnosi operativa conforme al modello moreniano”, in Psicodramma classico, Quaderni dell’Associazione Italiana Psicodrammatisti Moreniani, anno V n. 1/2, Milano.


Il corpo teorico psicodrammatico, l’insieme delle concettualizzazioni attraverso le quali J.L. Moreno ha descritto la sua “visione” circa la realtà dell’individuo, del mondo e della relazione tra questi due, è ricco di rappresentazioni “a due dimensioni”. Sarà così perché questa è generalmente la realtà delle cose in questo universo, dal campo della fisica (energia e materia), a quello delle filosofie (tesi e antitesi, ying e yang); dalla biologia (maschile e femminile) alla politica (conservazione e cambiamento), solo per citare, ad esempio, alcune delle dimensioni dell’esistere che risultano implicate dalla forma “duale”. Sarà forse, questa “passione per le dualità”, conseguenza del percorso di vita di Moreno; cioè della sua intensa, ed empaticamente appagante, relazione con la madre (nella contemporanea frammentarietà, se non assenza, di quella col padre) come è testimoniato dalle ricostruzioni biografiche.

De Leonardis, all’interno dei suoi contributi alla teoria psicodrammatica, fa risaltare la presenza di: una bipolarità socioespansiva: le tensioni attrattive o repulsive che si instaurano tra due individui, caratteristiche della dimensione del tele; una bipolarità esperienziale: l’interazione ruolo-controruolo che fonda e struttura., al contempo, la relazione interpersonale e la personalità individuale; e, ancora, una bipolarità affettiva: i movimenti fusionali e individuativi che alimentano, accompagnano e conformano, la definizione dell’identità, dei gruppi e degli individui (Consolati 1989).

Accanto a queste bipolarità troviamo “un’ulteriore polarità evolutiva, postulata da Moreno” a fianco delle prime; “Si tratta della polarità intrapsichica formata da un Io-attore e da un Io-osservatore, che vanno a costituire il Sé del soggetto emergente.” (De Leonardis, 1994, pag. 54).

Moreno non ha mai utilizzato la citata formulazione terminologica, questa la dobbiamo a De Leonardis, che ha messo in risalto la rilevanza delle suddette istanze all’interno del modello teorico psicodrammatico, intraprendendone, al contempo, la fondazione concettuale.

Tuttavia troviamo ampie conferme, implicite ed esplicite, della “paternità moreniana dell’intuizione”, in diversi dei suoi scritti e delle sue “azioni”.

A partire dalle sue ricerche ed “imprese” riguardanti il mondo della produzione teatrale, passando per l’esplorazione, dapprima improvvisata ed ingenua poi scientificamente sistematizzata, dell’infanzia; finendo con gli studi, psico- e sociodrammatici sui gruppi e sulle dinamiche interpersonali che vedono coinvolti i loro partecipanti.

Nelle sperimentazioni e riflessioni da lui sviluppate nell’ambito teatrale troviamo, “in nuce”, l’intuizione della significatività della distinzione di ruoli, e posizioni all’interno del contesto spaziale di riferimento (in questo caso il teatro), rispettivamente della categoria dell’agire e quella dell’osservare. La proposta, culturalmente rivoluzionaria, del Teatro della Spontaneità, nei suoi contenuti di concetto e di valore, fa rilevare, ed esalta, la complementarità ed intercambiabilità del ruolo dell’attore e di quello dello spettatore; entrambi partecipano, semplicemente da posizioni diverse, allo svilupparsi dell’atto creativo sotto la forma della rappresentazione teatrale.

Nel teatro di Moreno (il teatro Impromptu, dell’improvvisazione), liberato dalla coazione dei copioni, delle conserve culturali, e delle “fissità” dei ruoli, alla “catarsi dello spettatore”, conosciuta fin dai tempi del teatro greco, si accompagna la “catarsi dell’attore”.

Le due dimensioni della dinamica catartica (di purificazione), quella dell’attore e quella dello spettatore, differenziano, ma al contempo connettono, le due distinte posizioni dalle quali i soggetti partecipano allo “status nascendi” di un atto creativo, nel comune risultante effetto e significato di liberazione di energie, conoscenza, cambiamento e novità.


“La catarsi come concetto, fu introdotta da Aristotele…..Nella sua Poetica egli sostiene che lo scopo del dramma è di purificare gli spettatori attraverso l’eccitazione artistica di alcune emozioni che funzionano come un tipo di sollievo dalle loro passioni personali. Questa concezione ha subito una trasformazione rivoluzionaria a partire dal momento in cui a Vienna nel 1920 cominciò un lavoro psicodrammatico sistematico…..la nuova definizione di catarsi era:”Lo psicodramma produce un effetto terapeutico non nello spettatore (catarsi secondaria) ma negli attori-registi che rappresentano il dramma e, allo stesso tempo, se ne liberano.” …Ci sono state due strade che hanno portato alla concezione psicodrammatica della catarsi mentale. Una strada partiva dal dramma greco……L’altra strada muoveva dalle religioni dell’Oriente e del Medio Oriente. Queste religioni sostenevano che un santo, allo scopo di diventare veramente saggio, doveva compiere uno sforzo; innanzitutto doveva realizzare e salvare se stesso….si riteneva che il processo di catarsi avesse luogo nell’attore,….Questa era una catarsi attiva. Nella concezione greca il processo di realizzazione aveva luogo in un oggetto, in una persona simbolica sul palcoscenico. Nella concezione religiosa il processo di realizzazione aveva luogo nel soggetto-la persona vivente che stava perseguendo la sua catarsi. Si potrebbe dire che la catarsi passiva si contrappone faccia a faccia con la catarsi attiva; che la catarsi estetica è contrapposta alla catarsi etica. Questi due sviluppi…sono stati portati a una sintesi dalla concezione psicodrammatica di catarsi. Dai greci abbiamo preso il dramma e il palcoscenico, dagli ebrei la catarsi dell’attore. Lo spettatore è diventato egli stesso attore.” (Moreno, 1985, pag. 48)


Il passaggio concettuale, dalle due contrapposte ma interconnesse posizioni (agire ed osservare) dell’atto creativo teatrale, alle due medesime polarità specifiche dell’atto creativo consistente della definizione dell’identità personale, è complesso ma lineare.

Ritroviamo questa continuità nella stessa biografia di Moreno:


“Da studente, tra il 1908 e il 1911, ero solito passeggiare per i giardini di Vienna, mettendo insieme i bambini e formando gruppi per delle recite improvvisate. Naturalmente conoscevo Rousseau, Pestalozzi e Frobel. Ma questo mio era un nuovo punto di vista. Era un nido d’infanzia su scala cosmica, una rivoluzione creativa tra bambini.” (Moreno, 1985, pag. 63)


E’ grazie a queste giocose e precoci sperimentazioni nei panni di improvvisato “osservatore partecipante”, che Moreno entra in contatto col mondo dell’infanzia. Attraverso l’interazione e la partecipazione dinamica alle attività ludiche dei bambini, ne conosce le modalità di approccio alla realtà e, al contempo, ne intuisce i movimenti intrapsichici.

Vivendo una seconda volta, nel ruolo di giovane adulto, la dimensione esistenziale infantile, re-incontra, ora con la facoltà di osservarle e pensarle, le prime tappe della propria evoluzione personale; è attraverso queste esperienze che pone le basi sia per la successiva concettualizzazione circa le origini e lo sviluppo della spontaneità e degli atti creativi, sia per la sua teoria dello sviluppo infantile.

Infine, come cercheremo di illustrare ed argomentare nelle pagine seguenti, tutto l’”apparato metodologico e strumentale” dell’intervento gruppale psicodrammatico a partire, solo per esempio, dalla ordinata e definita strutturazione spaziale del set, ha come preciso riferimento teorico l’assunto per cui la vita psicologica dell’essere umano scaturisce e si sostiene sulla distinzione tra agire ed osservare, tra esserci e rappresentarsi, sulla relazione dialogica tra un io-attore ed un io-osservatore.

Moreno così lo ha probabilmente pensato a livello ancora, e solo, intuitivo, così ce lo ha lasciato certamente in eredità.


La teoria evolutiva moreniana


Il binomio spontaneità-creatività alla base dello sviluppo della personalità


Sappiamo bene come nell’idea dell’uomo moreniana la specificità dell’essere di questi nel mondo sia strettamente intrecciata all’idea di creatività, a quel assunto per il quale, accomunando, per questa caratteristica, l’essere umano al creatore, risulta che la sua esistenza non si risolva in un mero adattamento, bensì si realizzi nella partecipazione attiva ed estremamente incisiva ai processi di creazione e trasformazione di tutto il reale, nelle sue diverse dimensioni: fisica, psicologica, sociale, culturale.

Sappiamo altrettanto bene come, nel costrutto moreniano, la creatività sia strettamente intrecciata a quell’altra attività mentale che Moreno ha definito col termine di spontaneità: la seconda svolge nei confronti della prima una funzione che la colloca nella categoria dei “catalizzatori”, mentre la creatività è accomunabile alle”sostanze”; la spontaneità viene da Moreno definita come l’”archicatalizzatore” (il padre di tutti i catalizzatori), mentre la creatività è l’”archisostanza” ( la madre di tutte le sostanze).

In altre parole, l’uomo è tale perché portatore della potenzialità (in misura e qualità diverse da persona a persona) di partecipare alla “creazione” della realtà; l’attualizzazione di questa potenzialità dipende dall’attivarsi di quella particolare funzione mentale chiamata spontaneità; le dinamiche che consentono l’“accendersi” di questa funzione sono riassunte, da Moreno, nella concettualizzazione del cosiddetto “processo di riscaldamento”.

La teoria moreniana dello sviluppo infantile, e la associata teoria della personalità, sono perciò strettamente intrecciate alla sua teoria della spontaneità/creatività, ed allo studio di tutti i fenomeni che riguardano la dinamica e la struttura dei processi di riscaldamento.



Il “primo universo”: la diade madre-bambino


Nella teoria ontogenetica (qui non corretto: direi evolutiva) moreniana, l’essere umano nei primi tempi della sua esistenza vive in una percezione di sé, degli altri e del mondo indifferenziata: si trova all’interno di quello che Moreno chiama il “primo universo”.

Nel “primo universo”, durante il suo stadio iniziale, tutto è identità, infatti la terminologia moreniana definisce questa come la fase “All identity”.

A questa prima fase ne seguirà una seconda che Moreno assocerà alla definizione di “All reality”, tutto è realtà; vediamo qui di seguito da cosa sono caratterizzati questi due distinti momenti evolutivi, e quali fenomeni ne favoriscono ed accompagnano la dinamica evolutiva.

L’indifferenziazione, che caratterizza il primo universo, riguarda tanto il sé rispetto all’altro da sé, quanto l’essere rispetto al rappresentarsi.

Il neonato vive in un contesto relazionale caratterizzato dalla fusionalità: la sua dipendenza dalle cure, materiali e relazionali, che l’altro gli presta, determinano quella particolare condizione dell’esistenza che si realizza nel co-agire, co-esperire, co-esistere.

Il bambino molto piccolo sperimenta tutto ciò che lo circonda in un vissuto di reciproca appartenenza e coesistenza: esiste assieme e grazie all’esistere dell’altro, sente che loro gli appartengono in maniera totale come lui stesso appartiene totalmente a loro.

La non autosufficiente dotazione di competenze e “prestazioni vitali” del bambino, rende quest’ultimo bisognoso dell’intervento dell’altro per adattarsi alle condizioni ambientali, ma anche per costruire quelle attitudini, via via più complesse, che lo renderanno progressivamente capace di partecipare attivamente alle diverse dimensioni della vita.

In queste condizioni l’altro è come un’estensione dell’Io personale, viene per questo motivo chiamato Io-ausiliario; fornisce al bambino quei complementi, sia quelli concreti e materiali che quelli che integrano funzioni mentali, indispensabili alla sua sopravvivenza.

Per quanto riguarda l’essere, la funzione principale dell’Io-ausiliario è quella di costituirsi come stimolo e supporto per l’attivazione e lo sviluppo dei “processi di riscaldamento”, essenziali affinché si liberi quella spontaneità che permette la creazione e la moltiplicazione dei ruoli vitali del bambino.

A sua volta il bambino si costituisce come controruolo per la madre o per la persona che gli offre le sue cure; in questo senso interviene come attivatore (prevalentemente somatico), per il processo di riscaldamento attraverso il quale l’adulto attiva e sviluppa i propri ruoli relativi al prendersi cura dell’altro.


“La relazione madre-bambino è una relazione a due vie che implica un’azione in comune piuttosto che modelli di comportamento individuali separati l’uno dall’altro. ….nel corso del riscaldamento a due vie, con un solo scopo – la soddisfazione del bambino - gli sforzi di adattamento fisico vanno di pari passo con gli sforzi di adattamento mentale. La madre (come un Io-ausiliario) sviluppa un’immagine mentale del suo bambino, quand’è nel processo di assunzione del ruolo, ma, d’altra parte, anche il bambino partecipa al fatto di essere nutrito (col poppatoio, dal seno o dalle mani della madre eccetera) così come nel prendere il cibo nella bocca.” (Moreno, ibidem, pag.124-125)


“All’identity”: come abbiamo già evidenziato, nel costrutto moreniano è questo il primo stadio dello sviluppo infantile; il bambino, in questo primo periodo, vive una condizione esistenziale caratterizzata da globalità e totalità: azione, percezione e vissuto sono un tutt’uno; al tempo stesso l’assorbimento nell’atto è totalizzante.

Il piccolo dell’essere umano è tutto pervaso dalla “fame d’azione”.

Moreno con questo termine sintetizza la sua idea di un essere umano sospinto da uno “spirito vitale” e dalla sua “volontà di potenza”:


“Ogni individuo funziona in un sistema delimitato da due tipi di frontiere: l’espansività affettiva della sua personalità e la pressione socio-affettiva che viene esercitata su di lui dall’ambiente in cui vive.”

(Moreno, 1980, pag.192)


In secondo luogo questo concetto, “fame d’azione”, sta ad indicare come il neonato viva in una dimensione temporale “immediata”, del presente o del momento, tutto preso com’è dall’esserci in quanto azione, movimento.


“Questo assorbimento integrale del bambino nell’atto al quale si sta riscaldando è la ragione fondamentale perché le due dimensioni del tempo, la dimensione del passato e la dimensione del futuro, non sono sviluppate o, nella migliore delle ipotesi, lo sono in modo rudimentale. E’ nel passato che immagazziniamo le nostre memorie, ed è il futuro che può approfittare della loro registrazione.

(Moreno, 1985, pagg. 131)


Ci troviamo perciò in una condizione esistenziale caratterizzata dall’unicità dell’atto.

Nell’atto in quanto unicità si con-fondono ruolo e controruolo, il bambino e colui il quale svolge le funzioni di accudimento sono parti complementari ma indistinte, dal punto di vista della coscienza del piccolo, del suo senso di identità personale; inoltre, tutto è azione, non c’è separazione tra la realtà e la sua rappresentazione, le categorie esperienziali ed esistenziali dello status nascendi e del momento regnano imperative.

Come abbiamo osservato il bambino piccolo è dominato dalla cosiddetta “fame d’azione”, cioè è tutto preso dall’esserci in quanto tale ed immerso in una sorta di placenta sociale, cioè in un contesto di interazioni e relazioni che forniscono i necessari supporti e complementi per il suo embrionale senso di identità, oltre che per la sua sopravvivenza fisica.

Le relazioni, in questa fase iniziale dell’esistenza del bambino, sono “a due vie”, ci troviamo cioè in presenza di “azioni in comune” piuttosto che di modelli comportamentali individuali separati l’uno dall’altro.

Non si tratta di una semplice complementarità tra ruolo e controruolo; in questi primi passi dell’esistenza il primo (il ruolo) è stimolato, sostenuto e completato dal secondo, nel suo avviarsi, prendere forma e svilupparsi.

Questo è vero per il bambino come per l’adulto che di lui si prende cura; entrambi, alternativamente sono considerabili in quanto ruoli, e trovano nell’altro (come controruolo) lo starter e la controparte per attivarsi e prendere forme via via più definite, organizzate ed adeguate; lo scopo implicito è quello di costituirsi come diade interattiva ed integrata, in grado, rispettivamente, di soddisfare i bisogni vitali del bambino e di realizzare i significati esistenziali sottesi all’interazione.

Su questo piano della relazione madre e bambino si trovano perciò nella medesima condizione; da un altro punto di vista però la prima si distingue dal secondo; infatti ella, in quanto essere umano adulto, a differenza del suo piccolo, è in grado di formare dentro di sé delle “rappresentazioni mentali” degli accadimenti e degli attori che in questi accadimenti sono coinvolti.


“La madre (come un Io-ausiliario) sviluppa un’immagine mentale del suo bambino …..L’immagine mentale che la madre ha del suo bambino è un condensato di immagini ausiliarie.” (Ibidem, pag. 125)


In queste prime fasi della sua vita il piccolo di essere umano trova così nell’adulto completamento al proprio embrionale senso di identità secondo questo ulteriore significato: l’altro sostiene e fornisce, al contesto d’azione e al controruolo-bambino in questa coinvolto, la dimensione rappresentativa del ruolo e dei significati che questo racchiude.


“Il ruolo può essere identificato con le forme reali e percepibili che il Sé prende. Pertanto definiamo il ruolo come la forma operativa che l’individuo assume nel momento specifico in cui egli reagisce ad una situazione specifica nella quale sono implicati altre persone od oggetti. La rappresentazione simbolica di questa forma operativa, percepita dall’individuo e dagli altri, è chiamata ruolo.” (Moreno, 1961).


Il caregiver, ed il complesso di “immagini ausiliarie” che questi va formandosi dentro di sé mentre si prende cura del bambino, vengono perciò a costituirsi rispetto all’embrionale senso di identità del neonato, come una sorta di “Io-osservatore ausiliario”; le funzioni mentali su cui si fondano i processi di auto-osservazione sono ancora tutte delegate, anzi ancor più precisamente, esse sono “incarnate” dall’adulto; il bambino piccolo, in quanto “essere di globalità”, è ancora tutto preso dall’“unicità dell’atto” e dalla propria “fame d’azione”, non c’è ancora spazio, né fisico né mentale, per la rappresentazione come funzione mentale distinta dall’atto.


“Una delle caratteristiche importanti del primo universo è la nostra totale amnesia circa i primi tre anni di vita…..La nostra spiegazione dell’amnesia si basa sul processo di riscaldamento ad un atto spontaneo. Centinaia di test di spontaneità con soggetti di tutte le età hanno dimostrato che affinché il soggetto possa ricordare più tardi ciò che ha avuto luogo durante l’atto, egli deve registrare gli avvenimenti man mano che procede il processo di preparazione all’atto. Una certa parte del suo Io deve mettersi di lato, come una sorta di partecipante interno (in corsivo nell’originale) che osserva e registra gli avvenimenti….. La nostra conclusione perciò è che …quando nulla è ricordato dal soggetto di atti e avvenimenti che hanno avuto luogo intorno a lui e in lui, un simile partecipante interiore, che fa da osservatore, non si sviluppa. Esso non si stabilisce perché ogni singola parte del soggetto viene coinvolta nell’atto”. (Moreno, 1985, pagg. 130).


La relazione ruolo-controruolo, che nella relativa teoria moreniana fonda la formazione o strutturazione della personalità, si organizza così secondo le caratteristiche strutturali e le dinamiche di quella che Moreno definisce come “matrice di identità”.

Identifichiamo con questo termine quel contesto di specifiche modalità relazionali con persone ed oggetti, che “gettano le basi per il primo apprendimento emotivo del bambino” (Moreno, 1985, pag.126) e che fondano le strutture del suo futuro senso di identità individuale.



La matrice di identità fusionale


Per distinguere e precisare ulteriormente i diversi passaggi che segnano lo sviluppo infantile, possiamo definire in questo modo una prima fase della matrice di identità; l’aggettivo fusionale ne richiama le caratteristiche fondanti: l’importanza delle dimensioni di appartenenza, integrazione e uguaglianza (l’”essere con “ e l’”essere come”); la centralità della soddisfazione dei bisogni di accudimento e nutrimento; la rilevanza dei movimenti di abbandono nella relazione e di affidamento all’altro.



La matrice di identità individuativa


Al primo periodo, fusionale, della matrice di identità, succede una seconda fase; la qualificheremo con l’aggettivo di individuativa per distinguerla dalla prima, e per sintetizzarne in questo modo le caratteristiche; la matrice di identità individuativa fonda la sua specificità sulle dimensioni esistenziali di individualità, definizione e unicità; sulla soddisfazione dei bisogni di iniziativa ed individuazione; infine, essa si realizza attraverso i movimenti di distacco e differenziazione.

L’evoluzione dalla matrice di identità fusionale a quella individuativa è provocata e sostenuta da diversi fattori che agiscono in sinergia, stimolandosi reciprocamente: fattori di ordine genetico-organico e fattori relazionali.

Da una parte lo sviluppo di quelli che Moreno chiama il “telencefalo” ed i “telerecettori” (i recettori, fisici ed uditivi, della distanza), consente progressivamente al bambino di accedere alle categorie della vicinanza e della lontananza:

La percezione strutturata dei contorni fisici dello spazio si accompagna alla nascita e allo sviluppo di uno spazio psicologico del bambino.

L’aspetto relazionale riguarda il rapporto con la madre, o con gli adulti che del neonato si prendono cura; l’azione di questi verso il bambino ed i suoi bisogni, sostenuta dalla facoltà di integrazione tra azione e rappresentazione associata alla loro maturità psicologica, organizza sia sul piano della coerenza interna degli atti, sia rispetto alla dimensione emotiva (gratificazione versus frustrazione) le esperienze del neonato.

La connotazione emozionale, piacevole o spiacevole, delle interazioni coi controruoli marca lo sviluppo del fattore tele, e della rete di tensioni attrattive o repulsive in cui questo si struttura.

La “rete di legami di tele”, che via via si sviluppa tra il bambino e gli interlocutori coi quali egli si trova ad interagire, “impronta” il campo relazionale dell’essere umano che cresce; ne stimola e, al tempo stesso, ne segue lo sviluppo fondandone le caratteristiche di realtà e reciprocità.

Nell’”apertura” dello spazio, fisico, relazionale e psicologico che si viene a produrre, trova progressivamente posto ed evoluzione la facoltà rappresentativa, sotto forma di immagine, dei vari elementi costitutivi del reale: oggetti, persone, animali, lo stesso soggetto umano.

Riassumendo, possiamo affermare che il parallelo sviluppo dello spazio psicologico del bambino e della tensione relazionale telica reciprocamente si stimolano, ed insieme concorrono a strutturare questa seconda fase del cosiddetto primo universo, la fase “All reality”, tutto è realtà..

Gli elementi del reale sono via via differenziati e rappresentati nella mente del bambino, ma ancora non c’è distinzione


“tra ciò che è reale e ciò che è immaginato, tra animato e morto, tra le apparizioni delle cose (immagini allo specchio) e le cose come esse realmente sono.” (Moreno, ibidem, pag.133)



La separazione tra realtà e fantasia e l’ingresso nel “secondo universo”


Questo passaggio coincide, nella teorizzazione moreniana, con la chiusura della “matrice d’identità”; è anche in questo caso l’interazione sinergica tra elementi relazionali e fattori di maturazione fisiologica a produrre il cambiamento.

Da un lato la maturazione cerebrale supporta lo sviluppo della funzione rappresentativa; dall’altro la funzione di realtà interviene attraverso le interazioni con le persone, gli oggetti, tutti gli elementi fisico-spaziali del contesto.



Sviluppo del “partecipante interno”

Riepilogando, la costituzione di uno spazio mentale fonda la possibilità di realizzazione dell’individuo sia su “supporti” relativi all’evoluzione biologica (via dell’individuo), sia sulle dinamiche di interazione e relazione con le persone per lui significative, la madre in primo luogo.


“Lo sviluppo della memoria, del senso del passato, del presente e del futuro, e delle funzioni cognitive in generale può aver luogo, secondo Moreno, solo con lo sviluppo del partecipante interiore: alla presenza cioè, di un ‘osservatore interno’ che assume un altro ruolo rispetto a quello del soggetto agente. ……Tale sdoppiamento si realizzerebbe inizialmente nella inscindibile accoppiata madre/bambino, che progressivamente verrebbe poi sostituita dallo sdoppiamento interno al soggetto dei ruoli di attore e di osservatore.” (De Leonardis, 1984, pag.55)


Assistiamo così alla formazione ed alla organizzazione di due distinti sistemi del processo di riscaldamento, uno nei confronti delle azioni di fantasia, l’altro nei confronti di quelle di realtà.

A questa immagine descrittiva dell’evoluzione della personalità, Moreno ne affianca un’altra associata all’osservazione di come nella progressiva strutturazione dell’identità individuale si manifesti il crescente differenziato sviluppo di due diversi centri della memoria, il centro dell’azione e il centro del contenuto.

Moreno non ha mai né esplicitato né approfondito cosa volesse intendere con questa affermazione; l’interpretazione che, coerentemente con le riflessioni che si vanno sviluppando, ne diamo qui intende riconoscere in questi due distinti “centri della memoria” due distinte, seppur interconnesse, strutture interne della mente umana: la prima riconducibile ai processi di memorizzazione delle azioni (e dei loro effetti immediati), in una sorta di processo di “memorizzazione dell’essere”; la seconda consistente in un apparato di raccolta dei contenuti (prodotti sempre dell’agire, ma mediati dalle funzioni osservativa e rappresentativa), un serbatoio di immagini e rappresentazioni interne.

In definitiva, portando ancora oltre l’elaborazione concettuale iniziata da Moreno, possiamo pensare che il “sistema di riscaldamento nei confronti delle azioni di realtà” e il “centro della memoria dell’azione” siano assimilabili a quell’istanza intrapsichica che oggi conosciamo sotto il nome di Io-attore; allo stesso modo il ”sistema di riscaldamento nei confronti delle azioni di fantasia” e il “centro della memoria concettuale” sarebbero riconducibili all’altro polo della “dialogicità interna” alla mente umana, quello che chiamiamo Io-osservatore.



Basi fisiologiche della possibilità di sdoppiamento


Ci piace qui sottolineare come Moreno, basandosi solo sulle sue doti (evidentemente di straordinaria e sorprendente efficacia) di intuito induttivo, abbia ipotizzato un fondamento organico alla strutturazione duale dello personalità umana. Egli ha infatti sviluppato le sue teorizzazioni basandosi solo sulla mera osservazione, ancor che partecipante, dei soggetti in azione, gli attori e i bambini prima, le persone in genere in seguito.

Solo recentemente, a distanza di tanti anni, le neuroscienze iniziano a trovare conferme, attraverso le modalità induttive proprie della loro specifica attività sperimentale, degli originali prodotti dell’ “immaginazione teorizzante” di Moreno.

Vogliamo qui sinteticamente ricordare, a conferma di quanto si va sostenendo, gli studi che confermano una specializzazione dei due emisferi cerebrali; il primato dello sviluppo, nel bambino, dell’emisfero destro, dove si formerebbero e immagazzinerebbero le funzioni e le informazioni socio-emotive, le attitudini relazionali e l’attaccamento (Shore, 1999, 2001); lo sviluppo successivo dell’emisfero sinistro, deputato alle funzioni verbali e linguistiche, e al deposito dei contenuti della memoria autobiografica (Fink et all. 1996).

Altri autori hanno ulteriormente specificato questa “dualità strutturale e funzionale” associando il “substrato di coscienza autobiografica” o “coscienza nucleare” all’emisfero destro; e l’”io narrante” o “coscienza estesa” e l’”Ego” come psicoanaliticamente inteso, all’emisfero sinistro (Damasio, 1999).

Certo i concetti non sono sovrapponibili, ma le testimonianze sinteticamente ricordate offrono più di un sostegno alla concretezza delle suggestioni, circa la dualità intrapsichica, che Moreno ci ha lasciato in eredità; suggestioni che sicuramente necessitano di ulteriori esplorazioni e prove di validazione sia scientifica che….. “psicodrammatica”; in queste pagine abbiamo intrapreso questo secondo percorso che qui di seguito proseguiamo.



La dualità intrapsichica e il bisogno di integrazione


Attraverso i descritti processi, di differenziazione ed organizzazione della struttura interna della psiche umana, si produce progressivamente quella che Moreno definisce la “normale divisione della personalità”.


“Se l’accento viene posto sui concetti ne può risultare per l’individuo una scissione tra la personalità dell’azione e la personalità concettuale (in corsivo nell’originale). Riteniamo un’ipotesi valida quella per cui si sviluppano due differenti centri della memoria, il centro dell’azione e il centro del contenuto che continuerebbero, in generale, come strutture separate senza alcuna connessione. Un concetto non è incamerato nello stesso momento in cui si produce un’azione, ma in uno stato inattivo e atono mentre l’azione in uno stato altamente eccitato; essi tracciano diversi percorsi del sistema nervoso. Di conseguenza essi non si ripresentano contemporaneamente, nello stesso momento, integrando l’intera personalità con un’azione, ma in momenti diversi, separati l’uno dall’altro. Le conoscenze acquistate da un soggetto non raggiungono il nucleo attivo della personalità. Si sviluppa una memoria compartimentata che impedisce l’integrazione della conoscenza nella personalità attiva dell’individuo. La conoscenza rimane a sé, senza essere digerita, assorbita dalla personalità e non può esercitare il suo completo influsso sulla sua attività e sul suo giudizio.” (Moreno, 1980)


L’armonico e soddisfacente (in relazione ai bisogni esistenziali dell’individuo) sviluppo della personalità dipende certamente dalla attuazione dei descritti processi di differenziazione e sviluppo della struttura interna, ma non trova tuttavia esauriente realizzazione con il completamento di questi.

L’adeguata strutturazione interna della personalità richiede anche di non dover rinunciare a nessuna delle due distinte dimensioni, quella della fantasia e quella della realtà, né di privilegiarne una a scapito dell’altra.

La funzionalità e l’efficacia dell’organizzazione intrapsichica di un individuo hanno come riferimento la realizzazione delle “potenzialità espansive” della sua personalità nel mondo da una parte, e l’adeguatezza e l’integrazione delle manifestazioni delle sue originali e specifiche modalità di essere rispetto ai contesti di relazione in cui queste si manifestano, dall’altra.

Il compiersi di dette funzionalità ed efficacia dipende dalla possibilità dell’individuo di poter contare, nel corso della realizzazione dei suoi processi mentali, sull’attivazione, interconnessa, dei due sistemi; è necessario cioè poter agevolmente andare e tornare dalla fantasia alla realtà, e viceversa.


“Il fattore che può assicurare questo controllo di un passaggio rapido è la spontaneità, ma non la spontaneità intesa come fattore istintivo di cui capita di essere più o meno dotati, bensì come un principio cosciente e costruttivo della personalità – vale a dire l’addestramento alla spontaneità.”

(Moreno, 1985, pagg. 137)


Rispetto a questa benefica possibilità di passare con la mente da una all’altra di queste due dimensioni (fantasia e realtà), il fattore spontaneità si costituisce sia come stimolo che come effetto; una certa dote di spontaneità innata è infatti indispensabile affinché si avviino e sviluppino i processi di strutturazione differenziata, e allo stesso tempo di integrata connessione, dello psichismo interno; contemporaneamente lo stabilirsi di una funzionale dialogicità tra le istanze interne, concorre alla realizzazione delle condizioni strutturali che consentono l’addestramento della spontaneità stessa.



Gli attivatori del Sé


Sono “attivatori del Sé” tutti quei fattori che partecipano alla genesi e all’organizzazione interna della mente nelle due strutture che chiamiamo Io-attore ed Io-osservatore, ed alla regolazione della loro relazione. La funzione degli attivatori del Sé è, in altre parole, quella di partecipare sia a dar vita e forma alle due istanze interne, sia a far sì che tra le due si stabiliscano collegamenti di fruttuosa dialogicità. La centratura del focus dell’intervento di un attivatore del Sé, verso uno degli effetti descritti o verso un altro, varia a seconda dell’attivatore che entra in gioco; alcuni sono più indirizzati verso la dimensione dell’azione, altri sono più implicati in quella della rappresentazione; il loro combinato ed integrato intervento sempre comunque concorre alla definizione delle strutture ed alla funzionalità della loro interconnessione.

Riconosciamo l’intervento degli “attivatori del sé” sia lungo i percorsi fisiologici dello sviluppo psicologico e sociale infantile, sia in tutte quelle situazioni che a posteriori vengono apprestate per recuperare e correggere lacune e distorsioni prodottesi nel corso di questi ultimi; lo psicodramma appartiene a pieno titolo alla categoria di questi “sistemi di recupero”.

Sono perciò da considerarsi attivatori del Sé tutti i controruoli che contribuiscono ad alimentare e con-formare tutte le interazioni e le relazioni, naturali o artificiali, alle quali l’individuo partecipa nel corso della sua vita e dello sviluppo del suo essere.

Troviamo conferma di come nel pensiero di Moreno controruolo, relazioni e gruppalità si pongano, attraverso le medesime dinamiche, a fondamento della personalità individuale in questa chiara sintesi concettuale, elaborata e trasmessaci da Dalmiro Bustos, uno dei più illustri allievi di Moreno.


“- Gli esseri non esistono isolati; viviamo sempre in riferimento a gruppi.

- Pertanto possiamo affermare che prima è il gruppo. I gruppi sono costituiti da persone che si relazionano mediante vincoli, che entrano in contatto attraverso ruoli. Ruoli e relazioni sono il punto di partenza epistemologico di Moreno.

- Tutte le rappresentazioni interne sono state una qualche volta parte di transazioni interpersonali. La parte tangibile dell’intrapsichico si manifesta in una relazione, che si trasforma sullo scenario dove si concretizza l’interiorità. Il ruolo precede l’Io.” (Bustos , 2006)


Gli attivatori somatici


“Sappiamo dallo studio del processo di riscaldamento nelle prestazioni degli adulti e nelle relazioni interpersonali che si possono differenziare categorie di attivatori del sé, cioè attivatori di tipo fisico e di tipo mentale. La differenziazione in due diverse modalità di attivamento non è ancora a disposizione del bambino. Nell’attivazione del neonato sembra esserci una scarsissima attività mentale. Possiamo pensare che egli faccia uso soltanto di stimoli di avviamento fisici. ….A differenza del neonato, l’adulto ha naturalmente già sviluppato attivatori mentali, sociali e psicochimici, che indipendentemente possono iniziare il suo riscaldamento così come possono interagire con attivatori fisici.”

(Moreno, 1985, pagg. 119-121)


Sono attivatori somatici, o fisici, tutti quegli “interlocutori” (controruoli nella terminologia psicodrammatica), persone od anche oggetti, che nell’interazione col soggetto agiscono su di un piano precipuamente fisico, corporeo.

E’ un attivatore somatico la madre che si prende materialmente cura del bambino; come lo è il capezzolo che ella accosta alle sue labbra; è pure un attivatore fisico il padre che interagisce col figlio, per esempio stringendolo tra le mani ed alzandolo verso l’alto, come lo è l’aria che entra ed esce dai suoi polmoni.

Questi attivatori agiscono direttamente, e in via privilegiata, a livello della dimensione dell’ “essere”; interagiscono - stimolandolo, alimentandolo e supportandolo - con l’Io-attore del soggetto; sono, tuttavia, da considerare anche per la loro importante funzione di essere precursori della struttura osservatrice dell’Io.

Questa loro importante funzione, di porre la basi per la successiva strutturazione dell’Io-osservatore, si fonda sul passaggio dall’essere perché si è, all’essere per come si è; un “come si è” fortemente dipendente dall’azione strutturante del controruolo.

Infatti, la forma della soddisfazione, o della frustrazione, dei bisogni fondamentali di nutrimento, cura (sui piani sia concreto che affettivo) e di interazione, dà forma e condiziona le strutture delle sensazioni proprio- ed eterocettive; le forme che queste assumono si vengono a costituire come fondamentali precursori delle categorie della definizione del reale.

L’essere pieno, o viceversa vuoto, tenuto o, all’opposto, abbandonato a se tesso, anticipano e predispongono alle successive possibilità di sentirsi, percepirsi e, infine, pensarsi tali.

Chi scrive trova piacevole e confortante testimonianza di quanto si va affermando circa il pensiero di Moreno, richiamando alla mente, ancora una volta, un ricordo di Dalmiro Bustos:


“…..una volta, durante una sessione di revisione, dissi qualcosa riguardante la questione tra l’intrapsichico e l’interpsichico. In un attimo Moreno prese con fermezza la mia mano e disse: ‘La mente è qui, non lo capisci?’ (Bustos , 2006)


Ci pare di poter così affermare che, nell’idea di Moreno, la mente è già nel corpo e nelle forme concrete che, nella interazione ruolo-controruolo, si manifestano, reciprocamente stimolandosi e conformandosi.

Nel nostro percorso di esplorazione dell’essere e del suo sviluppo troviamo, oltre a quella strutturale-concreta, somatica, una seconda fondamentale dimensione.

Ricordiamo infatti come


“Ogni ruolo si caratterizza per due aspetti o caratteri fondanti: è reale, concreto e perciò immediatamente percepibile, descrivibile, riconoscibile e definibile; e, allo stesso tempo, è ‘rappresentazione simbolica’, cioè rimanda a qualcosa d’altro. Il primo aspetto riguarda la dimensione ‘strutturale’, cioè le forme assunte e presentate da quello che percettivamente cogliamo nell’immediatezza dell’osservazione; il secondo aspetto rimanda ai significati che quella struttura sottende ed incarnati dalla realtà soggettività con cui ci relazioniamo.” (Reggianini, 2002)


Alla dimensione dell’essere, con lo sviluppo della personalità umana, si accompagna, seguendo i sopra descritti processi di separazione, differenziazione e specializzazione, la dimensione della rappresentazione; l’accesso a questa seconda dimensione nell’essere umano si accompagna, in modo particolarmente significativo, alla categoria esistenziale del rappresentarsi, cioè di costituirsi come oggetto per i propri processi di percezione, definizione, consapevolezza.



Gli attivatori mentali


Questa seconda “classe” di attivatori si distingue da quella appena descritta, relativa agli attivatori somatici, perché, come indica la stessa definizione terminologica, si colloca concettualmente a livello della dimensione mentale e qui sviluppa la propria azione,.

Ciò accade perché ci troviamo in presenza dell’intervento di “attivatori mentali” in quanto nell’interazione tra due persone l’Io-osservatore di almeno uno dei due partecipanti è in modo significativo e diretto coinvolto ed attivato; inoltre, la dimensione del significato delle azioni, e dei ruoli che queste costituiscono, viene esplicitamente evocata ed interpellata.

Mentre gli “attivatori somatici” centrano la loro azione a livello della dimensione “strutturale”, il focus degli “attivatori mentali”, passando attraverso l’“esplicitazione disvelante” dei contenuti della “rappresentazione simbolica”, si dirige sui significati incorporati nelle forme.

A sua volta la classe degli “attivatori mentali” si differenzia, e specifica, in quattro diverse modalità di realizzazione.

Le quattro sotto descritte categorie in cui si divide questa tipologia di attivatori – doppio, specchio, rispecchiamento, inversione di ruolo – sono accomunate dalla importante caratteristica di corrispondere, al tempo stesso a:

- specifici strumenti tecnici di intervento all’interno del setting psicodrammatico.

- modalità in cui si struttura ed organizza la “comunicazione affettiva” tra soggetti e, conseguentemente, la relazione interpersonale, sia nella vita comune che nei contesti di trattamento.

- dinamiche intrapsichiche, o meccanismi mentali, fondanti la genesi e lo sviluppo della diade Io- attore e Io-osservatore.


1. Doppio


Come strumento tecnico consiste di una particolare iniziativa verso un membro del gruppo, agita da un compagno, dal direttore, oppure dalla stessa persona oggetto dell’intervento opportunamente decentrata in un altro ruolo, “doppio di se stesso”; il soggetto che agisce il “doppio” presta la propria voce per “mettere in parole” e, di conseguenza, esprimere esplicitamente, i “movimenti emozionali” che percorrono l’animo della persona su cui si concentra, in quel momento, l’attenzione..

La realizzazione della tecnica prevede solitamente che l’ “altro”, colui il quale si presta come controruolo per la realizzazione della stessa, si metta al fianco della persona che “riceve il doppio”, assumendone la medesima postura, oppure si collochi alle sue spalle ponendo una o entrambe le mani sulle sue spalle; una volta assunta la posizione, il “doppio” dà voce ai contenuti, specialmente a quelli emotivi propri di quel preciso momento, che gli sembra di percepire che il protagonista stia provando.

La modalità comunicativa, e relazionale, che si stabilisce è quella per cui una persona facendo leva sulla propria capacità empatica si attiva per percepire e collegarsi con il mondo emozionale di un’altra; utilizzando poi le proprie attitudini interpretative e di espressività non-verbale e verbale, la persona che si attiva come doppio dà ai contenuti percepiti nell’altro forma di parola esplicitandone, al contempo, i significati.

Riguardo alla dinamica intrapsichica è da sottolineare come la persona che viene doppiata, grazie all’intervento dell’altro, “si sente da dentro”; le parole del doppio hanno il potere di “svelare” e dare forma definita e sensibile alle sue emozioni.

In questo modo da un lato si apre la strada al sentirsi riconosciuti dall’altra persona per precisi contenuti del proprio mondo interno, al contempo il protagonista, attraverso l’intervento dell’altro, perviene alla percezione e alla definizione dei movimenti emozionali del suo animo.

Il soggetto che doppia viene così a svolgere una “funzione ausiliaria” a beneficio del funzionamento interno dell’altro; la sua azione stimola, accompagna e supporta l’Io-osservatore del protagonista nel cogliere, organizzare e definire i suoi contenuti emozionali.


2. Specchio


E’ quella tecnica per cui ad un membro del gruppo pervengono dei “rimandi dall’esterno” circa la sua realtà personale; ciò può avvenire attraverso l’intervento attivo di un compagno di gruppo o del direttore, che esprime il suo “modo di vedere” circa qualche aspetto che riguardi la sua identità, i suoi comportamenti, la sua vita. Un altro modo per avere dei rimandi è quello per cui il protagonista, collocandosi all’esterno dello spazio in cui attraverso la concretizzazione e l’azione hanno preso vita dei contenuti del suo mondo interno, ha la possibilità di “oggettivarli” e prenderne visione.

La comunicazione e la dinamica relazionale connesse allo specchio, vedono il soggetto ricevente avere accesso ad un “punto di vista”esterno, alle valutazioni ed idee che l’altro si è fatto, e si va facendo, circa aspetti, parziali o globali, della propria realtà; lo specchio determina una dinamica di interazione e relazione per la quale la definizione dell’identità del protagonista passa attraverso determinazioni esterne allo stesso.

Rispetto alla dinamica intrapsichica è da sottolineare come attraverso lo specchio, l’Io-osservatore del protagonista abbia nel primo caso, quando riceve dei rimandi, la possibilità di confrontarsi, valutarsi ed eventualmente definirsi in relazione alle immagini mentali che le altre persone si vanno facendo di lui. Nel secondo caso, conseguente al decentramento del punto di osservazione esterno al campo scenico in cui si svolge l’azione, la possibilità di vedere se stessi, nella propria realtà soggettiva, come riflessa dalla superficie di uno specchio, stimola e dà forma alla attitudine autoosservatrice ed autodefinitoria dell’Io; l’identità autoriflessiva del soggetto è stimolata, sostenuta e composta proprio dalla successione di “immagini di sé” che nel fluire delle interazioni vanno a comporre ed arricchire via via il ritratto personale. Come per il doppio, anche nel caso dello specchio l’azione dell’altro svolge una funzione ausiliaria a beneficio dell’Io-osservatore del protagonista che progressivamente si struttura ed autonomizza rispetto alle esigenze di auto-osservazione ed autodefinizione.


3. Rispecchiamento


La tecnica del rispecchiamento è, all’interno della metodologia psicodrammatica, quella meno codificata; infatti, sebbene la associata funzione (definita col termine stesso di rispecchiamento o con quello più generalmente conosciuto di identificazione) sia ampiamente conosciuta e trattata (in particolare cfr Dotti L., 1998, 2002), non si trova nei testi dedicati allo psicodramma menzione di una tecnica di intervento identificata con questo termine.

Ne troviamo tuttavia una consolidata applicazione (ed una implicita definizione) nell’attività conosciuta come partecipazione finale (o “sharing”), che segue un lavoro col protagonista, e chiude la sessione di psicodramma. La struttura dell’interazione tra i partecipanti, associata alla citata attività, è quella per la quale i membri del gruppo sono stimolati ad esprimere contenuti riguardanti la propria persona con riferimento (per assonanza o contrasto), con aspetti di sé mostrati o raccontati da un compagno.

La dinamica gruppale promossa attraverso il rispecchiamento è quella che fa perno su processi di “confronto interpersonale” ed identificazione; attraverso il riconoscimento di parti di sé nell’altro, o viceversa grazie alla identificazione e precisazione di proprie caratteristiche per differenza rispetto alle parti manifestate dall’altro, risultano stimolate ed arricchite la conoscenza e la definizione di sé.

Nel corso della dinamica relazionale associata al rispecchiamento, a livello intrapsichico possiamo immaginare l’Io-osservatore del soggetto interessato indirizzare la propria attenzione, sia in funzione di specchio che in funzione di doppio, alternativamente ora sui contenuti espressi e manifestati dall’interlocutore, ora su aspetti attinenti la propria persona e la propria condizione esistenziale.

In funzione di doppio, l’Io-osservatore della persona attivata è chiamata a percepire e definire tanto i contenuti emozionali espressi dal compagno quanto quelli che per “risonanza” prendono forma al proprio interno. In funzione di specchio, l’Io-osservatore è stimolato a confrontare le immagini prodotte dall’espressione dell’altro con le immagini interne, riferite a sé e alla propria storia, evocate dalla stessa espressione. Attraverso il rispecchiamento l’Io-osservatore si trova perciò stimolato a bilanciare ed “intrecciare” elementi che rispettivamente lo accomunano e lo differenziano dall’altro col quale sta interagendo; in altri termini, è stimolata l’attitudine alla simultanea percezione empatica e definizione, tanto rispetto a sé che all’altro; l’effetto sulla dinamica e sulla struttura della relazione tra Io-osservatore ed Io-attore consiste in un incremento sia di “sensibilità” (grazie agli stimoli all’autopercezione), che di “obiettività” (in virtù del riscontro di realtà rappresentato dalla soggettività del compagno).

Infine, si trovano contemporaneamente attivate sia la funzione di doppio, in relazione alla propria e alla altrui emozionalità interna; sia la funzione di specchio, rispecchio all’identità e alla storia, propria e dell’altro. Per questi aspetti, consistenti nell’intervento simultaneo e interconnesso di diverse funzioni mentali, il rispecchiamento si costituisce in modo particolarmente significativo come precursore della, evolutivamente successiva, funzione: l’inversione di ruolo.


4. Inversione di ruolo


E’ quella tecnica per la quale un partecipante all’esperienza psicodrammatica viene stimolato ed accompagnato ad assumere il ruolo di “un altro”.

L’altro può essere costituito da una entità impersonale: una parte della realtà concreta o astratta (per esempio un oggetto o un contenuto ideologico), o un aspetto parziale di una persona (come una qualità, un sentimento, un pensiero ecc.).

Più frequentemente l’altro con quale si inverte il ruolo è una persona, reale o di fantasia, presente in quel momento e in quel luogo, oppure estratta dai pensieri del soggetto che agisce l’inversione di ruolo.

In questa sede ci interessa prendere in considerazione solo l’ipotesi in cui l’altro, riferimento per l’inversione di ruolo, è un’altra persona; ci risultano infatti in questo caso più evidenti e diretti i collegamenti con le riflessioni che si vanno sviluppando circa la struttura e lo sviluppo della dialettica Io-attore/Io-osservatore.

La realizzazione tecnica dell’inversione di ruolo richiede che il soggetto che la esegue si collochi nella posizione spaziale occupata dall’altro, e ne assuma postura, mimica, gestualità; l’inversione di ruolo richiede di agire, percepire, sentire, pensare “come se” si fosse l’altro.

In quanto forma di comunicazione e struttura della relazione interpersonale, l’inversione di ruolo si realizza attraverso il, e contemporaneamente consiste nel, “mettersi nei panni” dell’altro; essa persegue, e al tempo stesso consente, di assumere il punto di vista dell’altra persona, percepirne i vissuti, intuirne i pensieri.

Per quanto riguarda la dimensione intrapsichica, l’azione dinamica promossa dall’inversione di ruolo si rivela essere particolarmente complessa; infatti, la persona che “inverte il ruolo” con un altro, attiva dentro di sé, dialogicamente e contemporaneamente, diverse delle funzioni sopra descritte; in particolare è manifestamente in funzione di doppio con l’interiorità della persona nei cui panni si mette, al tempo stesso è oggetto di funzione di specchio rispetto alla propria identità che può vedere, riconoscere e definire, decentrata da sé, grazie all’assunzione di ruolo operata simultaneamente dall’altro.

La differenziazione sostanziale tra rispecchiamento e inversione di ruolo consiste nel fatto che la “centratura” del punto di osservazione, in altri e consequenziali termini il focus dell’Io-osservatore, è, nel primo caso su se stessi, mentre nella seconda circostanza è sull’altro.

L’inversione di ruolo segue, ripercorre e si costituisce come completamento delle diverse fasi della strutturazione dello psichismo (perché) umano; ne troviamo conferma e sintetica descrizione in queste parole di Moreno.Sono 5 le fasi nello sviluppo dell’inversione di ruolo:


“…Nella prima fase l’altra persona è senza dubbio una parte del neonato - cioè è la fase della completa e spontanea identità totale. La seconda fase è quella del neonato che concentra l’attenzione sull’altra parte di lui, quella estranea. La terza fase è quella del bambino che estrae l’altra parte dalla continuità dell’esperienza e lascia fuori tutte le altre parti, compreso se stesso. La quarta fase è quella del bambino che si colloca attivamente nell’altra parte e che ne gioca il ruolo. La quinta fase è quella in cui il bambino agisce nel ruolo dell’altro, rivolgendosi a qualcun altro che, a sua volta, agisce nel suo ruolo…”

(Moreno, 1985, pagg. 126-127)



Strumenti e strategie d’intervento psicodrammatico

che coinvolgono la relazione tra Io-attore e Io-osservatore


Fattori “formali” o strutturali


Sappiamo che in una certa fase dello sviluppo “tutto è identità”; possiamo, di conseguenza, considerare anche le categorie fondamentali della realtà, tempo e spazio, come attivatori del Sé.

Vediamo, quindi, qui di seguito come all’interno del teatro di Psicodramma la potenzialità “strutturante” nei confronti della personalità individuale, delle suddette dimensioni, trova concreta e formale attuazione.

- Lo spazio. L’organizzazione spaziale del set, che prevede luoghi distinti, specificamente deputati rispettivamente all’azione (la scena o palcoscenico) e all’osservazione (la balconata e l’uditorio), consente di centrare l’intervento ora sulla struttura dell’attore, ora su quella dell’osservatore e, infine, di intervenire in modo da stimolare e modificare le connessioni tra le due istanze.

- Il tempo. Questa categoria ha a che fare con diverse regole del setting: la direttività e la conseguente strutturazione della dinamica comunicativa interna al gruppo secondo, i criteri della circolarità e della simmetria, e dell’alternanza tra momenti di “azione globale” e momenti riservati esclusivamente alla verbalizzazione; e la sospensione della risposta.

La strutturazione del setting secondo queste regole consente innanzitutto una organizzazione del tempo basata sulla suddivisione il più equa possibile tra tutti i partecipanti dei rispettivi spazi di espressione; inoltre, si viene in questo modo ad introdurre un intervallo tra azione ed espressione verbale; tutto ciò al fine di connettere nella maniera quanto più genuina possibile l’uso della parola all’attivazione dei processi di pensiero, svincolando la prima dall’asservimento ai moti impulsivi connessi all’acting out; infine, la circolare, paritaria ed equa distribuzione dei diversi momenti, sia di azione che di espressione verbale, tra i diversi membri del gruppo, predispone alla possibilità che si costituisca una armonica e organizzata trama tra i diversi pensieri, un flusso di libere associazioni, quasi un pensare comune e coordinato.



Tecniche che agiscono privilegiatamene sull’Io-attore:

la concretizzazione e la produzione di “accadimenti”


Sia la concretizzazione sullo spazio scenico del mondo interno, sia l’interazione psicomotoria, (in condizioni, sia di realtà che di semirealtà), costituiscono importanti occasioni per “lavorare sulla struttura dell’Io-attore”.

La prima consente infatti l’“oggettivazione” dei contenuti del mondo interno delle persone; di conseguenza ne permette l’espressione in maniera definita e precisa, concretamente ed immediatamente rappresentabile e, di conseguenza, percepibile.

Inoltre,la “materializzazione” sulla scena delle strutture del proprio mondo interno consente di interagire con queste in quanto “oggetti concreti”, e di agire sulle medesime, usufruendo di tutti i vantaggi connessi alla loro consistenza concreta.

La produzione di accadimenti sulla scena consente ai partecipanti di esprimersi in quanto esseri di globalità, non solo perciò limitatamente alla esplicitazione verbale delle loro rappresentazioni interne; in altri termini il focus dell’attività psicodrammatica è, in prima istanza, centrato sull’essere piuttosto che sul rappresentarsi.

L’intenzionalità dell’intervento psicodrammatico è rivolta all’esserci, ed in particolare esserci in quanto globalità; ciò consente di accedere alle radici, e alle matrici, della struttura dei ruoli, che, come ben sappiamo, nel pensiero moreniano sono il fondamento della personalità.

Attraverso il vivere di nuovo, come pure grazie al vivere per la prima volta, degli “accadimenti” è possibile modificare, arricchire, moltiplicare la personale dotazione di ruoli, fondamento del senso di identità individuale.

Per questi motivi possiamo dire con Moreno che


“Per tutta la vita gli stimoli di avviamento fisici continuano a essere gli stimoli di salvataggio di tutti i processi di riscaldamento.” (Moreno 1985, pagg. 119).



Tecniche che agiscono privilegiatamene sull’Io-osservatore


Sono tutte quelle che fanno perno sulle condizioni che determinano il cosiddetto “decentramento percettivo”.

Indichiamo qui di seguito una serie di strumenti tecnici accomunati dal movimento, fisico e psicologico, consistente nel prendere distanza e collocarsi fuori dal centro dell’azione.

Essi agiscono, mentre tolgono dall’azione il soggetto interessato, focalizzandosi sull’osservatore; infatti, ne stimolano l’entrata in scena mediante l’osservare, il definire, ed il definirsi rispetto ai fenomeni osservati; qui di seguito illustriamo i caratteri distintivi delle diverse possibilità attuative.

Ne daremo, per brevità , solo una sintetica esplicitazione degli effetti rispetto alla struttura della dialogicità interna, rimandando, per quanto riguarda la descrizione delle modalità di realizzazione delle tecniche, alla ricca bibiliografia disponibile in materia.

- Decentramento dalla balconata. Il protagonista salendo sulla balconata, al contempo prende distanza dall’azione scenica che realizza la concretizzazione di aspetti del proprio mondo interno; raggiunge un punto di osservazione che gli consente una visone, dall’alto e d’insieme di ciò che accade sulla scena; accede ad una possibilità di ristrutturazione del campo percettivo, e dei connessi processi interpretativi, dei fenomeni osservati. Accade di frequente che, dalla balconata, il protagonista sperimenti una catarsi integrativa.

- Decentramento dal punto di vista del controruolo. Questo movimento attiva la sopra descritta funzione di “inversione di ruolo”; rimandiamo alle considerazioni lì sviluppate a proposito degli “effetti” di questo meccanismo mentale a carico del dualismo intrapsichico.

- Decentramento dal punto di vista del testimone. Attraverso questo “spostamento” interno al contesto d’azione, il protagonista si colloca in un vertice osservativo “terzo” rispetto ad una polarità relazionale nella quale si trova coinvolto, e che in quel momento trova rappresentazione sulla scena.

Questo tipo di decentramento permette all’Io-osservatore di uscire, e definirsi “equamente” rispetto ad una dialettica interpersonale conflittuale; esso consente, inoltre, l’accesso, e l’elaborazione, delle tematiche esistenziali relative alla “triangolarità”.

- Decentramento circolare. Esso consiste di una “interpolazione di punti di vista”; si realizza attraverso un continuo, progressivo, circolare decentramento del vertice di osservazione che coinvolge il protagonista rispetto a molteplici e distinte polarità relazionali, concretizzate sulla scena ed esplorate in successione.

Si sviluppa così un’“azione” tutta mentale, in quanto ad interagire sulla scena, secondo il descritto movimento di circolare dialetticità, sono diversi “altri significativi” individuati e scelti dal direttore in base a precise considerazioni strategiche; queste figure significative, nel cui ruolo via via si decentra il protagonista, corrispondono a precisi “riferimenti interni” interconnessi con la struttura dell’Io-osservatore; il circolare sviluppo della dialettica tra le diverse polarità produce il duplice effetto di dipanare progressivamente e, al contempo, modificare in chiave integrativa, detta struttura.


Interpolazione di momenti di “azione” e momenti di “osservazione”


- Soliloquio. Esso consiste in una sospensione nella continuità dei flussi di azione; attraverso l’indicazione, data dal direttore di “mettere in parola” i contenuti relativi al vissuto interno che si vanno producendo nel ”momento”, attiva (dentro il contesto d’azione) le strutture auto-osservatrici, le stimola a definirsi e a collegarsi coi movimenti percettivo-emozionali proprio dell’Io-attore.

- Catena. Di questa tecnica interessa considerare la modalità di realizzazione che vede i membri del gruppo in posizione comoda (di abbandono corporeo, nella semi-oscurità, eventualmente in contatto fisico tra di loro) comunicare e scambiarsi, circolarmente, in successione, dei contenuti relativi alle più svariate dimensioni del loro mondo interno.

Preme far rilevare come questa modalità tecnica attivi in una sinergia particolare la relazione tra Io-attore e Io-osservatore: l’Io-attore è perso, ed affettivamente nutrito, nella fusionalità; l’Io-osservatore si attiva nella circolarità dell’interazione ed espressione verbale, ed è chiamato alla definizione di sé, dell’altro compagno a cui ci si rivolge, della relazione che tra loro intercorre, di un terzo eventualmente preso in considerazione.



Al termine, la catarsi


Siamo partiti dalla catarsi, quella dello spettatore e quella dell’attore, in questo percorso esplorativo che abbiamo intrapreso e sviluppato nell’intento di conoscere la diade Io-attore e Io-osservatore.

L’itinerario che progressivamente si è aperto alla nostra visione ci presenta in conclusione, come punto d’approdo, di nuovo la catarsi, in un senso arricchito di nuovi significati.

Lo psicodramma, come pratica terapeutica, a lungo è stato identificato principalmente con la rappresentazione scenica, drammatica, a cui si associava imprescindibilmente un intento indirizzato ad ottenere un effetto catartico, nel senso della liberazione di emozioni.

Lo sviluppo della pratica applicativa e della riflessione teoretica ha progressivamente portato a distinguere due tipi di catarsi, quella abreativa e quella integrativa; parallelamente, l’intenzionalità del conduttore di gruppi di psicodramma si è sempre più focalizzata sul raggiungimento del secondo tipo di catarsi.

Per capire meglio di cosa stiamo parlando faccio riferimento, ancora una volta, alle parole di Moreno:


“La catarsi mentale non può sempre essere raggiunta sul piano della realtà…..Il problema è stato quello di trovare un mezzo che possa prendersi cura dei fenomeni perturbanti nella maniera più realistica, ma ancora al di fuori della realtà; un mezzo che includa una realizzazione e allo stesso modo una catarsi per il corpo; un mezzo che renda possibile la catarsi al livello del linguaggio; un mezzo che spiani la strada per la catarsi non solo per un individuo, ma anche per due, tre o diversi individui uniti in una situazione della vita; un mezzo che schiuda alla catarsi il mondo delle fantasie e dei ruoli e delle fantasie irreali.”

(Moreno, 1985, pag. 48-49)


Intendendo distinguere così la catarsi abreativa, che coinvolge esclusivamente, o almeno in prevalenza, l’Io-attore; essa consiste e si realizza attraverso una liberazione di energia emotiva.

Invece la catarsi integrativa mi pare riguardi armoniosamente tanto l’Io-attore che l’Io-osservatore; se così è, possiamo allora aggiungere che essa produce, e allo stesso tempo si sostiene attraverso, lo sviluppo e la ristrutturazione della relazione Io-attore/Io-osservatore.

L’armoniosa conformazione della dialettica tra Io-osservatore ed Io-attore può essere classificata tra le realizzazioni creative dell’azione dell’essere umano; il prodotto, tutto a livello intrapsichico di questa azione creativa, consiste nel pervenire ad un assetto della relazione tra “sé e sé” strutturalmente definito e funzionale; il risultato finale, percepibile all’esterno, consiste nell’esplicarsi, nel mondo, attraverso la concretezza dell’arricchimento e della moltiplicazione dei ruoli, delle potenzialità “ego-espansive” dell’individuo; in altre parole, si rende possibile un “agire nel mondo” libero dalle rigidità e coercizioni che gli psicodrammatisti riconducono alle note categorie del “copione” e del “ruolo cristallizzato”.

Così, per concludere, possiamo affermare che se la catarsi abreativa porta alla “purificazione dalle emozioni”, il perseguimento della catarsi integrativa si associa fruttuosamente ad una “purificazione dalle coazioni”.




Bibliografia.



Boria G., Tele. Manuale di psicodramma classico, Angeli, Milano, 1983.


Boria G., Lo psicodramma classico, Angeli, Milano, 1997.


Boria G., Psicoterapia psicodrammatica. Sviluppi del modello moreniano nel lavoro terapeutico con gruppi di adulti, Angeli, Milano, 2005.


Bustos D., Psicodramma: un contributo filosofico, teorico e tecnico alla vita, Psicodramma Classico, AIPSIM n.1-2, Novembre 2006.


Consolati L., La teoria del ruolo, Psicodramma 1988, AIPSIM, Milano, 1989.


Damasio A., The feeling of what happens, Harcourt, New York, 1999.


De Leonardis P. , Lo scarto del cavallo. Lo psicodramma come intervento sui piccoli gruppi, Angeli, Milano, 1994.


Dotti L., Forma e Azione. Metodi e tecniche psicodrammatiche nella formazione e nell’intervento sociale, Angeli, Milano, 1998.


Dotti L., Lo psicodramma dei bambini, Angeli, Milano, 2002.


Fink G. R., Markowitsch H.J., Reinkemeier M., Bruckbauer T., Kessler J, & Heiss W-D., “Cerebral representation of one’s own past: Neuralnetworks involved in autobiographical memory”, Journal of neuroscience, 16, 4275-4282, 1996.


Lapierre A. - Acouturier B., Fantasmatica corporale, Sperling & Kupfer, Milano, 1984 .


Giardino V., Piazza M., Senza Parole. Ragionare con le immagini, Bompiani, 2008.


James W., Principles of Psychology, Henry Holt and Co., New York, 1890.


Lapierre A. - Acouturier B., Fantasmatica corporale, Sperling & Kupfer, Milano, 1984.


Marineau R. F., Jacob Levy Moreno 1889-1974, Tavistock & Routledge, London an New York, 1989.


Moreno J.L. (), The role concept: a Bridge Between Psychiatry and Psychology, in: American Journal of Psychiatry, 1961.


Moreno J. L., Principi di sociometrica, psicoterapia di gruppo e sociodramma, Etas Libri, Milano, 1980.


Moreno J. L., Manuale di Psicodramma, Il teatro come terapia, Astrolabio, Roma, 1985.


Reggianini D., Dalla teoria del ruolo alla diagnosi operativa, Psicodramma Classico, AIPSIM Anno IV, vol. 4, Giugno 2002.


Shore A. N., Affect Regulation and the Origin of the Self: The Neurobiology of Emotional Development, Lawrence Erlbaum, Hillsdale, New York 1999.


Shore A. N., “The effects of a secure attachment relationshipon right brain development, affect regulation, and infant mental health”, Infant Mental Health Journal, 22: 7-66, 2001.